Climatizzatori portatili: gli apparecchi per raffrescare che si spostano dove serve

Simona Bruscagin
A cura di Simona Bruscagin
Pubblicato il 04/06/2018 Aggiornato il 13/08/2018

I climatizzatori portatili sono spesso una scelta "last minute": si acquistano cioè quando si ritiene di non poter più sopportare il caldo e non si vuole (o può) affrontare il problema in maniera più radicale con un impianto fisso. Ecco cosa valutare al momento della scelta.

climatizzatori portatili

Montati su ruote, i climatizzatori portatili sono apparecchi in genere di tipo monoblocco, che non prevedono cioè l’unità esterna, come invece gli impianti veri e propri, quelli canalizzati o con split. Non necessitano inoltre di installazione a muro da parte di operai specializzati. Sono quindi la soluzione ideale quando non ci sia un balcone (per sistemarvi l’unità esterna) o nelle case in affitto, dove in genere non si vogliono fare opere di muratura. 

Se però abbiamo detto che i climatizzatori portatili sono soprattutto monoblocco (cioè composti da un’unica unità e provvisti di un tubo di scarico dell’aria calda), va precisato che esistono anche in versione split, costituiti da un elemento da cui esce l’aria fredda da posizionare all’interno dell’abitazione e da un condensatore (la parte rumorosa), da porre all’esterno. Il collegamento tra questi due elementi avviene attraverso due tubicini flessibili e un cavo da far passare tra i battenti socchiusi di una finestra.

Esistono poi modelli a pompa di calore, che possono riscaldare grazie all’inversione del loro ciclo termico; a parità di consumi elettrici, la pompa di calore riscalda fino a 5 volte di più di una stufetta elettrica o un termoventilatore.

Ci sono infine i modelli di climatizzatori portatili on-off. Gli apparecchi on-off quando si accendono partono alla massima potenza fino a raggiungere la temperatura desiderata e poi si spengono. Questa tecnologia nasce come soluzione alla necessità di raffreddare rapidamente e per non troppe ore consecutive (tipico dei modelli portatili). Nei climatizzatori fissi invece la tecnologia inverter modulante li fa accendere e gestire in maniera più graduale ed equilibrata il raffreddamento della stanza, per mantenere la temperatura sempre costante per tantissimo tempo. Solitamente i condizionatori inverter sono più cari, tuttavia consumano molto meno e possono portare ad un risparmio fino al 30% sui consumi energetici.

In genere i climatizzatori portatili hanno capacità di raffreddamento con valori che variano dai 9.000 BTU/h ai 12.000 BTU/h: la scelta della potenza dipende dalla grandezza dell’ambiente (del volume) che necessita di raffreddamento. L’ideale è una potenza di 340 BTU/h per metro quadro.

I climatizzatori portatili più evoluti hanno anche timer per programmare l’accensione e lo spegnimento dell’apparecchio, oltre a diverse modalità di funzionamento (automatica, raffrescamento, deumidificazione e ventilazione).

Un vantaggio indiscusso che offrono i climatizzatori portatili è quello che si possono spostare a piacimento: di giorno si possono tenere in soggiorno, e la sera mettere in camera; certo, con un po’ di incomodo, perché insieme alla macchina va spostato anche il tubo flessibile che scarica all’esterno (dalla finestra socchiusa o dal foro a vetro sull’infisso stesso) l’aria calda “sottratta” alla stanza. 

Un vantaggio è la facile pulizia del filtro (il filtro pulito è fondamentale per una resa ottimale oltre che per ragioni igieniche) perché basta toglierlo e sciacquarlo, senza doversi munire di scala. Occorre anche scaricare la condensa manualmente, cioè svuotare il piccolo serbatotoio interno, quando è pieno; la frequenza di questa operazione dipende da quella di utilizzo e dal tempo di funzionamento. 

 

Clicca sulle immagini per vederle full screen

modern study roomIn classe A, Vort-Kryo Polar 10 di Vortice è dotato di doppia modalità di funzionamento: aria-aria e acqua-aria. Quest’ultima garantisce superiori capacità refrigeranti e un miglioramento dell’efficienza energetica dei prodotti. Si possono scegliere 4 modalità di funzionamento: automatica, raffrescamento, deumidificazione e ventilazione e ha timer per programmare, nell’arco delle 12 ore e a intervalli di 1 ora, l’accensione e lo spegnimento dell’apparecchio. Ha potenza di raffrescamento di 10.000 BTU/h. Misura L 42 x P 40,5 x H 79 cm. Prezzo 1.069 euro. www.vortice.com

argo denver

Monoblocco, Denver di Argoclima ha funzione di raffrescamento, ventilazione, deumidificazione e riscaldamento grazie alla pompa di calore. Ha potenza di 13.000 BTU/h e flap frontale motorizzato, con ampia oscillazione automatica, gestibile anche con telecomando. La funzione Sleep silenziosa offre maggior comfort durante il sonno. In classe A di raffrescamento, misura L 50 x P 43 x H 80 cm. Prezzo 499 euro. www.argoclima.com

comfee sognidoro

Il riavvio automatico in caso di interruzione dell’alimentazione elettrica, ripristina le impostazioni precedentemente in uso nel monoblocco Sognidoro di Comfee. Disponibile con potenza di 9.000 BTU/h o 12.000 BTU/h, è dotato di telecomando a infrarossi che permette di controllare tutte le funzioni senza accedere al pannello di controllo posto sull’unità. Le alette di direzione del flusso d’aria sono motorizzate e controllabili in oscillazione continua ed arresto in posizione predeterminata da un pulsante. In classe A, misura L 43,5 x P 34 x H 72 cm. Prezzo 349 euro. www.comfee.eu

de longhi pinguino 97RealFeel ambientata

Pinguino PACAN97 Real Feel di De’Longhi è dotato della tecnologia Real Feel che garantisce il miglior livello di comfort grazie alla riduzione combinata della temperatura e dell’umidità. E’ in grado di agire in un ambiente fino 95 mq. Il display a led fornisce un feedback immediato sullo stato di comfort grazie al sistema Comfort Light Indicator. In classe A, ha potenza frigorifera di 10.700 Btu/h e utilizza gas refrigerante R410A che rispetta l’ambiente. Misura L 45 x P 39,5 x H 75 cm. Prezzo 399 euro. www.delonghi.com

electrolux airflower ambientata

Il design slanciato, la forma e il diffusore d’aria ispirato alla forma di una rosa, trasformano AirFlower di Electrolux in un monoblocco di design. Ha sistema AirSurround che raffredda e scalda efficientemente, telecomando dalla forma rotonda, maniglie ergonomiche e ruote a scomparsa, che rendono l’unità facile da trasportare. Le cover del tubo flessibile sono personalizzabili e disponibili anche nei colori verde, legno, denim e rosa. In classe A+, ha capacità di raffrescamento e riscaldamento di 9.000 BTU/h. Misura L 38,8 x P 38,8 x H 95,5 cm. Prezzo 999 euro. www.electrolux.it

hisense ap-09cr4sejs

Nel monoblocco AP-09CR4SEJS di Hisense che ha 9.000 BTU/h di potenza di raffreddamento, due sensori, uno nell’apparecchio e uno nel telecomando, dialogano di continuo in modo che la temperatura si adegui a quella programmata dal telecomando nella posizione dove si desidera. In classe A, ha sistema automatico di evaporazione della condensa. Misura L 43 x P 32,5 x H 69 cm. Prezzo 299 euro. www.hisenseitalia.it

Olimpia Splendid_Dolceclima Compact 8

Dolceclima Compact 8 di Olimpia Splendid è ultracompatto per poter essere collocato in ogni stanza senza risultare ingombrante. In classe energetica A, ha una capacità nominale di raffreddamento di 8.000 BTU/h. Oltre alla funzione ventilazione regolabile su 2 velocità, può lavorare in modalità Deumidificazione, Auto, Sleep e Turbo. Tutte possono essere impostate con la massima facilità sia dal display LCD sul frontale sia attraverso un telecomando. Misura L 35 x P 34 x H 70 cm. Prezzo 299 euro. www.olimpiasplendid.it