Cucine: progetto più preventivo

Comprare la cucina risparmiando senza rinunciare alla qualità: il sogno di tutti. Ci siamo messi nei vostri panni e abbiamo chiesto a dei rivenditori tre preventivi. Ecco il primo, per una composizione in due blocchi. Per gli altri: appuntamento nei prossimi giorni!

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 26/05/2013 Aggiornato il 06/06/2013

L’acquisto della cucina è spesso impegnativo dal punto di vista progettuale ed economico. E a volte anche da quello emotivo, quando a scegliere si è in due. A volte però sapersi muovere dà qualche vantaggio. Entrati all’interno dello showroom, si comincia il “giro” per vedere le cucine in esposizione. Una volta che ci si è fatti un’idea informandosi anche su colori e materiali a catalogo, è il momento di mettersi a tavolino per chiedere un breve progetto e un preventivo. Che – al cliente – verranno mostrati, ma rilasciati in genere soltanto alla firma dell’ordine.
Il costo complessivo della cucina è il risultato dei prezzi di listino forniti dall’azienda (incrementati dell’Iva, nel caso questa non fosse già compresa), più la voce “trasporto e montaggio”. Questa di solito si aggira percentualmente tra il 5 e il 9%. A volte poi il rivenditore applica uno sconto, che nella pratica in realtà annulla l’incidenza di consegna e installazione, perché le cifre più o meno si equivalgono. Per poter progettare la composizione è necessario presentare la pianta della cucina con la posizione degli impianti (gas, acqua, luce). In caso di ristrutturazioni o nuove costruzioni, il rivenditore stesso può fornire suggerimenti per la distribuzione ottimale delle funzioni.

Come organizzare lo spazio?

È la prima questione che si pone nel momento in cui si è deciso il modello di cucina e si deve creare un progetto ad hoc per la propria casa, in modo da annullare il più possibile gli angoli inutilizzati. Le composizioni di ampia modularità (con elementi da 15, 20, 25, 30, 35 cm) riescono quasi del tutto a evitare lo spreco di centimetri. Alcune aziende poi prevedono – di serie – la realizzazione di elementi su misura. Sempre più spesso, non solo per ragioni di spazio ma anche per scelta estetica, la cucina si articola in un unico ambiente con il soggiorno. In questo caso si può prevedere una separazione fra zone grazie a un’isola o a una penisola, anche se va considerato che si perde la parete d’appoggio, sfruttabile anche in altezza. Limite dell’isola – sogno di chi ama l’open space – è che per ottenere un impatto visivo adeguato richiede parecchio spazio libero intorno: servono come minimo 90 cm su ogni lato; molto meglio se sono di più. La penisola rappresenta invece una soluzione più alla portata di tutti, anche di chi non dispone di maxi ambienti. Prima di tutto perché può avere dimensioni contenute e poi perché dà la possibilità di far passare al suo interno eventuali impianti (preferibilmente quelli del gas, dato che è tecnicamente più opportuno lasciare il lavello lungo la parete). Inoltre, qualora si attrezzi la penisola con il piano cottura, la composizione viene completata da una cappa aspirante a sospensione, con risultati spesso abbastanza scenografici.

Scelta del modello tra quelli esposti

Il primo rivenditore cui ci rivolgiamo è un monomarca (nei prossimi giorni vi proporremo una seconda e una terza soluzione di altre aziende). Scegliamo il modello della foto qui sotto e chiediamo un progetto della stessa cucina ma in una composizione più contenuta e di colore chiaro perché – ipotizziamo -l’ambiente in cui andrà inserita è aperto sul soggiorno dove ci sono già mobili in essenza. Vogliamo però che vengano mantenute le armadiature a colonna, che sono di tendenza e permettono di recuperare tanto spazio per riporre.

 

La cucina Orange di Snaidero è progettata secondo criteri di qualità che proteggono l’ambiente: legno ecologico proveniente da riserve certificate dal Forest Stewerdship Council (Fsc), che stabilisce un giusto equilibrio tra taglio e piantumazione; verniciatura con prodotti a base di acqua, che riducono drasticamente solventi sintetici, e privi di sostanze pericolose per la salute; pannello di particelle di legno low emission, di spessore 19 mm (a bassissima emissione di formaldeide, a meno della metà dello standard europeo E1) nobilitato con resine melaminiche. Ha le ante in legno Frassino Dark ed elementi a giorno laccato Giallo Curry. Il sistema progettuale utilizza moduli standard ma “a misura”, che valorizzano il contenimento grazie alla flessibilità in altezza e larghezza senza spreco di spazi.

La cucina che abbiamo scelto, Orange di Snaidero, è progettata secondo criteri di qualità che proteggono l’ambiente: legno ecologico proveniente da riserve certificate dal Forest Stewerdship Council (Fsc), che stabilisce un giusto equilibrio tra taglio e piantumazione; verniciatura con prodotti a base di acqua, che riducono drasticamente solventi sintetici, e privi di sostanze pericolose per la salute; pannello di particelle di legno low emission, di spessore 19 mm (a bassissima emissione di formaldeide, a meno della metà dello standard europeo E1) nobilitato con resine melaminiche. Ha le ante in legno Frassino Dark ed elementi a giorno laccato Giallo Curry. Il sistema progettuale utilizza moduli standard ma “a misura”, che valorizzano il contenimento grazie alla flessibilità in altezza e larghezza senza spreco di spazi. www.snaidero.it

Progetto e preventivo per una composizione cucina divisa in due blocchi

La cucina si sviluppa su due pareti: uno con basi e pensili e uno con armadiature. Per riempire al meglio lo spazio disponibile e alleggerire l’impatto visivo delle colonne, scegliamo di interromperle con un modulo a giorno dove esporre oggetti. Al centro resta spazio per il tavolo da pranzo. Ecco il progetto e il preventivo del rivenditore.


cucine-prevetivi-snaidero-rendercucine-prevetivi-snaidero-pianta

A) Armadio per forno, L 60 x P 56 x H 208 cm472 €
B) Armadio per frigorifero a un’anta, L 60 x P 56 x H 208 c497 €
C) Profili verticali con funzione maniglia (2 gole)184 €
D) Elemento a giorno, L 30 x P 37,5 x H 250 cm454 €
E) Pensili soprarmadio (2 elementi), L 60 x P 56 x H 42 cm370 €
F) Zoccoli per tutta la composizione, H 10 cm110 €
G) Pensile con cappa compresa, L 90 x P 35 x H 108 cm1.130 €
H) Pensili (2 elementi) con anta, L 60 x P 35 x H 105 cm370 €
I) Pensile scolapiatti, L 60 x P 35 x H 105 cm272 €
L) Base piano cottura con cassetto e cestoni, L 90 x P 56 x H 78 cm505 €
M) Base lavello con ante, L 120 x P 56 X H 78 cm239 €
N) Anta per lavastoviglie, L 60 x P 56 x H 78 cm147 €
O) Piano lavoro più mensolina in laminato Porfido Brown, L 272,6 x P 64 x H 4,3 cm360 €
P) Schienale in laminato Porfido Brown, L 271,2 x H 65 cm280 €
Q) Pannelli di fine composizione (sei elementi di diversa altezza)339 €
TOTALE5.729 €

ELETTRODOMESTICI: Forno, piano cottura, lavastoviglie, frigorifero, lavello, rubinetto – TOTALE 2.661 euro

  • Prezzi Iva inclusa, forniti da: showroom Snaidero MisuraCasa, Via Edmondo De Amicis 12, Milano, Tel. 02/89410313.
Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!