Pulire la cucina: prodotti diversi a seconda dei materiali

Sono molti i materiali utilizzati in cucina: acciaio, laminato, marmo, senza dimenticare le nuove superfici hi tech, come la vetroceramica. Ciascuno ha bisogno di cure particolari e prodotti ad hoc.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 24/01/2015 Aggiornato il 24/01/2015
Pulire la cucina: prodotti diversi a seconda dei materiali
Allegra Alevè di Stosa

Per svolgere al meglio il loro compito, è indispensabile che i materiali utilizzati in cucina, soprattutto per il top (la superficie cioè che ricopre il piano di lavoro), siano resistenti a urti, macchie, abrasioni, calore e fuoriuscita accidentale di liquidi.
 Per questo il top, che tra tutti i componenti della cucina è quello più a rischio incidenti, va scelto con attenzione badando alle sue caratteristiche tecniche oltre che all’estetica. I materiali più adatti sono il laminato, il marmo e l’acciaio, ciascuno con esigenze specifiche sul fronte della manutenzione. Tra i materiali recentemente entrati in cucina, va segnalata anche la vetroceramica, utilizzata soprattutto per i piani cottura. L’errore più comune è quello di utilizzare un solo prodotto per tutte le superfici, dimenticando che ciascuna ha specifiche esigenze. Vediamole nel dettaglio.

Marmo

È uno dei rivestimenti più pregiati e come tutte le superfici delicate rischia di rovinarsi se non trattato con la giusta attenzione: schizzi di cibi, stoviglie unte e incrostazioni possono comprometterne brillantezza e durata. Al momento dell’acquisto è bene verificare con il venditore se la superficie ha subìto trattamenti antimacchia. In caso contrario, si può ricorrere a prodotti specifici in grado di creare una barriera protettiva contro le aggressioni più comuni: olio, acidi, caffè. Prima di utilizzare un nuovo prodotto è sempre consigliabile fare una prova in un punto non visibile per testare la risposta del materiale.

Acciaio

La cucina in acciaio è sinonimo di cucina professionale: non è un caso se i cuochi preferiscono lavorare a diretto contatto con questo materiale igienico e facile da lavare. Nel tempo, però, calcare e detersivi non adatti possono rovinare le superfici in acciaio, rendendole spente e opache. Meglio scegliere prodotti specifici che creano una barriera protettiva, proteggendo le superfici e facendole brillare a lungo. Attenzione anche alle spugne: bandite quelle abrasive e le pagliette metalliche che possono graffiare la superficie e lasciare macchie di ruggine. Meglio i panni in microfibra che non lasciano aloni e asciugano perfettamente la superficie.

Laminato

Il laminato plastico, utilizzato per rivestire pannelli in truciolare, Mdf, tamburati e altro, è caratterizzato da uno strato protettivo esterno detto overlay, solitamente impregnato con resine melamminiche in grado di resistere a macchie, solventi aggressivi, strofinamenti e graffi superficiali. Questo lo rende particolarmente adatto ai piani di lavoro delle cucine e il costo decisamente inferiore rispetto al marmo e all’acciaio, ne fa uno dei materiali più diffusi in commercio. Per la pulizia è sufficiente utilizzare un detergente per la plastica o uno sgrassatore universale. 

Vetroceramica

Le superfici in vetroceramica, da annoverare tra le novità degli ultimi anni, sono utilizzate sia per i fornelli a gas, sia per quelli a induzione. Nei modelli a induzione, la pulizia è facilitata dall’assenza di griglie e piattelli; tuttavia, va utilizzato un detergente specifico per questa tipologia di piani cottura, avendo cura di eliminare completamente in fase di risciacquo eventuali tracce di detergente. Le parti in acciaio inox o in alluminio (profili, cornici etc) vanno puliti esclusivamente con acqua tiepida e sapone neutro.

Clicca sulle immagini per vederle full screen

  • Photo1_  001
  • Fila-REFRESH-pulizia-cucina
  • LEROY-MERLIN-pulizia-cucina
  • SmacBRILLACCIAIO-crema-pulizia-cucina copy
  • whirlpool-natur vitro-pulizia-cucina

 

composizione Allegra Alevè di Stosa

È disponibile in tre nuovissimi colori laccati UV lucidi e otto colori laccati diretti lucidi e opachi la nuova composizione Allegra Alevè di Stosa. La penisola è caratterizzata dal top in laminato olmo mercurio dello spessore di 6 cm; piano e schienale della zona cottura sono in marmo grabla velvet dello spessore di 3 cm. Prezzo da rivenditore. www.stosacucine.com

detergente in spray che pulisce superfici in marmo Filarefresh di Fila

Filarefresh di Fila è un detergente in spray che pulisce a fondo le superfici in marmo e allo stesso tempo rinnova la protezione antimacchia rendendola più duratura nel tempo. Basta stenderlo con un panno morbido e asciutto, massaggiando la superficie fino a quando questa diventa completamente asciutta; non necessita di risciacquo e lascia un gradevole profumo. 13,80 euro. www.filasolutions.com

detergente Sandokan di Leroy Merlin per top in laminato plastico e superfici plastiche

Per i top in laminato plastico e le superfici plastiche in generale, è indicato il detergente Sandokan di Leroy Merlin. Certicazione Ecolabel per il basso impatto ambientale. Confezione spray da 750 ml, prezzo 7,10 euro. www.leroymerlin.it

Smac Brilla Acciaio

Adatto a lavelli, piani di lavoro, cappe, rubinetti e pentole in acciaio, Smac Brilla Acciaio in crema si stende con un panno umido. Dopo il risciacquo, per una brillantezza extra si consiglia di asciugare la superficie. www.smac-casa.it

Detergente per piani cottura NaturVitro Eco 307 di Whirlpool

Detergente per piani cottura NaturVitro Eco 307 di Whirlpool; è adatto per piani a induzione, in vetro e in vetroceramica. Per la confezione da 250 ml, prezzo 6 euro. www.whirlpool.it

 

 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!