Cucina: progettare la disposizione dell’arredo

Spazio domestico di lavoro, ma anche luogo in cui si raccolgono i componenti della famiglia, la cucina necessita di un'accurata progettazione. Come disporre l'arredo per renderla più funzionale e accogliente?
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 30/12/2015 Aggiornato il 30/12/2015
Cucina: progettare la disposizione dell’arredo
Cucina Opera di Snaidero

L’arredamento, soprattutto in cucina, deve assicurare libertà di movimento e facilitare l’organizzazione del lavoro. La profondità dei moduli base è in genere di 60 cm, superiore a quella dei pensili che devono lasciare lo spazio necessario per poter usare agevolmente il piani di lavoro. L’obiettivo è quello di ottenere la miglior disposizione dei diversi componenti indispensabili (piano cottura, forno, frigo, lavello – per quanto riguarda gli elettrodomestici – e moduli dispensa o per contenere piatti e pentole). Un esempio di disposizione semplice e funzionale può essere quello di mettere in linea da destra verso sinistra un piano di appoggio, i fornelli con il forno, un piano di lavoro, il lavello con lo scolapiatti. Al di sopra della zona cottura deve essere prevista una cappa per l’eliminazione degli odori e dei fumi prodotti durante la preparazione dei cibi.

Materiali cucina

materiali possono essere molteplici: legno massello, nobilitato con rivestimento melamminico o laminato, che imitano le rifiniture in legno o i colori, e il laccato. Il piano di appoggio e di lavoro della cucina (pietra e marmo, legno, piastrelle, acciaio, laminato, acrilico, materiali compositi) va scelto in base al gusto e alle caratteristiche tecniche.

Progettazione cucina

La progettazione dell’arredo cucina necessita di un preliminare rilievo dello stato di fatto per procedere, seguendo le esigenze funzionali di chi userà l’ambiente, con il dimensionamento e la distribuzione attenta dei componenti di arredo. Rilievo dello spazio: prima di procedere con la progettazione dei componenti e della relativa disposizione nell’ambiente cucina, luogo di lavoro ma anche d’incontro dei componenti della famiglia, sarà necessario rilevare le misure dello spazio della stanza. In particolare bisognerà individuare: la superficie della stanza; le dimensioni delle pareti e l’altezza della stanza; la posizione, dimensioni e ingombro di porte e finestre. Importante è rilevare, anche, la presenza di tubi ed eventuali collegamenti all’impianto idrico e impianto gas, condotte di ventilazione, prese dell’impianto elettrico e interruttori, presenza di termosifone o di altri elementi, anche architettonico, come un pilastro o delle nicchie, che possono caratterizzare la stanza.

Organizzazione dell’arredo

Affinché un ambiente cucina funzioni ad hoc, è necessario organizzare l’arredo in modo da prevedere almeno tre aree di lavoro distinte: quella che comprende forno e piano cottura; un’area destinata al lavaggio delle stoviglie che comprende lavello e lavastoviglie e un’area da destinare alla conservazione dei cibi che comprende frigorifero, congelatore e dispense. Queste aree devono relazionarsi in modo da consentire brevi percorsi di spostamento nello spazio, in modo da permettere un ciclo continuo di lavoro senza ostacoli. Perciò, pentole e padelle saranno posizionate vicino all’area di cottura, bicchieri e piatti vicino a lavello e lavastoviglie e la dispensa nei pressi del piano di lavoro. I cassetti estraibili permettono una visione d’insieme del contenuto e un più facile recupero degli oggetti e una più veloce organizzazione del lavoro). È possibile trovare anche tantissime soluzioni intelligenti tra gli accessori come: scolapiatti a parete, portaposate, cestelli scolapiatti, ganci, mensole eccetera.

Metratura della cucina

La superficie minima prevista – per esempio dal Regolamento edilizio di Milano – è di 5 mq o di 17 mq se a vista sul soggiorno. Ovviamente più spazio c’è, più l’ambiente sarà bello oltre che comodo e funzionale. In ogni caso bisogna predisporre l’arredamento in modo da assicurare libertà di movimento e facilitare l’organizzazione del lavoro. Le composizioni dell’arredo in cucina possono essere varie ma si possono schematizzare individuandone alcune: 

  • Cucina lineare, con arredo disposta su di una parete sola
  • Cucina lineare doppia, con arredo disposto su due pareti
  • Cucina ad angolo
  • Cucina con disposizione in pianta a C o a U, i mobili sono in questi casi posti su tre pareti della stanza
  • Cucina con isola a centrale
  • Cucina con penisola

Tra i mobili posti su due pareti frontali bisogna sempre lasciare almeno una larghezza di 120 cm cioè lo spazio idoneo per l’apertura delle ante e dei cassetti e per il passaggio. Per scegliere e dimensionare l’arredo necessario alla cucina è opportuno conoscere, comunque, l’ingombro dei diversi componenti. La larghezza: il piano cottura necessita in genere di almeno 60 cm, il lavello con due vasche compreso di scolapiatti e lavastoviglie necessita di almeno 150 cm, il forno, il frigorifero e il congelatore necessitano di 60 cm, le colonne di 60-120-180 cm.

Il piano lavoro, a seconda dei materiali, può raggiungere diverse lunghezze massime senza giunzioni, fatta eccezione per gli acrilici come il Corian che possono essere “aggiustati” e quindi anche saldati tra blocchi diversi senza linee di giunzione. La profondità standard dei moduli base in cucina è in genere di 60 cm (ma vi sono anche moduli standard a profondità ridotta), mentre i pensili hanno misure inferiori per lasciare spazio sui piani lavoro e di appoggio. L’altezza delle basi è mediamente di 85 cm. La distanza tra basi e i pensili deve essere di 50-55 cm, l’altezza dei pensili può variare da 60 cm a 100 cm. Le diverse misure in larghezza, profondità e altezza possono comunque essere personalizzate dalle aziende, che in alcuni casi propongono soluzioni come “su misura” con un sovrapprezzo in percentuale pari al 20-30%. 

 

Clicca per vedere full screen le immagini

  • Snaidero Opera cucina
  • Mobilturi-Vela-Cucina
  • Scavolini_Easy_Urban01_LR
  • Marmo Arredo-Lavello integrato-Cucina
serie Vela di Mobilturi

La serie Vela di Mobilturi ha design essenziale, senza maniglie, ed ante in bianco, corda, miele, verde muschio, tabacco, caffè; le vetrine hanno telaio in alluminio e vetro trasparente bianco, rosso, testa di moro e nero. www.mobilturi.it

cucina con maniglie orizzontali Snaidero Opera cucina

Opera di Snaidero è una grande cucina elegante e raffinata, destinata a divenire un classico. Le grandi maniglie orizzontali sono protagoniste insieme agli elementi a giorno in alluminio verniciato. Le ante sono disponibili in centoventi varianti di finitura. Prezzo su richiesta. www.snaidero.it

cucina con forma a golfo con penisola Easy Urban di Scavolini

Easy Urban di Scavolini ha una forma a golfo con penisola che, nonostante le dimensioni contenute, la rende una vera e propria centrale operativa; inoltre la penisola, che nella parte inferiore è dotata di basi contenitore, può essere usata come tavolo da pranzo. Gli elementi nella finitura Decorativo Larice Pasha e Laccato Bianco Lucido sono raffinati e luminosi. Prezzo su richiesta. www.scavolini.com

lavello integrato a scomparsa totale prodotto in quarzo collaborazione di Marmo Arredo con Schock®

Interessante risulta il lavello integrato a scomparsa totale prodotto in quarzo grazie alla collaborazione di Marmo Arredo con Schock® . Si tratta di una soluzione che propone una perfetta integrazione tra il lavello e il piano in quarzo con una sola piccola giunzione che quasi non si percepisce alla vista. www.marmoarredo.com

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!