Cucina bianca, tre diverse possibilità nella scelta di un classico

Senza tempo, la cucina bianca si può declinare in tanti stili che sottolineano la forza espressiva del non-colore .
Architetto Marcella Ottolenghi
A cura di Architetto Marcella Ottolenghi
Pubblicato il 02/05/2021 Aggiornato il 06/05/2021
cucina bianca Frida di Arredo3

La cucina bianca è un classico. Senza tempo, non passa mai di moda né cala nel gradimento in chi la sceglie, poiché il colore neutro la rende un passe-partout perfetto in ogni casa e per ogni stile di arredamento. Il bianco è infatti la tinta scelta dalle aziende per i primi modelli “americani”, ovvero le composizioni modulari e industrializzate degli anni Cinquanta, fornite degli antenati dei nostri elettrodomestici in versione esclusivamente candida.

Oggi il bianco è prediletto da chi voglia sottolineare la pulizia formale di una composizione, esaltandone il carattere tecnico, più che formale. Ma l’offerta di proposte da parte dei produttori di cucine è talmente vasta da riuscire comunque a dare carattere all’insieme con piccoli dettagli estetici. Capaci di rivelare aspetti inediti anche in una “semplice” cucina bianca. Vediamo allora alcune possibilità di interpretazione del colore, che ne esemplifichino flessibilità e adattabilità.

Bianco puro

La cucina bianca per eccellenza è quella dalle ante candide, lisce, prive di qualsiasi fronzolo. L’aspetto minimale nasconde però spesso dettagli sofisticati, che si rivelano nella declinazione materica o nel disegno di alcuni particolari: gole ad hoc per l’apertura di ante e cassetti, accessori e meccanismi come maniglie o cerniere, raccordi con i materiali del top come scuretti o giunti. L’anta liscia, con finitura lucida o opaca a seconda del gusto, sottolinea la presenza scultorea dei volumi contenitivi, così come la tecnologia dei grandi elettrodomestici. E può essere dinamizzata dall’accostamento con materiali dalle texture decisamente più cromatiche, come l’acciaio, le essenze lignee, i compositi colorati, le solid surface materiche.

cucina bianca Glass di Arredo3

La cucina prevede basi e colonne con ante di vetro opaco bianco puro, messe in risalto dall’accostamento con altre finiture materiche. La boiserie e il fianco di finitura esterno delle colonne sono infatti di laminato tinta noce Imperial, così come il piano snack, con supporto della penisola dalla finitura alluminio brunito. Il top è HPL 860 in tinta Black Kandia, mentre zoccolo e gola hanno la finitura di alluminio brunito. Modello Glass

Cucina bianca dai dettagli classici

Una cucina candida declinata in versione classica rende meno stucchevole la composizione, rispetto alla scelta del legno a vista. Le ante a telaio bianche possono infatti suggerire un’estetica derivata dalla tradizione senza tuttavia eccedere nei richiami. Laccata a poro aperto, per lasciare intravedere le venature del legno, o meno – sia opaca sia lucida –, la cucina diventa più luminosa rispetto a un modello in essenza, adatta anche ad ambienti di piccole dimensioni. Una buona soluzione, inoltre, per chi non intenda rinunciare al calore e all’accoglienza dello stile classico, ma abbia il resto dell’arredamento di casa di gusto moderno. A maggiore ragione se si opta per una composizione priva di maniglie, con gole integrate nell’anta che danno un ulteriore accento moderno all’insieme.   

cucina bianca Frida di Arredo3

Questa versione classica di cucina – qui nella tonalità Nebbia – si distingue per le ante a telaio, laccate poro aperto, di frassino massello. La maniglia integrata dona un tocco più contemporaneo all’insieme, sottolineato anche dai supporti di metallo delle mensole e dai complementi in abbinamento. Modello Frida

Bianco e nero optical

Una ulteriore possibilità, nella scelta di una cucina bianca, può essere quella di optare per il cosiddetto stile optical, termine derivato dalla moda indicante un accostamento in deciso contrasto tra bianco e nero. Che sia la cornice dell’anta, la finitura dello zoccolino o il colore del top ad aggiungere il tocco black, il risultato è sempre particolarmente espressivo. Ancor più se poi si vuole tendere al vintage, virando la scelta sia sugli anni Cinquanta sia sul gusto industriale. Poche aggiunte mirate – rivestimento schienale o alzata in tema, elementi metallici ossidati… – riescono così a dare carattere a una composizione di segno assolutamente minimale, personalizzandola in modo originale.  

cucina bianca Kronos di Arredo3

La cucina  in foto in versione bianca, è caratterizzata da ante con telaio di alluminio verniciato titanio dalla maniglia integrata che crea un elegante effetto cornice. Il contrasto chiaroscuro viene sottolineato anche dagli accostamenti materici: alle basi bianco opaco si abbinano infatti top e schienale di lastre Laminam Statuarietto , pensili e colonne con ante impiallacciate rovere ebano (così come il piano snack), zoccolo con finitura titanio. Modello Kronos

Foto: cucine Glass, Frida e Kronos di Arredo3

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 5 / 5, basato su 2 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!