Nuovo miniappartamento eco: 55 mq in giallo e blu

Con modifiche al progetto iniziale, il nuovo miniappartamento propone finiture personalizzate, soluzioni low cost e a risparmio energetico.

Silvia Scognamiglio
A cura di Silvia Scognamiglio, Fotografo Adriano Pecchio, Laura Mauceri
Pubblicato il 14/10/2019 Aggiornato il 14/10/2019
Nuovo miniappartamento eco: 55 mq in giallo e blu

All’interno di un complesso abitativo a Cermenate, non lontano da Como, il nuovo miniappartamento al primo piano – come tutte le altre unità immobiliari del condominio – è stato acquistato in fase di costruzione. Rispetto al layout previsto in partenza, il progetto del nuovo miniappartamento ha ridimensionato la camera da letto per lasciare più spazio al soggiorno open space con la zona cottura a vista. Altre variazioni hanno riguardato le finiture previste da capitolato per il nuovo miniappartamento: a pavimento l’effetto legno di un gres porcellanato che imita perfettamente il parquet, anche nello schema di posa; e poi l’utilizzo del ferro grezzo, oltre a inserti in giallo e in blu nei complementi e dei rivestimenti tessili, che fa da filo conduttore. Gli arredi sono realizzati perlopiù su misura, privilegiando appena possibile le soluzioni in nicchia che rendono “invisibili” i vani di servizio del nuovo miniappartamento come la dispensa, il guardaroba e la lavanderia; e criteri salvaspazio sono stati adottati anche per gli infissi, privilegiando porte scorrevoli e a scomparsa.

Gallery

IL PROGETTO

Nel nuovo miniappartamento il progetto ha parzialmente modificato in corso d’opera le proporzioni tra gli ambienti: la zona giorno ha guadagnato metri quadrati e ha integrato cucina e angolo pranzo. Per raggiungere tale obiettivo, la camera da letto confinante è stata ridimensionata, pur mantenendo comunque le dimensioni minime (12 mq circa) prescritte dalla normativa per la stanza matrimoniale. Gli spessori dei tramezzi interni e dei serramenti a scomparsa del nuovo miniappartamento sono stati ridotti per ottimizzare la superficie utile dei locali.

 

pianta

  • L’ingresso del nuovo miniappartamento si apre direttamente sulla zona conversazione del living ed è posizionato in esatta corrispondenza della prima portafinestra sul lato opposto.
  • L’esposizione è su un unico lato, quello opposto all’ingresso: sulla balconata che corre per tutta la lunghezza disponibile, disegnando anche un angolo, affacciano le aperture della zona giorno e della camera del nuovo miniappartamento. Solo il bagno è esposto, con una piccola finestra, verso un cortile di servizio interno.
  • Al centro della zona giorno, il bancone a penisola, prolungato con l’aggiunta del tavolo da pranzo di altezza inferiore, permette di dividere la cucina dal living pur lasciandola a vista.
  • Il bagno si trova nella parte notte del nuovo miniappartamento, ma il disimpegno, che funge anche da antibagno, lo rende indipendente dalla camera: le porte scorrevoli interno muro permettono di recuperare spazio nei diversi ambienti.
    Nel disimpegno l’unico lato libero da aperture è stato sfruttato per inserire, in nicchia, un armadio attrezzato come scarpiera. Lungo la stessa parete, ma nella zona della cucina, un altro modulo a colonna sfrutta la posizione d’angolo.
nuovo miniappartamento ,ingresso,  soggiorno, parete attrezzata in grigio, divano, tavolo da pranzo, sedie gialle, vetrata

Nell’open space del living, sul quale si apre l’ingresso del nuovo miniappartamento, la parete attrezzata sullo sfondo con la zona tv – evidenziata dalla tinteggiatura grigio antracite – è stata realizzata su disegno (da DSA Interni). È concepita come una composizione di pieni e vuoti, di cornici, di moduli verticali e orizzontali a profondità differenziate, in una sintesi dei colori e dei materiali che caratterizzano tutta la zona giorno.

nuovo miniappartamento, zona conversazione, divano, tappeto ovale, panca tv, portefinestre, pavimento in gres effetto parquet

La zona conversazione del nuovo miniappartamento è illuminata da due portefinestre affacciate su un’unica balconata. Nell’angolo vicino alla prima apertura, una putrella verticale in ferro definisce la larghezza di una colonna libreria (struttura realizzata dal fabbro, Roberto Monti). Il divano con elemento a chaise-longue è di Erreci Abita, i cuscini sono di Coincasa e Zara Home, il tappeto di Kasthall; appoggiato sopra, il tavolino rotondo in cartone che si apre a libro è di Tiger.

zona pranzo, tavolo, sedie gialle, lampade a bulbo, libreria sospesa in ferro e legno, pavimento in gres effetto parquet

Nel nuovo miniappartamento gli armadi in laminato grigio della zona giorno sono gli stessi sia per il guardaroba all’ingresso sia per la composizione della cucina. Alle tre colonne del forno, del frigorifero e della dispensa – che arrivano a filo della porta del disimpegno – se ne aggiunge una quarta della stessa altezza, sistemata nell’angolo: nel piccolo volume si concentra un utile ripostiglio che contiene l’attrezzatura per le pulizie.

La libreria sospesa: incroci di linee

Il ferro e il legno d’abete, nel loro contrasto cromatico e materico, sono i due materiali protagonisti di molti elementi della zona giorno del nuovo miniappartamento. Li ritroviamo  sia nelle strutture architettoniche sia negli elementi d’arredo: dal mobile tv al bancone della cucina, fino alla libreria sospesa che arreda la parete di fianco all’ingresso. Con le sue linee orizzontali e verticali permette di ottenere una composizione decorativa ed è l’ideale per esporre oggetti. La struttura è formata da quattro barre verticali in tondino di ferro: due corte ai lati e due lunghe al centro. Le tre mensole in abete, che poggiano su traverse in ferro, sono fisse e giocano sulla disposizione sfalsata sia in altezza sia in larghezza. prospetto-libreria

zona pranzo, tavolo, sedie gialle, lampade a sospensione, cucina in laminato grigio, colonna forno

Nel progetto del soggiorno, i colori hanno una funzione architettonica prima ancora che estetica. A seconda dei casi vengono infatti utilizzati, attraverso gradazioni o contrasti netti, per definire un’area, per sottolineare un passaggio o anche per rimarcare le geometrie disegnate dagli arredi In cucina, tutti i mobili della composizione con frontali e piani di lavoro in laminato sono su disegno, realizzati da DSA Interni. Le pitture utilizzate per le pareti e quella nera a “lavagna” della fascia centrale sono di Sikkens. A pavimento, i listoni in gres porcellanato da 10×70 cm effetto parquet, posati a spina di pesce, sono della linea Treverk Charm di Marazzi.

zona pranzo, tavolo, bancone, sedie, sgabelli, sospensioni a bulbo, cucina con pensili e colonne

Nella zona giorno non sono stati realizzati ribassamenti tecnici del plafone, lasciato ovunque a tutt’altezza. Nel passaggio tra living e cucina, in linea con il bancone a penisola e il tavolo, è stata invece semincassata a soffitto una putrella in ferro che, oltre ad avere una funzione estetica, consente di alloggiare i cavi elettrici delle quattro lampade a sospensione. Dalla putrella il progettista ha preso spunto per inventare una sorta di “portale”costituito da una fascia larga circa 45 cm che, tinteggiata di nero con una vernice a lavagna (su cui si può scrivere con il gesso) corre a soffitto e scende lungo le pareti laterali, incorniciando la cucina. Tra il soggiorno e la cucina, gli sgabelli in legno e ferro accostati al bancone sono pezzi d’arredo scolastico recuperati con un lavoro di carteggiatura, riverniciatura e finitura a cera; le sedie del tavolo, impilabili e in materiale plastico, sono invece il modello Janinge di Ikea. Lampade a sospensione e applique a parete di Rossini Illuminazione. Il forno incassato a colonna è di Smeg, il lavello e il miscelatore di Foster, frigorifero e forno di Ignis.

Geometrie & materiali in cucina

A vista sul living ma parzialmente separata da un elemento a penisola, la zona cucina è stata progettata utilizzando in modo mirato materiali e colori per definire volumi e funzioni. Nella penisola i piani del bancone snack e del tavolo da pranzo, sulla stessa linea ma con altezze sfalsate (90 e 70 cm circa), sono costituiti da assi di legno massello d’abete di elevato spessore rifinite a cera opaca; la struttura in putrelle di ferro del tavolo riprende l’uso del materiale declinato nell’ambiente in modi diversi. Alle spalle, la composizione della zona operativa si sviluppa su due lati, formando un angolo, con dimensioni in pianta di 360 x 160 cm: da una parte trovano posto le colonne frigo e forno, la dispensa, la zona lavaggio con la lavastoviglie sotto; dall’altra c’è il piano cottura. I mobili con frontali in laminato grigio chiaro – che imita l’aspetto di un rovere sbiancato – risaltano sullo sfondo scuro delle pareti, tinteggiate con idropittura lavabile colore grigio antracite e su quello “caldo” del pavimento in gres simil legno. prospetto-cucina

camera matrimoniale, parete blu, letto tessile, comodino bianco tondo, lampada a sospensione, cuscino

Nella camera di dimensioni contenute, l’utilizzo del colore privilegia la gamma degli azzurri e dei blu, sempre indicati per gli ambienti dedicati al riposo. La parete che fa da sfondo al letto è messa in risalto, in contrasto con le altre bianche, grazie alla tinteggiatura in tonalità carta da zucchero: in questo modo diventa essa stessa una testata a tutta altezza. Sfumature dal blu al turchese sono poi declinate anche nella scelta dei rivestimenti tessili. Il letto tessile con testiera imbottita rivestita in nero e contenitore interno è di Erreci Abita, con copriletto e cuscino turchese di Coincasa e plaid bianco con frange di Zara Home. Le due sospensioni affusolate che scendono all’altezza della zona lettura sono di Rossini Illuminazione; di Radice Mobili i comodini rotondi bianchi con piano a vassoio e contenitore inferiore.

camera matrimoniale, letto tessile, armadio con anta specchiata, portafinestra, sospensione conica, comodino, parete blu

La camera matrimoniale, che affaccia sulla stessa balconata del soggiorno, è l’unico ambiente della zona notte. Non molto ampia, è stata arredata con piccole strategie compositive che la fanno sembrare più grande. L’anta specchiata, proprio al centro dell’armadio ed esattamente di fronte al letto, raddoppia le profondità della stanza e ne moltiplica la luminosità naturale. Le aperture scorrevoli consentono inoltre di usufruire a pieno della larghezza del passaggio interno verso la portafinestra. L’armadio, di Radice Mobili, occupa l’intera parete della camera di fronte al letto: arriva quasi a tutta altezza, con pochi centimetri di scarto che occorre lasciare per minimizzare la non perfetta complanarità con il plafone. Le ante laterali sono in essenza bamboo, quella centrale è a specchio.

Una casa in classe A+ perché…

Il nuovo miniappartamento e l’intero edificio di nuova costruzione sono stati concepiti secondo criteri di risparmio energetico che includono i materiali costruttivi, le soluzioni tecniche e gli impianti. L’immobile ha potuto quindi ottenere la certificazione in classe A+, che è la più efficiente. Tra le caratteristiche che hanno consentito tale eccellente classificazione ci sono in primo piano il sistema termico a pompa di calore e i pannelli fotovoltaici, che integrano con una fonte alternativa la produzione di energia elettrica; è inoltre installato un impianto di ricircolo che consente di calibrare l’umidità dell’aria a seconda della stagione e di mantenere una temperatura costante di circa 24 °C. Il riscaldamento è condominiale, ma con un termostato in ogni stanza dell’abitazione per regolare i gradi (e calcolare gli effettivi consumi tramite il sistema della contabilizzazione del calore). Dal punto di vista strutturale, le elevate prestazioni energetiche dell’edificio sono assicurate dal cappotto esterno e dai serramenti in pvc a taglio termico che rendono possibile un perfetto isolamento.

bagno

Nella zona lavabo, il rivestimento in gres modello Venis Manhattan di Porcelanosa, con piastrelle da 20×33 cm, è posato sopra e sotto lo specchio. Il mobile è stato realizzato su disegno da DSA Interni, il lavabo incassato in resina bianca dalle linee squadrate è completato da rubinetteria Hansgrohe. La spugna color ocra è di Mirabello Carrara. Il pavimento in gres effetto parquet è di Marazzi. Le porte scorrevoli a scomparsa di Effebiquattro sono in laminato bianco, effetto legno poro aperto.

bagno, dettaglio, mobile lavabo, specchio, applique, rivestimenti in gres

Una piccola area di passaggio, identificata dalla tinteggiatura blu scuro delle pareti e del soffitto, disimpegna il bagno dal soggiorno e dalla camera, svolgendo anche la funzione di antibagno. L’ambiente, pur nelle ridotte dimensioni, non manca di spunti decorativi; e in più, la specchiera a tutt’altezza sopra il lavabo, incassata a parete tra due fasce di piastrelle in gres chiaro, dà una grande apertura alla stanza e ne amplifica la luminosità. La ricercata matericità nelle finiture del bagno si basa sull’accostamento di due materiali differenti, in gradazione cromatica nei toni del grigio: il gres porcellanato dei rivestimenti a parete e il laminato della colonna lavanderia che imita l’aspetto del cemento grezzo. Le piastrelle sono state posate nella zona lavabo (sopra e sotto lo specchio) e anche sul lato opposto dove sono la doccia e i sanitari; gli elementi sono rettangolari, di formato 20 x 30 cm, ma la texture superficiale è segnata da sottili listelli con disposizione sfalsate che permettono di ottenere un “effetto mosaico” caratterizzato da un leggero rilievo.

Con lavanderia nascosta

ripostiglio, vano lavanderia, contenitore in nicchia

Nel bagno, di circa 4 mq, sono stati attrezzati i lati più lunghi, privi di aperture: la scelta della porta scorrevoleinterno muro permette di sfruttare a pieno la lunghezza delle due pareti a destra e a sinistra. I moduli della composizione sono tutti su disegno: da una parte sono stati installati il mobile lavabo e la colonna lavanderia; quest’ultima, chiusa da ante a doppiobattente, occupa la posizione d’angolo; si può dire che è stata progettata su misura “intorno” al volume della lavatrice,del tutto integrata al suo interno; sopra all’elettrodomestico, una serie di ripiani sfrutta tutta l’altezza disponibile. Tra la lavatrice e il lavabo è stato inserito un volume di riempimento, a sua volta suddiviso da ripiani: la particolarità è quella di potervi accede sia con uno sportello frontale sia con uno laterale che si apre di fianco allo specchio. Sul lato opposto, la doccia sfrutta l’angolo di fianco alla porta, mentre i sanitari sono installati verso la finestra. Poiché si tratta di modelli sospesi, per reggerne il peso è stato rinforzato il muro con una controparete che consente inoltre di ricavare la profondità per una nicchia oltre che di alloggiare gli impianti.pianta-bagno

nuovo miniappartamento, pavimento in gres effetto parquet, disimpegno, bagno

Nel disimpegno, chiuso dalle tre porte scorrevoli del soggiorno, della camera e del bagno e illuminato da faretti di Rossini, l’armadio sulla quarta parete è rifinito nello stesso colore blu scuro del soffitto e dei muri. Senza interruzione, la pavimentazione in gres riveste tutti gli ambienti.

Progetto: arch. Alessandra Radice, D3 Architetti, Milano, Tel. 02/49633162- www.d3architetti.it
Foto: Adriano Pecchio, styling Laura Mauceri

Tratto da Cose di Casa numero di novembre 2018 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4.78 / 5, basato su 18 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!