35 mq trasformati da garage inutilizzato ad abitazione vista lago per ospitare gli amici

Perfetta per ospitare amici e parenti, questa mini dépendance - progetto dell'interior designer Andrea Castrignano - è nata dalla trasformazione di un garage che non serviva. Cucina e zona notte sono entrambi a scomparsa, grazie alla scelta di mobili trasformabili.
A cura di Giovanna Strino
Pubblicato il 19/07/2021 Aggiornato il 20/07/2021
35 mq trasformati da garage inutilizzato ad abitazione vista lago per ospitare gli amici

Da garage inutilizzato, attiguo e collegato all’abitazione, a una grande suite vista lago, creata per ospitare gli amici e trasformarsi in una dépendance completa di angolo cucina e zona pranzo, per concedere privacy e autonomia: sono bastati semplici lavori di muratura e l’annessione di una piccola parte dell’ingresso della casa padronale per utilizzare a fini abitativi uno spazio non sfruttato.

L’intervento maggiore ha riguardato la saracinesca che ha lasciato il posto a una spettacolare vetrata scorrevole.

A questo si è aggiunta un’efficace selezione di mobili trasformabili e di colori guida, tra cui spicca il rouille, una tonalità ruggine particolarmente intensa che si abbina bene al grigio del pavimento, uguale a quello dell’unità principale.

Foto garage trasformato in monolocale

  • living garage trasformato in monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano
  • divano casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano
  • scrittorio casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano
  • tavolo pranzo casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano
  • letto a scomparsa abbattibile, casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano
  • parete tv casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano
  • tv e zona conversazione, casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano
  • cucina a scomparsa con anta maxi girevole, casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano
  • cucina chiusa a scomparsa, casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano
  • porta disimpegno mimetizzato in armadiatura, casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano
  • chaise-longue casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano
  • mobile bagno, casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano
  • doccia bagno casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano

Il progetto

Sono stati eseguiti esclusivamente interventi necessari all’abitabilità dello spazio, come l’aggiunta della vetrata apribile per garantire aria e luce. Il monolocale, quindi, è stato risolto con qualche nuovo tramezzo e con lavori di impiantistica.

In primo luogo è stato aggiunto il bagno, che non c’era, ritagliando lo spazio necessario dall’ingresso della casa padronale (che è attigua).

In un altro punto è stato creato un piccolo disimpegno che ha migliorato il collegamento interno esistente tra le due unità, così come l’impianto di riscaldamento applicato ex novo a pavimento con un efficiente sistema radiante.

Infine, una “finta” trave è stata inserita per l’alloggiamento dell’impianto elettrico. planimetria garage trasformato in monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano

Divisioni strategiche

Nel volume unico si sono potute distinguere le varie zone funzionali anche grazie alla presenza del pilastro: elemento in genere vincolante, in questo caso, invece, è risultato utile. Per integrarlo nell’ambiente è stato tinteggiato come la parete che fa da sfondo alla chaise-longue .

living garage trasformato in monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano

L’ambiente, progettato in modo da poter essere considerato una mini casa a tutti gli effetti, è arredato con mobili trasformabili o a scomparsa, elementi su disegno e pezzi di design. Le poltroncine di acciaio e pelle nera e, sul fondo, la chaise-longue, sono tre pezzi storici che fanno parte della collezione LC firmata da Le Corbusier, Pierre Jeanneret e Charlotte Perriand, prodotta da Cassina.

Per essere abitabile

Per realizzare un intervento analogo a questo, occorre fare riferimento alla normativa del Comune dove sorge l’edificio. Gli aspetti da verificare prima di intraprendere qualsiasi iniziativa in tal senso, e di cui tenere conto per agire a norma, non sono pochi. Quello più importante è sapere se l’unità è convertibile in abitazione o ha già tale destinazione d’uso (come nel caso di questo progetto): queste informazioni si recuperano presso il Catasto. Se occorre fare una variazione si deve tenere presente che alcuni enti locali, in determinate situazioni, vietano tale cambio. Un controllo delle disposizioni degli strumenti urbanistici (Pgt) e della normativa edilizia (Regolamento edilizio) va fatto, invece, in Comune, per sapere se l’immobile è già in possesso dei requisiti di abitabilità oppure, qualora non lo fosse, se è possibile apportare le dovute modifiche per ottenere una residenza a norma.

Zona relax vista lago

In primo piano, l’ampio sofà è rivestito in tessuto, in una tonalità grigio scuro che si armonizza con il pavimento e crea un bel contrasto con il color ruggine dominante nell’ambiente. Alle sue spalle, la struttura laccata contieneil letto che, estratto grazie a un meccanismo particolare, sovrasta l’imbottito. Sulla destra, la vetrata scorrevole ha preso il posto della saracinesca: fornisce luce e aria all’ambiente e, soprattutto, regala una vista che valorizza l’insieme.

divano casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano

A rendere più confortevole e vestito il divano, una serie di cuscini in nuance: sono della collezione Brochier by Andrea Castrignano, realizzati con tessuti di Clerici Tessuto. La biancheria da letto è di Fazzini.

PIù funzioni lungo la stessa parete

Nell’ambiente coesistono zona giorno e zona notte. Grazie a mobili trasformabili, lo spazio è dinamico e cambia assetto secondo le necessità, senza interferenze tra una funzione e l’altra e senza spostare nessun elemento. Tutto si sviluppa lungo una parete attrezzata.

scrittoio zona studio casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano

LA CONSOLLE È UTILIZZABILE ANCHE COME SCRITTOIO

tavolo casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano

SI TRASFORMA IN UN TAVOLO, COMODO PER QUATTRO

letto abbattibile aperto in casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano

IL LETTO SI ESTRAE DAL SUO “CONTENITORE” VERTICALE

Il sistema trasformabile

Gran parte dell’ambiente è arredata per essere un soggiorno, con zona pranzo estraibile; ma è anche predisposta per trasformarsi velocemente in uno spazio notte e tutto questo si concentra lungo la parete di 565 cm. L’arredamento è risolto con elementi di produzione (di Clei), trasformabili e integrati in modo da formare un sistema completo, customizzato per quanto riguarda le finiture. Sono stati utilizzati il divano fisso Tango, nella versione da 270 cm, con alle spalle il letto matrimoniale a scomparsa; la consolle Girò, con elemento contenitore sospeso a parete; una boiserie del programma Living & Young System, con rivestimento e mensole. La base è proprio la boiserie in noce dogato che non solo riveste il muro, ma supporta le lunghe mensole e gli elementi che ad essa vengono agganciati. Tale rivestimento è realizzato, infatti, con pannelli fissati direttamente alla muratura tramite sostegni che ne garantiscono la portata.

render soggiornocasa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano

Luci e decori

Per valorizzare tutti gli “angoli” dell’open space, il progetto ha dedicato grande attenzione all’illuminazione (che definisce le diverse zone), agli abbinamenti di colore e a decorazioni decisamente caratterizzanti.

parete tv casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano

Il grande ritorno alla decorazione degli interni vede due grandi protagonisti, accanto alle ceramiche da rivestimento: il colore e la carta da parati. Non è più considerato un azzardo, infatti, tinteggiare tutte o porzioni di parete a tinte sature, con l’unica accortezza di scegliere poi una palette contenuta numericamente per evitare l’effetto arcobaleno. Anche la carta da parati è tornata da qualche anno a vestire le nostre abitazioni, con soggetti figurativi o astratti, trame effetto tessuto o motivi optical oggi di grande tendenza. Rispetto al passato, la novità dei nuovi wallpaper sta inoltre nella possibilità di eliminare ogni vincolo e di poterli posare persino sui mobili e in bagno, addirittura all’interno del vano doccia. Infatti, le carte da parati di produzione recente sono realizzate con supporti differenti a seconda della destinazione d’uso: accanto a quelle tradizionali ci sono i rivestimenti decorativi realizzati su tnt, vinilico o fibra di vetro – supporti tecnici molto performanti – adatti anche alla stanza da bagno. A seconda dei produttori, poi, a posa ultimata, può essere applicata una mano di protettivo a garanzia di maggior resistenza e inalterabilità nel tempo.

Una palette cromatica speciale

Antracite e ruggine (precisamente Rouille, tonalità che fa parte di Shades, una delle cartelle colori create dall’interior designer Andrea Castrignano, autore del progetto di interni) sono le tinte utilizzate per arredi, rivestimenti e finiture. Unica deroga, il bianco del soffitto e delle armadiature a colonna sul fondo, che disegnano una vera e propria parete grazie all’assenza di maniglie. Inoltre, integrano la porta del disimpegno, che collega l’open space all’appartamento dei proprietari, e la grande quinta che, ruotando, svela la zona cottura in nicchia. Ruggine è scelto anche per la parete che definisce la zona relax, con la chaise-longue e la lampada a più luci.

zona conversazione casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano

È di grande impatto la parete accanto all’ingresso, che integra anche la porta filomuro del bagno (di Scrigno). Posta di fronte al divano, fa da quinta decorativa grazie al rivestimento in carta da parati in vinilico con soggetto figurativo, che riveste anche la porta: è Rise di London Art, dal disegno effetto vintage. Per la sua collocazione anche il maxi schermo tv diventa elemento décor; come pure le applique, che sono il modello Tambour di Vesoi, in acciaio verniciato e ottone, con luci a led. Della stessa azienda anche la lampada a grappolo che dà luce alla chaise-loungue: è la versione per parete del modello E19.

Mini cucina monoblocco nascosta da modulo-anta girevole

Anche se il volume è ridotto, per consentire agli ospiti la massima autonomia nella suite non poteva mancare la cucina. Ma dove sistemarla, in modo che non fosse sempre a vista? Grazie a un mobile di produzione, è stato possibile trovare facilmente un ottimo compromesso tra estetica e funzionalità, senza ricorrere a soluzioni su misura. La chiave è nell’anta girevole che, quando è chiusa, è un pannello decorativo sullo sfondo bianco della parete; quando è aperta svela la cucina. La sua finitura bicolor si coordina ai colori della casa, un risultato ottenuto selezionando tra la gamma Ral (acronimo usato per definire una scala di colori usata principalmente nell’ambito delle vernici e dei rivestimenti) messa a disposizione dal produttore del mobile.

  • cucina chiusa a scomparsa, casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano
  • cucina a scomparsa con anta maxi girevole, casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano
  • porta disimpegno mimetizzato in armadiatura, casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano

cucina lasciata a vista da anta girevole aperta in casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano

Cucina nascosta quando l’anta girevole è chiusa

Bianca, interrotta solo da una fascia orizzontale color ruggine – uno dei colori leitmotiv dello spazio – la parete di fondo dell’open space non è statica come appare. Se si aprono le ultime due ante a sinistra, ci si trova nel disimpegno che porta alla casa dei proprietari. Al centro, l’ampia anta girevole aperta svela il monoblocco con la zona cottura. Proseguendo, altre ante contengono un capiente armadio.

angolo relax casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano

L’ANGOLO RELAX NELLA SUA CORNICE BIANCA E RUGGINE

porta nell'armadiatura che dà accesso al disimpegno della casa ricavata da garage, monolocale-depandance vista lago, progetto A. Castrignano

SI APRONO DUE ANTE ED ECCO LA PORTA DI COLLEGAMENTO

Cucina a scomparsa

Perfettamente integrato e mimetizzato nella struttura attrezzata addossata alla parete di fondo dell’open space, l’angolo cottura è un singolare monoblocco completo di pannello girevole che lo chiude. Si tratta di un elemento di produzione (Kitchen Box, qui in versione Plus, di Clei, www.clei.it, progettato per essere inserito nel sistema trasformabile giorno/notte che arreda la parete adiacente). Il mobile monoblocco, lineare e componibile, è collegato a un’anta attrezzata girevole, con apertura a libro, che funge da sistema di chiusura per nascondere la cucina ed è organizzata come una dispensa; ha anche un piano integrato a ribalta, che all’apertura si allinea con il top del monoblocco, raddoppiando lo spazio utile come piano di lavoro e può essere aperto anche quando l’anta attrezzata è chiusa. Per maggiore sicurezza d’uso, la cucina è predisposta per l’inserimento di un dispositivo che disattiva piano cottura e forno quando l’anta è chiusa; all’apertura l’alimentazione si riattiva. Completa di tutto, è formata da:

√ pensili, forno microonde, cappa, scolapiatti
√ lavello e rubinetto
√ base sottolavello con cassetti e lavastoviglie, base per frigo
√ alzatina, zoccolo e accessori.

render 3D soggiorno casa ricavata da garage, progetto A. Castrignano

Nuovo bagno a pianta irregolare, con antibagno

Ricavato da un corridoio annesso dall’appartamento principale, il locale è composto da un antibagno, che prende luce da una nuova portafinestra aperta nello spazio dell’ex saracinesca, e da un secondo vano, posto a una quota maggiore per esigenze tecnico-impiantistiche. Nel primo è stato collocato il lavabo; nel secondo spazio ci sono la smart toilet (wc con bidet integrato) e un’ampia doccia.

bagno casa ricavata da garage, progetto A. Castrignano

Accogliente e scenografica, la nicchia con il lavabo incassato punta tutto sulla decorazione. La parete e i frontali dei cassetti sono rivestiti, infatti, con una speciale carta da parati in fibra di vetro, di London Art, che nei motivi riprende i colori grigio e ruggine della casa. Il mobile è di Cerasa, mentre il miscelatore brunito è di Daniel Rubinetterie. Per fare luce, una lampada a sospensione con due bracci a led.

box doccia  casa ricavata da garage, progetto A. Castrignano

Il box doccia rivestito da tessere di mosaico nelle sfumature del grigio è di Trend (trend-group.com). In primopiano, lo scaldasalviette è di Deltacolor, montato sulla parete dipinta con Smalto Aku, adatto per ambienti umidi, di Vernici Covema. La smart toilet è ViClean di Villeroy&Boch Divisione Bagno e Wellness.

Il bagno è irregolare

Questo locale rappresenta bene le potenzialità che possono offrire gli ambienti con pareti non ortogonali. L’irregolarità, infatti, è stata sfruttata per creare un ambiente dinamico, con zone differenziate, e per trattare e rifinire in modo diverso le superfici, con un progetto décor non omologato. Ogni parete di questo bagno è stata rivestita, infatti, con un materiale e un colore diverso ma, per ottenere un risultato armonico, la palette cromatica ha privilegiato le sfumature del grigio, colore coordinato al pavimento che riveste tutto l’open space (negli spazi di dimensione contenuta l’uniformità dei pavimenti amplia visivamente lo spazio) e il ruggine, tinta caldo e a contrasto.

 

render frontale bagno, casa ricavata da garage, progetto A. Castrignano

Progetto d’interni: ID Consulting, Via Adige 11, Milano
Tel. 02/76317782, andreacastrignano.it
Foto: Armando Moneta

 

Tratto da Cose di Casa numero di gennaio 2020

 

Monolocale e soluzioni salvaspazio

 

Trasformare il garage in una casa

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 3.57 / 5, basato su 7 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!