Living open space nell’appartamento con mansarda

Soluzioni funzionali e arredamento contemporaneo in questo volume su due piani, reso possibile dal recupero del sottotetto trasformato in mansarda abitabile, ridisegnato a misura dei padroni di casa.

All’ultimo piano di una palazzina residenziale è stato creato un grande appartamento su due piani utilizzando il sottotetto come mansarda abitabile. La disposizione degli spazi interni partendo da zero ha avuto come unici vincoli gli elementi strutturali e il posizionamento e la dimensione delle finestre esistenti, ma ha potuto rispecchiare i desideri e le esigenze dei padroni di casa.

Il progetto ha quindi previsto al piano più basso un ampio living open space in cui si snodano zona conversazione, angolo pranzo, cucina a vista e bagno per gli ospiti, studio, mentre nella mansarda sono state organizzate una zona privata con camera da letto padronale, bagno ensuite e cabina armadio, altre due stanze da letto, un secondo bagno e una stireria.

Il grande spazio della zona giorno è stato organizzato intorno al camino trifacciale posizionato al centro del volume (un’esigenza della padrona di casa sia per rendere accogliente il living sia per razionalizzare i consumi in tema di riscaldamento), diventando l’elemento di distribuzione dell’intero ambiente: crea infatti la parete tv frontale al divano, maschera la cucina e la scala di accesso alla mansarda.

La mansarda è stata disegnata nella parte iniziale con gradini larghi e profondi, per creare una sorta di pianerottolo rialzato che diventi passaggio per il bagno degli ospiti e sul quale è stata prevista una quinta verso la cucina utilizzabile per mensole o armadi contenitori. La cucina, laccata bianca, si sviluppa sul lato lungo con colonne e basi ed è completata da un’isola centrale operativa con lavello, piano cottura con cappa integrata e banco snack in legno a sbalzo.

Il materiale dominante del piano inferiore, ma anche della mansarda, è il legno in una tonalità rovere chiaro; la pavimentazione, uniforme nell’intero living è stata interrotta solamente attorno al camino con piastrelle in gres porcellanato di grande formato, di colore grigio antracite, sfumatura ripresa anche a parete a sottolineare i giochi di volumi.

La mansarda è stata organizzata in tre camere da letto (di cui una, quella padronale, con cabina armadio e bagno?, un secondo bagno e un locale stireria. La stanza matrimoniale è stata collocata nella zona del sottotetto in cui c’erano due finestre, una delle quali è stata utilizzata per dare luce al bagno. Sempre in questa camera è stata prevista una controparete per allontanare il letto dalla parte più bassa del tetto, arricchita da una nicchia rivestita in legno che corre in orizzontale lungo tutta la parete e illuminata da faretti. Il letto “sospeso” e con illuminazione dal basso crea un effetto scenografico.

In bagno la vasca è nella parte con il soffitto più basso ed è stata creata una controparete su cui poggiano i sanitari: questi due elementi sono rivestiti in piastrelle di gres porcellanato, mentre le altre pareti sono in microcemento. La cabina armadio è attrezzata su tutti i lati con armadi e nella parte più bassa del tetto con cassettiere; la luce naturale è stata creata aprendo al centro di questa zona una finestra sul tetto. Le altre due camere e il secondo bagno, con doccia, sono illuminati da finestre ricavate negli abbaini.

Piano inferiore
/Users/elisacoffinardi/Documents/Lavoro/brannetti silvia/progett
 
 
Mansarda

/Users/elisacoffinardi/Documents/Lavoro/brannetti silvia/progett

 

 

Clicca sulle immagini per vederle full screen

living

Uno scorcio del living. Sul pavimento in rovere naturale risaltano gli arredi scelti tra il grigio e qualche tocco di nero. In primo piano, divano e pouf Peanut B di Bonaldo; al centro; sul fondo, sedie Lola di Poltrona Frau, tavolo Big Table di Bonaldo. Per fare luce, la lampada Arco di Flos e, per contenere i servizi, la madia Long Island di Lema. Parquet di Cadorin.

camino

Il camino trifacciale è al centro del living e crea una divisione naturale tra le diverse funzioni di questo spazio. Per sottolineare la sua struttura, al posto del parquet è stato scelto il gres porcellanato in grigio antracite, uno dei colori leit motiv della casa. Sedia Lola di Poltrona Frau, tavolo Big Table e divano Peanut B di Bonaldo. Sul fondo, la zona studio, organizzata con le sedie One Flo di Désirée e la scrivania Maisons du Monde. Per fare luce, la lampada da terra Twiggy di Foscarini.

camino

La zona conversazione è delimitata da una parte dal lato lungo del camino, che ospita la tv. Sulla sinistra, la cucina.

zona pranzo

Focus sulla zona pranzo, arredata con il grande tavolo Big Table di Bonaldo e con le sedie Lola di Poltrona Frau, scelte con il rivestimento nero. La storica lampada Arco di Flos fa luce al centro del tavolo.

cucina

L’ampia cucina a vista con armadi, basi e pensili è arricchita dall’isola completa di banco snack per la colazione del mattino; tutto di Euromobil. Lampade a cilindro di Kartell, sgabelli di Maisons du Monde.

cucina

Il controcampo della cucina, con l’isola che ospita il lavello e i fuochi. Sul fondo, la nicchia con le mensole porta oggetti, illuminate da faretti incassati.

camera matrimoniale

In mansarda, nella camera matrimoniale è stato scelto il letto sospeso Fluttua di Lago, con illuminazione dal basso per un effetto di grande suggestione. Lungo tutta la parete, un contenitore in legno ospita libri e luci.

cabina armadio

Ampia e pratica la cabina armadio della stanza matrimoniale in mansarda, organizzata con contenitori in misura a scalare che seguono la pendenza del tetto, e una capiente cassettiera. Al centro dello spazio, un morbido tappeto e lo sgabello di Maisons di Monde.

bagno padronale

Nel bagno ensuite della mansarda, gioco di contrasti tra il parquet in rovere chiaro di Cadorin e i rivestimenti in gres porcellanato color Grey della collezione La Roche di Rex. I sanitari candidi sono di Catalano.

bagno padronale

Nel bagno della camera matrimoniale della mansarda, il lavabo è incassato in un top grigio, di Ideagroup, come il mobile cassettiera montato al di sotto. La finestra da cui prende luce è una delle due già presenti nel sottotetto, recuperate con infissi di ultima generazione.

bagno in mansarda

Nell’altro bagno in mansarda, dotato di doccia, si sono scelti colori chiari e neutri,  per il mobile (di Ideagroup) nelle tonalità del rovere e per il rivestimento delle pareti in gres porcellanato (collezione La Roche di Rex). Sanitari di Catalano.

 

Vuoi vedere altre 2 proposte di progetto per il piano terra?

Altre-2-proposte-di-pianta-due-alternative-piano-sotto

Progetto: arch. Elisa Coffinardi, Locate Triulzi (Milano), www.archcoffinardi.weebly.com