Interni contemporanei in Puglia, 140 mq sul mare

Nel verde di un uliveto mediterraneo, gli interni contemporanei della casa di nuova costruzione puntano sulla relazione con gli spazi all'aperto.
Silvia Scognamiglio
A cura di Silvia Scognamiglio
Pubblicato il 08/06/2020 Aggiornato il 08/06/2020
soggiorno open space, interni contemporanei, vetrate, divano, zona tv, mobili sospesi a parete in legno, faretti a soffitto, zona pranzo

In una zona costiera della Puglia, vicinissima al mare, la villa di nuova costruzione di circa 140 mq propone interni contemporanei ed essenziali nello stile, ma allo stesso tempo riprende alcuni caratteri peculiari dell’architettura locale. Il paesaggio è tipicamente mediterraneo: intorno un uliveto, azzurro sullo sfondo, muretti di recinzione a secco tra una proprietà e l’altra. I materiali impiegati per il fabbricato – a parte il cemento armato della struttura portante – sono in prevalenza quelli reperiti nelle vicinanze: dalle pietre recuperate durante i lavori di scavo della piscina e riutilizzate altrove alla calce bianca naturale degli intonaci murali. L’abitazione è solare, si apre con grandi vetrate sugli spazi esterni che sono un prolungamento degli ambienti giorno della casa. Il dialogo con il paesaggio è stata una delle linee guida seguite in fase di progettazione e la realizzazione di verande e patio da vivere per la gran parte dell’anno è stata strategica. Gli interni contemporanei sorprendono perché, a differenza di quanto ci si potrebbe aspettare, l’atmosfera è metropolitana, con arredi e complementi di design, linee marcate, dettagli in tonalità decise, pochi elementi decorativi in gran parte affidati al colore e ai contrasti. Di forte impatto visivo e di grande attualità sono le superfici in finitura cemento effetto raw che spiccano sul bianco dominante, evidenziando aree e funzioni della casa.

Foto casa al mare, 140 mq

  • Nell'ampio living open space, che si apre verso l'esterno con grandi vetrate scorrevoli, lo spazio centrale è occupato dalla zona conversazione-tv: il divano rivestito con tessuto quadrettato black& white è il modello Largo di Kartell, design Piero Lissoni. Il mobile tv di fronte e quello sospeso sulla parete opposta, in corrispondenza della zona pranzo, sono stati realizzati su disegno del progettista, da Centro Arredi Carrieri; nello stesso stile quello dietro il divano (di Sangiacomo mobili). I faretti sono di Wever & Ducré. Le finiture murali materiche effetto cemento grezzo sono state realizzate da Metropolis.
  • Nella zona pranzo il tavolo allungabile ha la base formata da gambe inclinate di diversi colori, in un gioco di incroci: è il modello Big Table di Bonaldo, accompagnato da sedie DSW (,grigia, gialla, rossa e ottanio) della serie Plastic Chair di Vitra, design Charles & Ray Eames.
  • Sulla parete del soggiorno, sopra il mobile sospeso, la scultorea lampada modulare da muro è formata da tre tipi di elementi in alluminio verniciato rosso e policarbonato che si possono combinare in modi diversi e che permettono di ottenere effetti speciali con il sistema della retroilluminazione. È il modello Fields di Foscarini. La finitura murale in cemento è di Metropolis.
  • Il tavolo da pranzo ha una base fuori dal comune, composta da elementi colorati che si incrociano. Non è formalmente distante dalla lampada a parete le cui fasce si sovrappongono. Entrambe hanno un aspetto che le rende scultoree: qui si combinano con eleganza, distribuite nello spazio in modo equilibrato e in sintonia dal punto di vista cromatico. Importante è non eccedere con i pezzi ‘speciali’ ma saperne calibrare la presenza accostandoli a elementi più semplici .
  • Nell'angolo tra le due vetrate, la poltroncina con seduta elastica è il modello Lastika di Lago, mentre la sedia bianca è la Panton Chair di Vitra, design Verner Panton. Gli infissi in alluminio sono di Metra. La porta finestra diventa un grande quadro: questo è il merito dei serramenti che vanno da pavimento a soffitto. In questo caso ce ne sono addirittura due e fanno sì che la luce entri da due diverse direzioni e si abbiano contemporaneamente due punti vista sul giardino. È una scelta architettonica significativa che regala alla stanza una relazione felice con l’esterno. I serramenti a tutta altezza fanno sì che lo spazio venga percepito più ampio e, anche quando sono fissi e non apribili, creano movimento sulle pareti e rendono più dinamici gli ambienti.
  • Come abbiamo visto la casa è stata costruita in anni recenti con interni contemporanei ma nel rispetto dell'ambiente naturale circostante. Il patio interno in posizione d'angolo, accessibile dall'open space del soggiorno, si rifà a uno degli elementi tipici delle vecchie dimore pugliesi nelle quali era considerato luogo privilegiato del vivere quotidiano. In questo caso lo spazio di circa 25 mq, pavimentato con ciotoli di ghiaia fine, è in gran parte occupato dalla scala che porta al lastrico solare e da un albero di ulivo che è stato così integrato nel nuovo contesto. La presenza di elementi caratterizzanti come gli ulivi secolari nella tenuta e la loro tutela ha vincolato sotto molti aspetti il progetto in quanto in base alla loro posizione è stata stabilita - in fase di progettazione - quella dell'immobile da costruire ex novo.
  • La cucina occupa un locale indipendente collegato al living tramite due aperture. La zona operativa sfrutta soprattutto il centro della stanza con un'isola che si sviluppa in lunghezza assecondando la forma del locale. L'ambiente è illuminato da una finestra a nastro installata piuttosto in basso poiché inizialmente si era pensato a una composizione in linea lungo la parete, con sole basi senza pensili. Nel passaggio tra soggiorno e cucina, il tramezzo divisorio è rifinito con un rivestimento cementizio effetto grezzo. Il pavimento è in lastre di gres porcellanato da 60x60 cm di Margres, sempre in una tonalità di grigio. In cucina, i faretti a soffitto sono dei piccoli cilindri in gesso.
  • In cucina la composizione (di Meson's) prevede un'isola centrale nella quale altezze e materiali differenziati distinguono le funzioni operative da quella di piano snack; quest'ultimo è in rovere biondo. Lungo la parete sono invece installate le colonne dispensa e frigo e i forni pensili (sono di Siemens, come il piano cottura a gas con 5 fuochi). Nella zona office, i frontali sono rifiniti in laccato bianco opaco con maniglie a gola in alluminio verniciato grigio tortora.
  • Il bagno a uso esclusivo della camera matrimoniale si affaccia con una portafinestra a tutt'altezza su uno dei terrazzi della villa. L'ambiente di servizio è dello stesso stile contemporaneo che caratterizza tutta la casa. In questo caso le scelte d'arredo minimal sono vivacizzate da un contrasto a tre colori - bianco, giallo e grigio - che mette in massimo risalto linee e profili dei singoli elementi. Nel bagno, il lavabo sospeso in ceramica bianca è della serie Palomba di Laufen, con rubinetteria Nostromo di Fantini. I rivestimenti in gres a terra e a parete sono di Margres.
  • La solarità del giallo, utilizzato soltanto per alcuni elementi e dettagli anche nella camera matrimoniale, risalta rispetto alle tonalità neutre che fanno da sfondo. Laccata in giallo è la porta scorrevole esterno muro che chiude il bagno a uso esclusivo: in legno, realizzata dal falegname, ha la caratteristica di essere molto alta e di creare un effetto quinta, con un forte stacco visivo rispetto alle pareti. Nella camera matrimoniale, il letto con testiera-contenitore è di Voltan, così come la cassettiera appoggiata alla parete. La porta scorrevole del bagno è stata realizzata su disegno, mentre la finestra è di Metra.
  • L'effetto cemento già utilizzato per le pareti del soggiorno si ripropone nel bagno principale ma con l'impiego di altri materiali. Le finiture delle pareti e dei pavimenti sono in gres porcellanato, in resina quelle delle pedane e più tonalità di grigio come denominatore comune. L'intento del progetto è quello di integrare armoniosamente stile minimal e tratti tipici della casa mediterranea
  • Nel bagno il lavabo sospeso è della serie Palomba di Laufen. La parete sopra la vasca e la doccia (entrambe di Laufen) è rivestita a tutt'altezza con lastre di gres porcellanato. La rubinetteria è della serie Mare di Fantini. I rivestimenti in gres, con piastrelle formato 60x60 cm, sono di Margres. I rivestimenti in resina delle pedane sono di Tafuri Surface.
  • Nella camera singola, la parete dietro il letto è evidenziata da una tinteggiatura con idropittura gialla. Il letto con testiera rossa è di Nidi, così come l'armadio in laccato bianco opaco realizzato a misura della parete. La lampada a sospensione decorata con nuvole bianche è della serie Skojig di Ikea.
  • All'esterno, nella zona coperta in corrispondenza della grande vetrata in parte fissa e in parte apribile del soggiorno, il divano a ferro di cavallo con morbidi cuscini rivestiti in tessuto grigio è di Maisons du Monde. I faretti a cubo sono di Wever & Ducré. La pavimentazione è in battuto di cemento.
  • piscina-sdraio
  • piscina
Il progetto

La casa unifamiliare ha una superficie di circa 140 mq ed è circondata su tre lati da spazi all’aperto per un totale di circa 300 mq: integrata in un paesaggio di grande suggestione, è concepita in costante dialogo con la natura circostante. Il volume principale dell’abitazione, quello occupato dalla zona giorno, ha la forma di un parallelepipedo compatto dal quale aggettano – con disposizione “a grappolo” – altri corpi più piccoli: sono i locali delle camere e dei servizi, i vani tecnici, le zone verandate e il patio; il loro orientamento è stato stabilito tenendo conto delle pendenze e irregolarità del terreno sul quale l’immobile è costruito. L’abitazione si sviluppa su un unico livello; la realizzazione di un vespaio aerato ha consentito di distaccare in modo adeguato la struttura dal suolo per proteggerla dall’umidità.planimetria della casa unifamiliare di 140 mq e degli spazi esterni con piscina

  • Un breve corridoio accessibile dall’area pranzo del living tramite una porta scorrevole interno muro disimpegna la zona notte: camera matrimoniale, due stanze singole e bagno.
  • Due aperture, a destra e a sinistra del muro divisorio, collegano il soggiorno all’ambiente indipendente della cucina. L’adiacente bagno, a uso della camera degli ospiti, è disimpegnato da una porta scorrevole esterno muro.
  • All’esterno, sui due lati lunghi, si accede ad ampi spazi all’aperto pienamente fruibili. Dalla parte del living il salotto en plein air, coperto in alto, ha di fronte la piscina; la cucina è invece collegata a un’area dedicata al barbecue di circa 50 mq completa di un grande tavolo da pranzo.
  • Il patio di 25 mq in posizione d’angolo è accessibile tramite la portafinestra a sinistra dell’ingresso. È stato qui integrato l’albero di ulivo, presente prima della costruzione della casa; la scala porta al lastrico solare.
  • La piscina è un grande rettangolo ritagliato nel verde e circondato dal paesaggio della campagna. La vasca è “a sfioro”, con l’acqua che arriva cioè al livello del pavimento del solarium che la circonda. Lunga 16 metri, a tre corsie, occupa un’area di circa 125 mq.
soggiorno open space, interni contemporanei, vetrate, divano, zona tv, mobili sospesi a parete in legno, faretti a soffitto, zona pranzo

Nell’ampio living open space, che si apre verso l’esterno con grandi vetrate scorrevoli, lo spazio centrale è occupato dalla zona conversazione-tv: il divano rivestito con tessuto quadrettato black& white è il modello Largo di Kartell, design Piero Lissoni. Il mobile tv di fronte e quello sospeso sulla parete opposta, in corrispondenza della zona pranzo, sono stati realizzati su disegno del progettista, da Centro Arredi Carrieri; nello stesso stile quello dietro il divano (di Sangiacomo mobili). I faretti sono di Wever & Ducré. Le finiture murali materiche effetto cemento grezzo sono state realizzate da Metropolis.

soggiorno, divano grigio, tappeto, zona pranzo, tavolo rettangolare con base rossa, sedie di design multicolori, faretti a soffitto

Nella zona pranzo il tavolo allungabile ha la base formata da gambe inclinate di diversi colori, in un gioco di incroci: è il modello Big Table di Bonaldo, accompagnato da sedie DSW (,grigia, gialla, rossa e ottanio) della serie Plastic Chair di Vitra, design Charles & Ray Eames.

soggiorno, mobile in legno sospeso, lampada modulare rossa, parete rifinita effetto cemento, tappeto, libreria bianca

Sulla parete del soggiorno, sopra il mobile sospeso, la scultorea lampada modulare da muro è formata da tre tipi di elementi in alluminio verniciato rosso e policarbonato che si possono combinare in modi diversi e che permettono di ottenere effetti speciali con il sistema della retroilluminazione. È il modello Fields di Foscarini. La finitura murale in cemento è di Metropolis.

Domesticità e rigore

Quando la modernità riesce a trasmettere, nonostante la razionalità del suo linguaggio, un senso di calore e di vivacità è benvenuta: in questo soggiorno, affacciato sul paesaggio, domesticità e rigore si sono incontrati con ottimi risultati. Il successo è da attribuire alla scelta dei materiali e dei colori. La parete di cemento è severa, il colore della lampada sul muro comunica energia, il mobile lineare è realizzato in un materiale ‘caldo’. Non diversamente da un cocktail dove ogni ingrediente deve portare una nota personale e deve essere dosato e proporzionato, così architettura e disegno degli interni devono dialogare con l’arredamento senza sopraffarsi. Ciascuno con il proprio accento.

soggiorno, zona pranzo, tavolo, sedie colorate, mobile sospeso, parete effetto cemento, tv

Il tavolo da pranzo ha una base fuori dal comune, composta da elementi colorati che si incrociano. Non è formalmente distante dalla lampada a parete le cui fasce si sovrappongono. Entrambe hanno un aspetto che le rende scultoree: qui si combinano con eleganza, distribuite nello spazio in modo equilibrato e in sintonia dal punto di vista cromatico. Importante è non eccedere con i pezzi ‘speciali’ ma saperne calibrare la presenza accostandoli a elementi più semplici .

Nell’open space della zona giorno, grandi vetrate in alluminio grigio tortora, in parte fisse e in parte apribili con sistema alzante scorrevole, sostituiscono ampie porzioni di pareti per una lunghezza di circa 9 metri. Una portafinestra a tutta altezza comunica con il patio alberato che occupa la posizione d’angolo

vetrate, patio, ghiaia a terra, albero di ulivo, sedia di design, poltroncina con seduta elastica, tavolino rotondo, pavimento in gres, faretti

Nell’angolo tra le due vetrate, la poltroncina con seduta elastica è il modello Lastika di Lago, mentre la sedia bianca è la Panton Chair di Vitra, design Verner Panton. Gli infissi in alluminio sono di Metra. La porta finestra diventa un grande quadro: questo è il merito dei serramenti che vanno da pavimento a soffitto. In questo caso ce ne sono addirittura due e fanno sì che la luce entri da due diverse direzioni e si abbiano contemporaneamente due punti vista sul giardino. È una scelta architettonica significativa che regala alla stanza una relazione felice con l’esterno. I serramenti a tutta altezza fanno sì che lo spazio venga percepito più ampio e, anche quando sono fissi e non apribili, creano movimento sulle pareti e rendono più dinamici gli ambienti.

L’ulivo secolare dentro casa

patio, ghiaia, albero di ulivo, scala esterna in cementoCome abbiamo visto la casa è stata costruita in anni recenti con interni contemporanei ma nel rispetto dell’ambiente naturale circostante. Il patio interno in posizione d’angolo, accessibile dall’open space del soggiorno, si rifà a uno degli elementi tipici delle vecchie dimore pugliesi nelle quali era considerato luogo privilegiato del vivere quotidiano. In questo caso lo spazio di circa 25 mq, pavimentato con ciotoli di ghiaia fine, è in gran parte occupato dalla scala che porta al lastrico solare e da un albero di ulivo che è stato così integrato nel nuovo contesto. La presenza di elementi caratterizzanti come gli ulivi secolari nella tenuta e la loro tutela ha vincolato sotto molti aspetti il progetto in quanto in base alla loro posizione è stata stabilita – in fase di progettazione – quella dell’immobile da costruire ex novo.

parete con finitura cemento, mobile sospeso, lampada modulare rossa, pavimento in lastre di gres grigie, cucina, finestra a nastro, bancone a isola, faretti

La cucina occupa un locale indipendente collegato al living tramite due aperture. La zona operativa sfrutta soprattutto il centro della stanza con un’isola che si sviluppa in lunghezza assecondando la forma del locale. L’ambiente è illuminato da una finestra a nastro installata piuttosto in basso poiché inizialmente si era pensato a una composizione in linea lungo la parete, con sole basi senza pensili. Nel passaggio tra soggiorno e cucina, il tramezzo divisorio è rifinito con un rivestimento cementizio effetto grezzo. Il pavimento è in lastre di gres porcellanato da 60×60 cm di Margres, sempre in una tonalità di grigio. In cucina, i faretti a soffitto sono dei piccoli cilindri in gesso.

Pareti materiche grigio-cemento

Nella zona giorno quasi tutte le pareti sono tinteggiate di bianco a calce, mentre solo in alcune aree si è optato per una finitura decorativa in grigio di alcune superfici verticali che, nel contrasto, assumono una particolare rilevanza all’interno dell’ambiente. È stato in questi casi utilizzato un rivestimento a base cementizia che permette di ottenere una particolare texture materica di gusto industrial. Il materiale viene posato con tecnica artigianale sul muro già intonacato, levigato ma ancora piuttosto ruvido. Si tratta di un prodotto in pasta che contiene resina, additivi e pigmenti; si lavora senz’acqua e si applica sul supporto con la spatola, dall’alto verso il basso in due mani (la prima stesa in modo grossolano, la seconda più finemente). Al termine dell’opera, si può sentire al tatto la struttura granulosa della superficie. In questo caso, per ottenere la finitura cemento, il prodotto contiene un pigmento grigio opaco; sono però possibili molte altre texture, che ricordano per esempio il velluto o la plastica. Gli strati hanno complessivamente uno spessore di circa 2 mm.

cucina, bancone a isola, piano in legno, piano cottura a gas, zona lavaggio, finestra a nastro, office con dispensa e colonne forno, faretti

In cucina la composizione (di Meson’s) prevede un’isola centrale nella quale altezze e materiali differenziati distinguono le funzioni operative da quella di piano snack; quest’ultimo è in rovere biondo. Lungo la parete sono invece installate le colonne dispensa e frigo e i forni pensili (sono di Siemens, come il piano cottura a gas con 5 fuochi). Nella zona office, i frontali sono rifiniti in laccato bianco opaco con maniglie a gola in alluminio verniciato grigio tortora.

bagno, lavabo sospeso, cestino giallo, specchio con cornice gialla, applique, parete grigia effetto cemento, portafinestra

Il bagno a uso esclusivo della camera matrimoniale si affaccia con una portafinestra a tutt’altezza su uno dei terrazzi della villa. L’ambiente di servizio è dello stesso stile contemporaneo che caratterizza tutta la casa. In questo caso le scelte d’arredo minimal sono vivacizzate da un contrasto a tre colori – bianco, giallo e grigio – che mette in massimo risalto linee e profili dei singoli elementi. Nel bagno, il lavabo sospeso in ceramica bianca è della serie Palomba di Laufen, con rubinetteria Nostromo di Fantini. I rivestimenti in gres a terra e a parete sono di Margres.

Tavolozza cromatica

Evviva il colore, soprattutto quando l’architettura crea ambienti piuttosto neutri nei quali il bianco e il grigio sono prevalenti. La sua presenza diventa indispensabile ma: quale? In che gradazione? Uno o più? La scelta del giallo da affiancare al grigio crea un accostamento tra i più riusciti e di sicuro effetto. Sono due colori che si combinano con eleganza anche nelle loro sfumature più scure (per il grigio) e più acide (per il giallo). Il secondo illumina il primo e basta poco perché tra bianco, grigio e giallo si crei una buona alleanza. Circa la distribuzione degli elementi colorati non bisogna eccedere né far sì che la presenza della tonalità prescelta diventi un’ossessione ripetitiva.

camera matrimoniale, interni contemporanei, letto, copriletto rigato, cuscini gialli e quadrettati, porta scorrevole gialla, finestra a nastri, tv, cassettiera

La solarità del giallo, utilizzato soltanto per alcuni elementi e dettagli anche nella camera matrimoniale, risalta rispetto alle tonalità neutre che fanno da sfondo. Laccata in giallo è la porta scorrevole esterno muro che chiude il bagno a uso esclusivo: in legno, realizzata dal falegname, ha la caratteristica di essere molto alta e di creare un effetto quinta, con un forte stacco visivo rispetto alle pareti. Nella camera matrimoniale, il letto con testiera-contenitore è di Voltan, così come la cassettiera appoggiata alla parete. La porta scorrevole del bagno è stata realizzata su disegno, mentre la finestra è di Metra.

Mix&match quanto basta

Sul letto cuscini gialli e tessuti fantasia. Un solo colore interrompe il grigio e il bianco della stanza: scelta raffinata perché si è orientata a mantenere il grigio declinandolo nelle diverse texture dei rivestimenti. La federa ne accosta due toni diversi, il copriletto li riprende alternandoli nelle righe, i cuscini affiancano disegni che giocano tutti con le medesime tonalità con figure geometriche. Più che accostare due colori che potrebbero creare un contrasto forte, molto spesso è meglio giocare con i motivi, floreali o schematici, e con le trame, senza timore di sbagliare.

bagno, parete rivestita in gres grigio, piano sospeso, lavabo, miscelatore a parete, piano d'appoggio inferiore, porta

L’effetto cemento già utilizzato per le pareti del soggiorno si ripropone nel bagno principale ma con l’impiego di altri materiali. Le finiture delle pareti e dei pavimenti sono in gres porcellanato, in resina quelle delle pedane e più tonalità di grigio come denominatore comune. L’intento del progetto è quello di integrare armoniosamente stile minimal e tratti tipici della casa mediterranea

bagno, rivestimento in gres grigio a parete, pedana, vasca incassata, piatto doccia a una quota inferiore, finestra

Nel bagno il lavabo sospeso è della serie Palomba di Laufen. La parete sopra la vasca e la doccia (entrambe di Laufen) è rivestita a tutt’altezza con lastre di gres porcellanato. La rubinetteria è della serie Mare di Fantini. I rivestimenti in gres, con piastrelle formato 60×60 cm, sono di Margres. I rivestimenti in resina delle pedane sono di Tafuri Surface.

Due quote per doccia e vasca

Nel bagno la realizzazione di pedane a livelli differenziati ha permesso di avere piatto doccia e vasca ad altezze diverse: la ragione di questa scelta è esclusivamente estetica e non tecnica. La doccia è a quota +15 cm da terra, la vasca a +30 cm; quest’ultima, alta circa 45 cm, è anche parzialmente incassata nella soletta del pavimento. Le strutture delle pedane sono in muratura: quella della doccia è piena, mentre nell’altra i mattoni sono posati soltanto lungo il perimetro, a formare un contenitore cavo per il bacino. Per distinguerle visivamente dalle pareti rivestite in gres, le pedane sono state ricoperte con lo stesso tipo di piastrelle ma rifinite poi sopra con una resina più scura, color terracotta, che uniforma le superfici: questo sistema di posa dei due materiali sovrapposti garantisce una perfetta impermeabilizzazione.

Temperature a contrasto

Più fredda e funzionale quella della stanza da bagno, allegra e colorata quella della camera singola dove ogni arredo, pur rispondendo alle funzioni per le quali è stato creato, ha un che di giocoso: non sono in contraddizione tra di loro perché proprio di questo è fatta un’abitazione, dell’alternanza tra spazi essenziali, qualche volta anche severi e spazi in cui ci si lascia andare a rendere più allegro il quotidiano. Forse qualcuno giudicherà kitsch la lampada con le nuvolette… ma anche di questo vive un interno. Del bisogno di uscire dal buon gusto a tutti i costi per abbandonarsi a ciò che piace, spesso senza un vero perché.

camera dei ragazzi, parete gialla, letto singolo, copriletto a righe, cuscini, chitarra appesa, tappeto, sospensione con diffusore azzurro decorato con nuvole

Nella camera singola, la parete dietro il letto è evidenziata da una tinteggiatura con idropittura gialla. Il letto con testiera rossa è di Nidi, così come l’armadio in laccato bianco opaco realizzato a misura della parete. La lampada a sospensione decorata con nuvole bianche è della serie Skojig di Ikea.

veranda coperta, divano a ferro di cavallo con cuscini grigi, tavolini bianchi, vetrate, pavimento in cemento

All’esterno, nella zona coperta in corrispondenza della grande vetrata in parte fissa e in parte apribile del soggiorno, il divano a ferro di cavallo con morbidi cuscini rivestiti in tessuto grigio è di Maisons du Monde. I faretti a cubo sono di Wever & Ducré. La pavimentazione è in battuto di cemento.

spazi esterni, piscina, solarium con sdraio, uliveto piscina. muretto di contenimento, vista panoramica sul mare, uliveto

Progetto: arch. Paolo Pellegrini, Polignano a Mare (Ba), Tel. 328/8926815 www.paolopellegriniarch.it
Foto: Studio Roy

Styling: Benedetta Rossi Albini

Tratto da Cose di Casa numero di agosto 2019

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 5 / 5, basato su 1 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!