88 mq ottimizzati e ambienti total white

Nuova distribuzione per gli interni di medie dimensioni: raddoppia il bagno e la funzionalità aumenta ottimizzando i vani di servizio. Arredi contemporanei e finiture in bianco completano la trasformazione.

Silvia Scognamiglio
A cura di Silvia Scognamiglio, Fotografo Adriano Pecchio
Pubblicato il 02/11/2015 Aggiornato il 04/09/2018
88 mq ottimizzati e ambienti total white

Rispetto alle abitazioni degli anni ’70, le esigenze attuali si orientano verso ambienti sempre più aperti, spazi di servizio articolati, maggiore fluidità nei passaggi per evitare sprechi di spazio. Seguendo questi criteri è stato ristrutturato l’appartamento che assume così un aspetto più contemporaneo e diventa molto funzionale. Attualizza gli ambienti anche la scelta dei colori, in prevalenza chiari, messi in risalto dal contrasto con tinte scure. Gli ampi spazi all’aperto della balconata e del terrazzo prolungano la zona giorno che risulta molto luminosa.

2143003

  • La zona conversazione è collegata direttamente al terrazzo tramite una grande vetrata scorrevole: nello spazio esterno c’è posto per un’area pranzo all’aperto, ombreggiata e riparata. Mentre all’interno le finiture in bianco e la presenza di due elementi sospesi – il mobile tv e il camino a vista – alleggerisce l’effetto d’insieme ed enfatizza la luminosità. Rivestimento in chiaro anche per il divano, con seduta di due diverse profondità. • Camino sospeso: Agorà di Focus

    2143012

     

  • Tra soggiorno e cucina di fianco al divano, è stata realizzata su disegno una colonna in laccato bianco che separa parzialmente i due ambienti; il vano centrale a giorno ha il fondo a specchio. La zona operativa della cucina,  schermata da un elemento a penisola in finitura wengé, è individuata da un ribassamento in cartongesso del soffitto. • Cappa: Scholtès • Elettrodomestici: Hotpoint Ariston

  • 2143011

    Il tavolo da pranzo è stato sistemato in corrispondenza della grande vetrata tra la zona conversazione e la cucina: di forma rotonda, sfrutta al meglio l’angolo e rende più agevole il movimento intorno. La grande apertura è schermata da una veneziana interna, costituita la lamelle regolabili in alluminio di spessore 15 mm. Nei diversi ambienti della casa sono stati rifatti tutti i rivestimenti a terra, intervento necessario per uniformare le superfici dei pavimenti dopo le opere di demolizione e costruzione di molte pareti divisorie. Nella zona giorno sono state posate lastre di gres: di grandi dimensioni e con spessori ridotti, hanno una tonalità chiara opaca, coordinata con quella della pareti. • Tavolo: Dining Table di Knoll, design Eero Saarinen • Sedie: Serie 7 di Fritz Hansen • Piastrelle in gres: Buxi Cendre Lux di Cotto D’Este

    2143015

     

  • L’uniformità cromatica della zona giorno prosegue anche nelle camere e nel bagno, completo di area wellness: uniche varianti al bianco delle finiture sono i grigi dei rivestimenti tessili e il legno chiaro delle armadiature. Nella camera matrimoniale si è scelto di ridurre al minimo gli elementi contenitori, sistemati invece nel disimpegno e nell’altra stanza da letto. Protagonista dell’ambiente è quindi il letto tessile imbottito con due comodini bianchi: realizzato su disegno e dotato di contenitore sotto la rete, ha la biancheria e il copriletto in tonalità coordinate di grigio. Unico elemento d’arredo è la libreria a colonna sistemata di fianco al letto.Per dividere la camera matrimoniale dal bagno a uso esclusivo è stata installata una porta scorrevole esterno muro, costituita da un pannello quasi a tutta altezza rivestito a specchio. Ma anche all’interno del bagno è presente una grande superficie riflettente, a figura intera, tra due armadiature: entrambe le soluzioni ottengono l’effetto di modificare visivamente le prospettive dell’ambiente in cui si trovano. • Lampada da terra a stelo: Teda di Oluce • Porte interne: Venezia di Bertolotto

  • 2143019

    Il bagno, collegato con la camera matrimoniale, ne richiama i colori e lo stile. Di fianco al mobile con lavabo incassato è installata una vasca freestanding. Il pavimento, in lastre di gres di colore grigio, non ha soluzione di continuità con la camera e con il resto dell’abitazione. Il tappetino davanti al lavabo è in fibra di cocco naturale. Non solo miscele di colori e composizioni geometriche: le tessere di mosaico si prestano anche alla realizzazione di figure e disegni personalizzati. In questo caso, sulla sola parete che fa da sfondo alla vasca, una fantasia di fiori stilizzati gioca il suo effetto su un efficace contrasto black & white. • Lavabo da incasso: Io di Ceramica Flaminia • Rubinetteria: Ovale di Gessi • Vasca da bagno: Starck di Duravit  • Lampada da appoggio: Anisha di Foscarini • Applique: Nobi di FontanaArte • Mosaico: Floris Flax di Sicis

Le piante del progetto – Che cosa è cambiato
 
Nella ristrutturazione dell’appartamento di 88 mq, le modifiche più consistenti nella distribuzione hanno interessato la parte centrale della pianta: il soggiorno è stato ingrandito annettendo un altro locale e la cucina spostata rispetto alla sede originaria; si è inoltre ricavato un nuovo bagno ed è stato ampliato quello padronale, trasformato in uno spazio wellness. La zona notte non ha invece subito particolari cambiamenti, e le due camere hanno mantenuto forme e dimensioni di partenza.
 

Dc-Colombo

 

 

 

pianta

 

Una netta divisione
La parte notte dell’abitazione, molto razionale, è introdotta da un disimpegno che distribuisce tutte le stanze: il bagno, la lavanderia e le due camere. Quella matrimoniale si prolunga in un bagno a uso esclusivo dotato di area wellness.

Nuovo living a forma di T

Nella riorganizzazione della zona giorno, l’intento è stato quello di aprirla il più possibile: c’è ora quindi continuità tra ingresso, soggiorno, zona pranzo e cucina. La forma della pianta consente tuttavia di individuare bene spazi diversi per ciascuna di queste funzioni.  

Progetto: arch. Giulia Torregrossa – Lecco, Tel. 0341/282295
Foto di Adriano Pecchio

 
 
Lavori e costi
 

Murature e opere in cartongesso
Per modificare la distribuzione interna, molti dei tramezzi esistenti sono stati demoliti e ricostruiti cambiandone la posizione e ricavando quando possibile rientranze che aiutano a definire vani di servizio e aree funzionali. Quasi tutte le opere sono in muratura, salvo la parete concava dietro il camino che è in cartongesso; in cartongesso sono anche tutte le controsoffittature.  

murature-e-opere...
murature-e-opere...

 

Soggiorno ampliato e un camino più moderno
Nella zona giorno la semplice demolizione del tramezzo che divideva il soggiorno dal locale guardaroba ha permesso
di ottenere un ambiente unico con superficie di circa 30 mq. 
● Al posto del guardaroba, secondo una concezione più moderna degli spazi, è stata realizzata una zona cottura aperta che fa tutt’uno con il living. Dopo la demolizione del tramezzo, è stato necessario rifare i rivestimenti a terra in modo da uniformare la superficie ed eliminare i dislivelli. 
● Altro intervento importante è stata la sostituzione del camino con un modello sospeso di linea contemporanea. 
● È stata utilizzata la canna fumaria esistente, predisponendo però tra questa e il condotto metallico del nuovo camino un raccordo orizzontale, sempre in metallo. Per accogliere il focolare circolare, alla parete retrostante è stata data la stessa forma realizzando un arrotondamento in cartongesso. 

CAMINO

foto-CAMINO

 

 

 

 

Tutti i lavori nei bagni
Al centro della pianta, le zone di servizio sono state del tutto ripensate: al posto dell’ex cucina abitabive e del preesistente bagno lungo e stretto,
ne è stato realizzato uno cieco ed è stato ampliato quello a uso esclusivo della camera matrimoniale. Sempre in posizione centrale è stata ricavata la lavanderia, in una rientranza realizzata in muratura.

 

Rivestimenti

 

BAGNO-prima-e-dopo

 

 

L’adeguamento degli impianti 
Non soltanto sono stati rifatti per adeguarli alla normativa vigente: lo spostamento della cucina e la riorganizzazione dei bagni ha richiesto la realizzazione di nuovi collegamenti idraulici ed elettrici. Per semplificare l’intervento riducendo le opere murarie, gli impianti sono stati installati nei controffitti appositamente realizzati in cucina e nei bagni per contenere e nascondere i condotti. Con questo sistema sono stati limitati gli interventi sui pavimenti, evitando di aumentarne gli spessori.

IDRAULICO

idraulico2

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!