65 mq un’ex cascina effetto loft

Diverse eppure niente affatto incompatibili, due stili di casa convivono in questa abitazione: rurale da un lato, contemporaneo dall'altro, caratterizzato da soffitti a doppia altezza, finiture industriali e pezzi di design che personalizzano gli ambienti.

Silvia Scognamiglio
A cura di Silvia Scognamiglio
Pubblicato il 18/07/2016 Aggiornato il 04/09/2018
65 mq un’ex cascina effetto loft

All’interno di un’antica casa colonica toscana è stato ricavato un moderno spazio residenziale, composto da più unità immobiliari. L’abitazione unifamiliare, di circa 65 mq, che abbiamo preso in considerazione, è stata ristrutturata in più riprese; il progetto attuale, modificando solo parzialmente la distribuzione preesistente, ha dato agli interni un lay-out più funzionale, con soluzioni a vista e doppie altezze che modificano lo stile degli interni rendendolo più simile a quello dei loft. Un tratto sottolineato anche dalla scelta di alcuni materiali di finitura, come le pavimentazioni in gres porcellanato effetto cemento. Molto tradizionale, invece, è la suddivisione della zona notte, nettamente separata  da un disimpegno che distribuisce gli ambienti. Di metratura ridotta, gli interni sono valorizzati dallo slancio verticale e anche dalla prevalenza di tonalità sobrie e neutre.

Clicca sulle immagini per vederle full screen

 

bp-living-10

 

  • L’ingresso dal giardino interno si apre sull’ambiente giorno con una portafinestra vetrata. La zona conversazione è articolata intorno al volume d’angolo, mentre il tavolo da pranzo (Diamante di Point House) è disposto al centro: al piano nero riflettente, illuminato da due sospensioni a campana (Skygarden di Flos) si accompagnano sedie in policarbonato trasparente (Queen di Pedrali). I divani ad angolo con rivestimento a due colori sui toni del grigio sono il modello Pixel di Saba, le lampade da terra sono le Parentesi di Flos, design Achille e Pier Giacomo Castiglioni.

bp-living-02

  • Nel living, tra la zona conversazione e la cucina, un passaggio ad arco dà accesso al disimpegno che distribuisce la parte notte della casa. Davanti al divano, il coffee table sagomato in marmo nero Marquinia è il modello Cave di Ideal Marmo, disegnato dai progettisti della casa. L’orologio a parete è di Maisons du Monde.

Schermata-2016-06-15-alle-15.33.42

 

La cucina a vista

Nell’open space della zona giorno, la cucina è stata mantenuta nella posizione originaria, in modo da non dover apportare sostanziali modifiche agli impianti tecnici. La composizione si sviluppa a elle su due lati: viene sfruttata interamente la parete finestrata, lunga circa 500 cm, compresa l’altezza del sottofinestra, dove è installato il lavello; l’altra parete attrezzata è quella che confina con il bagno. Questa disposizione permette di dare alla zona cottura un’ampia apertura e visibilità in ogni sua parte e di integrarla perfettamente al living; viene invece lasciata libera la porzione di parete a destra della porta d’ingresso della casa e questo favorisce i passaggi interni, anche intorno al tavolo da pranzo.
La zona operativa occupa uno spazio ampio e privilegiato per un’abitazione di dimensioni ridotte come questa. All’incrocio delle pareti sono stati inseriti basi e pensili; in posizione centrale l’altezza del sottofinestra è utilizzata con vani contenitori e con la zona lavaggio; all’estremità opposta trova invece posto l’office, contraddistinto dal colore grigio, che integra le colonne frigo e forno.

 

bp-4461

  • La cucina con frontali in rovere chiaro e zona office con finitura in grigio è il modello Liberamente di Scavolini. Il piano, in granito nero assoluto con lavello in acciaio integrato, è illuminato da un’applique a forma di rubinetto (Lightdrop di Wever & Ducré). 

 

La zona notte dell’abitazione occupa poco meno della metà della superficie disponibile con due camere da letto, matrimoniale e singola; quest’ultima è attrezzata con un letto sopraelevato che consente di ricavare lo spazio per l’armadiatura nell’altezza sottostante. I due ambienti, di dimensioni ridotte, sono valorizzati da finiture decorative e da un progetto illuminotecnico che amplifica visivamente i volumi.

Schermata-2016-06-15-alle-15.47.07

bp-anticamera-01

  • Nel disimpegno le due camere sono divise da porte “invisibili” filomuro (di Staino & Staino), in tamburato di legno con finitura in cementite e tinteggiatura color tortora per uniformarle alle pareti. Soprai serramenti, una veletta aggettante in cartongesso nasconde la barra a led  che illumina dall’alto e crea un effetto di luce naturale. Il bagno, a destra, è chiuso invece da una porta scorrevole interno muro di Ermetika

 

 

Rivestimenti effetto décor

bp-cameretta-01

Nella zona notte, carte da parati disegnate ad hoc dai progettisti stessi e piastrelle di produzione decorate a motivi grafici caratterizzano visivamente gli ambienti, contribuendo a personalizzare, amplificare e modificare nelle prospettive spazi di dimensioni contenute. Concorre in larga misura al risultato il progetto illuminotecnico: gli effetti wall-wash utilizzati, grazie ai quali la parete è avvolta da un fascio luminoso che comprende tutta la superficie interessata, regalano un’impressione simile a quella di una “cascata d’acqua”.  Nella camera dei ragazzi le due diverse finiture della parete laterale riproporzionano l’altezza, sottolineando il passaggio tra la zona inferiore e il piano del letto soppalcato: una barra metallica, proseguimento ideale della trave portante del soppalco, segna lo stacco e nasconde la barra a led. La carta da parati, con disegni stilizzati e posata sotto, riprende i murales newyorkesi di Keith Haring; sopra, una tinteggiatura azzura con smalto all’acqua. 
Nelle camere il pavimento è rivestito in parquet di rovere sbiancato. In quella dei  ragazzi è stata realizzata una soluzione salvaspazio con un capiente armadio e un letto sopraelevato, accessibile con una scala a pioli.

bp-camera-05

Nella stanza matrimoniale a fare da sfondo alla testiera è una tappezzeria che riproduce una composizione di foglie autunnali nei toni tenui del rosa. Riflesso anche sul lato opposto grazie alle ante specchiate dell’armadio, il motivo consente di dilatare visivamente l’ampiezza della camera. Il letto tessile è illuminato dall’alto da luci a led nascoste dietro una veletta; di fronte, l’armadio a tutta parete con ante specchiate bronzate è Crystal di Novamobili. Appoggiata alla parete, la sedia Gravity di Onda Home Design è una creazione dei progettisti della casa.

bp-bagno-00

Nel bagno l’effetto decorativo dei rivestimenti è ottenuto con piastrelle diverse per texture, dimensioni e formato che si alternano coprendo completamente tutte le superfici verticali e orizzontali della stanza. Il grigio tinta unita del pavimento e della parete dietro il lavabo attenua l’impatto visivo delle altre pareti, contraddistinte dall’accostamento di cinque motivi optical in bianco e nero. L’illuminazione che scende dall’alto, schermata dietro le velette, mette in risalto il gioco grafico. L’angolo del bagno con piatto doccia filopavimento è schermato da un pannello in vetro trasparente, acidato solo al centro. La specchiera sopra il lavabo, scostata dal muro di pochi centimetri, permette di alloggiare, per tutta la lunghezza della fascia inferiore, una barra luminosa a led. Le piastrelle di rivestimento sono tutte di Tagina, serie Deco D’Antan; sanitari Eden di Galassia.

 

Il progetto in pianta della casa

La casa unifamiliare – 65 mq al netto dei muri – è caratterizzata da una pianta rettagonale: il muro perimetrale non rettilineo non interferisce comunque sulla nuova distribuzione che vede la cucina completamente  a vista e una netta divisione tra zona giorno e parte notte dell’abitazione. 

Schermata-2016-06-15-alle-15.59.14

 

Schermata-2016-06-15-alle-16.01.55

 

L’apertura della nuova finestra nel bagno

Il bagno, prima cieco è stato finestrato: sul muro perimetrale è stato installato ex novo un serramento. L’intervento risulta più semplice in un’abitazione unifamiliare come questa che non in un condominio. Per l’apertura di una nuova finestra è d’obbligo accertarsi che sia compatibile con le azioni previste nei Regolamenti comunali vigenti e che l’immobile non sia sottoposto a vincoli storico-paesaggistici che non consentano la modifica delle facciate. Se l’immobile è in condominio, occorre l’avallo della maggioranza dell’assembla condominiale.
La realizzazione di piccole aperture per l’adeguamento o il miglioramento delle caratteristiche igienico-sanitarie di un ambiente, non prevede di solito il nullaosta del Genio Civile e il rilascio dell’autorizzazione in zone sismiche, purché vengano rispettati i parametri dimensionali previsti dalla normativa: l’apertura dovrà essere inferiore o uguale a 0,5 mq ed è previsto il mantenimento di una spalla di 100 cm dagli angoli dei muri esterni. Il rapporto aeroilluminante è stabilito in genere in 1/8 della superficie della stanza; in alcune Regioni questo rapporto per le ristrutturazioni è stato però abbassato fino a 1/16.bp-bagno-03


Progetto:
B + P architetti Pierluigi Percoco e Alessia Bettazzi, www.bettazzipercoco.com
Foto: Darragh Hehir

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4 / 5, basato su 1 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!