Casa di vacanza con piscina, veranda, porticato e trullo adiacente

Paesaggio e natura, tradizione rurale pugliese e architettura moderna coesistono in questa casa di vacanza tipicamente mediterranea.

Silvia Scognamiglio
A cura di Silvia Scognamiglio
Pubblicato il 08/08/2022 Aggiornato il 08/08/2022
patio della casa di vacanze, prato, piscina, solarium, ombrellone, lettini, panca angolare in muratura con cuscini, tavolini, pavimento in pietra, tappeto, copertura in cannicciato

Un trullo e una lamia risalenti alla fine dell’800 dialogano in grande armonia con i fabbricati di nuova costruzione: siamo nel Comune di Polignano a Mare, e l’intento ben riuscito del progettista è stato quello di rispettare lo spirito originario, il cosiddetto “genius loci”.

All’esistente, infatti, sono stati aggiunti altri elementi con una modalità non invasiva, restaurando rustici e muretti a secco, preservando la vegetazione mediterranea punteggiata di ulivi, mandorli, lecci, carrubi e alberi da frutta, immersi in un paesaggio tipicamente pugliese. Qui la campagna è a pochi chilometri di distanza dalla costa e il mare in lontananza è parte integrante del paesaggio.

A pochi metri è stata realizzata anche una piscina che, insieme ai porticati esterni, funge da elemento di raccordo dello spazio. Grande attenzione è stata posta, oltre che allo stile architettonico, anche nella selezione di materiali, perlopiù di origine locale.

Foto casa di villeggiatura con piscina in Puglia
  • Tra gli edifici antichi e di nuova costruzione distribuiti sull'estensione della proprietà, nella zona più soleggiata esposta a Sud, è stata realizzata una piscina in muratura di forma rettangolare lunga oltre 11 m e larga quasi 3 m; il fondo è stato rifinito con intonaco a base di calce idraulica colorata con polvere di cocciopesto. Le finiture dei bordi e del solarium che circonda la vasca perseguono l'obiettivo di integrarla quanto più possibile con lo stile della casa e con il paesaggio naturale intorno. I lavori sono stati eseguiti da Selvazzurra Piscine.
  • Nel porticato rivolto verso la piscina, le panche in muratura lungo le pareti della casa sono in pietra locale grezza intonacata a calce; la copertura è formata da una struttura in ferro sulla quale è fissato un cannicciato di bambù. Il solaio della casa è stato rialzato di circa 35 cm da terra per realizzare un vespaio aerato per un miglior comfort termico degli ambienti e per proteggerli dall'umidità del terreno. Per lo stesso motivo anche il tetto piano di copertura è di tipo ventilato.
  • La panchetta e il piano del tavolo da pranzo sono in muratura intonacata con malta a base calce. A destra, il volume aggettante che non arriva a tutt'altezza è quello del forno esterno in pietra, accessibile sull'altro lato. È nello stesso materiale del pavimento e del muretto a secco a sinistra. Le sedie nere per l'outdoor sono di Maisons du Monde.
  • Tra la casa di nuova costruzione e la lamia, il forno all'esterno in pietra fa parte della struttura preesistente. La pavimentazione del porticato è realizzata in pietra di Cisternino rifinita in malta a base calce. I serramenti esterni di finestre e portefinestre sono in alluminio verniciato nero di Domal.
  • tavolo-da-pranzo-esterno
  • Nella cucina la composizione in linea di Aran Cucine si sviluppa su due lati e gioca sull'abbinamento del legno e del laccato bianco; per le finiture a parete è stato scelto il verde acqua. Da una parte le basi sfruttano l'altezza sotto le tre piccole aperture affacciate sul porticato; di fronte è sistemata invece la zona office con le colonne del frigorifero e del forno. Le sedie nere intorno al tavolo sono le Skin di Calligaris; le lampade a sospensione in PMMA trasparente verde acqua sono le Fly di Kartell, design Ferruccio Laviani; i faretti cubici sono di Wever & Ducré. Rivestimenti in resina a pavimento di Euwork.
  • scala-giardino
  • doccia-esterna
  • Nella camera matrimoniale più grande, il letto tessile con rivestimento grigio è di Twils e il comodino in legno grezzo è stato acquistato da Carrieri Design. L'illuminazione d'ambiente e quella puntuale nella zona lettura è ottenuta con apparecchi diversi: applique sopra il comodino, sospensione a bulbo centrale e lampada da terra sistemata vicino alla finestra.
  • Tra la camera matrimoniale e il bagno a uso esclusivo, la vasca freestanding sagomata appoggiata a una porzione di parete è di Colacril. A sinistra nell'ambiente di servizio, il mobile sospeso, i lavabida appoggio tondi e lo specchio sono stati acquistatida Damura; rubinetteria a parete di Paffoni.Il pavimento in resina è di Euwork.
  • Il consolidamento e restauro della struttura della lamia non ha comportato modifiche significative alle facciate, né la realizzazione di nuove aperture. Le piccole finestre quadrate e i vani di accesso erano infatti tutti già esistenti: sono stati installati nuovi infissi a taglio termico in alluminio verniciato nero (di Domal).
  • L'ambiente principale dell'antico edificio rurale è illuminato da portefinestre e piccole finestre. Le nicchie nello spessore dei muri perimetrali in pietra hanno permesso di ricavare piani d'appoggio e vani per contenere. La lampada a sospensione è Parentesi di Flos, design Achille Castiglioni e Pio Manzù. Il divano rivestito in tessuto verde è il modello Broadway di Maisons du Monde.
  • soggiorno
  • scala-interna
  • Tra gli edifici antichi e di nuova costruzione distribuiti sull'estensione della proprietà, nella zona più soleggiata esposta a Sud, è stata realizzata una piscina in muratura di forma rettangolare lunga oltre 11 m e larga quasi 3 m; il fondo è stato rifinito con intonaco a base di calce idraulica colorata con polvere di cocciopesto. Le finiture dei bordi e del solarium che circonda la vasca perseguono l'obiettivo di integrarla quanto più possibile con lo stile della casa e con il paesaggio naturale intorno. I lavori sono stati eseguiti da Selvazzurra Piscine.

Il progetto  

planimetria della casa di vacanze di 130 mq

1 Ingresso 2 Deposito esterno 3 Porticato 4 Forno 5 Zona pranzo 6 Cucina 7 Disimpegno 8 Camera 9 Camera matrimoniale 10 Bagno 11 Salotto all’aperto 12 Soggiorno nelle dépendance 13 Scala 14 Doccia esterna

  • La parte notte della casa di vacanze, che si sviluppa a elle lungo due lati della pianta, è molto articolata: tre stanze da letto e due ambienti di servizio, cui si aggiunge la camera matrimoniale più grande con bagno en suite e vasca freestanding.
  • All’incrocio dei due porticati ortogonali uno rispetto all’altro, si trova il volume dell’antico forno. Addossato alla parete perimetrale della lamia, confina con un altro forno che si trova invece all’interno della costruzione.
  • La lamia vicino alla casa di vacanze, caratterizzata da muri di elevato spessore, è accessibile dal porticato. Nel progetto, la costruzione recuperata è diventata una dépendance della villa nella quale sono sistemati gli ambienti giorno. La scala interna sale al lastrico solare.
  • La cucina-pranzo su cui si apre l’ingresso principale della casa di vacanze, è costituita da un open space di circa 30 mq. L’ambiente è connesso agli spazi all’aperto che ospitano una seconda area conviviale e un salotto en plein air.
  • La scala esterna accostata alla parete del deposito, porta al terrazzo. Nell’angolo alle sue spalle è stata ricavata una doccia outdoor.

planimetria della proprietà con casa di vacanze, lamia e trullo

Un grande spazio con costruzioni vecchie e nuove

La proprietà su cui sorgono i fabbricati ha un’estensione di poco inferiore a 12.000 mq: la forma irregolare dell’area è dovuta ai preesistenti confini con le unità agricole che la circondano. Le linee di demarcazione sono costituite da una strada comunale e da antichi muri a secco che fungono da elementi di divisione. Il terreno su cui sorgono la casa di vacanze di nuova costruzione e gli altri edifici presenta una leggera pendenza in direzione Nord/Est. L’altezza è di circa 200 m sul livello del mare, a una distanza di 5 km dalla costa. Il trullo e la lamia sono raggiungibili attraverso un sentiero erboso (tratturo) che si apre sulla strada comunale di San Luigi dando accesso al lotto.

casa di vacanze, piscina, solarium, trullo, area rurale, sdraio

Tra gli edifici antichi e di nuova costruzione distribuiti sull’estensione della proprietà, nella zona più soleggiata esposta a Sud, è stata realizzata una piscina in muratura di forma rettangolare lunga oltre 11 m e larga quasi 3 m; il fondo è stato rifinito con intonaco a base di calce idraulica colorata con polvere di cocciopesto. Le finiture dei bordi e del solarium che circonda la vasca perseguono l’obiettivo di integrarla quanto più possibile con lo stile della casa e con il paesaggio naturale intorno. I lavori sono stati eseguiti da Selvazzurra Piscine.

patio della casa di vacanze, prato, piscina, solarium, ombrellone, lettini, panca angolare in muratura con cuscini, tavolini, pavimento in pietra, tappeto, copertura in cannicciato

Nel porticato rivolto verso la piscina, le panche in muratura lungo le pareti della casa sono in pietra locale grezza intonacata a calce; la copertura è formata da una struttura in ferro sulla quale è fissato un cannicciato di bambù. Il solaio della casa è stato rialzato di circa 35 cm da terra per realizzare un vespaio aerato per un miglior comfort termico degli ambienti e per proteggerli dall’umidità del terreno. Per lo stesso motivo anche il tetto piano di copertura è di tipo ventilato.

L’importanza dei porticati

Nel progetto della casa di vacanze, il passato ha un significato prezioso, percepibile nella valorizzazione della grande corte rurale aperta: i diversi fabbricati sono stati infatti collegati da spazi all’aperto vivibili che si rifanno all’antica tradizione delle campagne pugliesi. I due porticati, quello verso la piscina e l’altro disposto a 90° con la zona pranzo en plein air, sono elementi di raccordo che divengono parte integrante della casa, soprattutto d’estate. L’area conviviale all’aperto della casa di vacanze occupa una vera e propria veranda coperta: questo spazio, che rappresenta un’estensione dell’ambiente indoor con cucina e tavolo da pranzo, è anche concepito per sottolineare la continuità, da un punto di vista progettuale ed estetico, con i manufatti esistenti delle nuove costruzioni.

terrazzo della lamia, murature e pavimento in pietra, muretto, tavolo, sedie, forno

La panchetta e il piano del tavolo da pranzo sono in muratura intonacata con malta a base calce. A destra, il volume aggettante che non arriva a tutt’altezza è quello del forno esterno in pietra, accessibile sull’altro lato. È nello stesso materiale del pavimento e del muretto a secco a sinistra. Le sedie nere per l’outdoor sono di Maisons du Monde.

All’interno della casa di vacanze, la cucina completa di area conviviale è l’ambiente principale intorno al quale ruotano gli spazi esterni abitabili. Il living indoor vero e proprio non è in questo edificio, ma è stato invece ricavato nell’antica lamia dopo un intervento di restauro conservativo.

porticato della casa di vacanze, vetrata scorrevole, forno antico, sedia da outdoor, pavimento in pietra, copertura in cannicciato, muratura in pietra

Tra la casa di nuova costruzione e la lamia, il forno all’esterno in pietra fa parte della struttura preesistente. La pavimentazione del porticato è realizzata in pietra di Cisternino rifinita in malta a base calce. I serramenti esterni di finestre e portefinestre sono in alluminio verniciato nero di Domal.

cucina della casa di vacanze, finestra, piano cottura a gas, tendaggi, portafinestra, tavolo rettangolare, sedie, panchetta, sospensioni con diffusore verde, quadri a parete, faretti, pavimento in resina

Nella cucina la composizione in linea di Aran Cucine si sviluppa su due lati e gioca sull’abbinamento del legno e del laccato bianco; per le finiture a parete è stato scelto il verde acqua. Da una parte le basi sfruttano l’altezza sotto le tre piccole aperture affacciate sul porticato; di fronte è sistemata invece la zona office con le colonne del frigorifero e del forno. Le sedie nere intorno al tavolo sono le Skin di Calligaris; le lampade a sospensione in PMMA trasparente verde acqua sono le Fly di Kartell, design Ferruccio Laviani; i faretti cubici sono di Wever & Ducré. Rivestimenti in resina a pavimento di Euwork.

I muretti a secco

A correre lungo i confini della proprietà, definivano le divisioni tra i diversi appezzamenti rurali e ancora oggi costituiscono una testimonianza storico-paesaggistica che assume anche alto valore ambientale. All’interno dell’area sono presenti anche altri muretti a secco, in origine utilizzati come recinzioni protettive per gli animali che, nel progetto, sono stati conservati e restaurati. Diffusissime fin dall’antichità nelle campagne mediterranee, le murature a secco venivano realizzate assemblando pietre raccolte dal terreno, senza l’impiego di malta: l’equilibrio delle strutture, anche di grandi dimensioni e notevoli altezze, dipende dall’abilità di predisporre i pezzi uno sopra l’altro. Fessure e interstizi tra le pietre costituiscono l’habitat ideale per specie vegetali spontanee della macchia mediterranea, e per lucertole e insetti: veri e propri mini ecosistemi naturali da preservare.

terrazzo della casa di vacanze, muretto di contenimento a secco, tavolo rettangolare, sedie, alberi, porta, finestra, lavabo da esterno

La zona notte con arredi essenziali, in stile contemporaneo

Le è stato riservato uno spazio ampio, dal momento che si è invece scelto di concentrare tutta l’area living nella dépendance. Delle quattro camere da letto, la più grande è una suite completa di bagno a uso esclusivo con arredi essenziali e di stile contemporaneo.

camera matrimoniale della casa di vacanze, comodino in legno, lampada da tavolo, letto tessile con testiera alta, applique, sospensione a bulbo, portafinestra, tendaggio grigio, lampada da terra, pavimento in resina

Nella camera matrimoniale più grande, il letto tessile con rivestimento grigio è di Twils e il comodino in legno grezzo è stato acquistato da Carrieri Design. L’illuminazione d’ambiente e quella puntuale nella zona lettura è ottenuta con apparecchi diversi: applique sopra il comodino, sospensione a bulbo centrale e lampada da terra sistemata vicino alla finestra.

Resina in camera e in bagno

I pavimenti della stanza matrimoniale e del bagno a uso esclusivo sono rivestiti con resina opaca in una tonalità neutra che si avvicina a quella della pietra calcarea degli esterni. La superficie continua senza giunzioni, impermeabilizza dall’acqua e protegge dall’umidità.

camera matrimoniale, letto tessile, vasca freestanding, placca con rubinetteria a parete, bagno a uso esclusivo, piano sospeso in rovere, lavabi tondi da appoggio, miscelatori a parete, specchio, applique, pareti blu, portasciugamani, cesto in fibra naturale

Tra la camera matrimoniale e il bagno a uso esclusivo, la vasca freestanding sagomata appoggiata a una porzione di parete è di Colacril. A sinistra nell’ambiente di servizio, il mobile sospeso, i lavabida appoggio tondi e lo specchio sono stati acquistatida Damura; rubinetteria a parete di Paffoni.Il pavimento in resina è di Euwork.

In armonia con il paesaggio

Un nuovo equilibrio è stato raggiunto tra ambiente naturale e il fabbricato della casa di vacanze: quest’ultimo si sviluppa su un unico livello con un’altezza standard dei soffitti interni di 270 cm. Il tetto piano è raggiungibile dall’esterno tramite una scala in muratura molto tradizionale che sale parallela alla parete perimetrale di un deposito con annesso locale tecnico (circa 23 mq in totale): anche questi ambienti sono accessibili dall’esterno.

casa di vacanze, scala che porta al terrazzo, prato, siepi

Materiali a chilometro zero

Per la nuova casa di vacanze e per il restauro dei rustici sono stati utilizzati materiali in prevalenza provenienti dal territorio. Soltanto per le strutture portanti (travi, pilastri e solai della villa) si è fatto ricorso al latero-cemento. In pietra calcarea, invece, le murature; con lo stesso materiale sono state ripristinate quelle della lamia, del trullo e i muri a secco di contenimento. I blocchi, estratti localmente, nei secoli hanno permesso di edificare la maggior parte delle costruzioni rurali “povere” della Puglia. La pavimentazione dei porticati è in pietra, sempre a composizione calcarea, proveniente dalle cave di Cisternino; il ghiaietto dei vialetti è locale, gli intonaci interni ed esterni sono in malte cementizie traspiranti a base di calce e polvere di tufo.

esterno della casa di vacanze, fichi d'India, doccia, muretto a secco, porta, finestra, parete intonacata a calce

Quasi 40 mq in più con il recupero

Grazie a un intervento mirato e non invasivo, l’antica lamia – il fabbricato rurale adiacente – è diventata abitabile. È stato così possibile ricavare in questi spazi un’articolata area living sotto gli archi e le volte a botte. La pietra delle murature lasciata al grezzo svela il fascino delle origini senza nulla togliere al comfort termico e acustico. Il recupero della lamia ha comportato opere di manutenzione straordinaria con ripristino e pulizia delle murature perimetrali in pietra e la parziale ridistribuzione degli spazi interni, adattandosi ai numerosi vincoli strutturali. L’ambiente vicino all’ingresso, riproporzionato da una volta a botte molto bassa, è stato conservato così com’era e arredato con panche in muratura: un salotto in nicchia minimale ma accogliente.

esterno della lamia, finestre piccole, porte vetrate, prato, muratura in pietra, trullo, alberi

Il consolidamento e restauro della struttura della lamia non ha comportato modifiche significative alle facciate, né la realizzazione di nuove aperture. Le piccole finestre quadrate e i vani di accesso erano infatti tutti già esistenti: sono stati installati nuovi infissi a taglio termico in alluminio verniciato nero (di Domal).

interno della lamia, murature in pietra senza intonaco, soggiorno, porte ad arco, finestre, porta vetrata, divano verde, pavimento in resina, vano ad arco, lampada a sospensione di design

L’ambiente principale dell’antico edificio rurale è illuminato da portefinestre e piccole finestre. Le nicchie nello spessore dei muri perimetrali in pietra hanno permesso di ricavare piani d’appoggio e vani per contenere. La lampada a sospensione è Parentesi di Flos, design Achille Castiglioni e Pio Manzù. Il divano rivestito in tessuto verde è il modello Broadway di Maisons du Monde.

interno della lamia, volte, murature in pietra, arco, salotto in nicchia, lampada a sospensione destrutturata, bracciolo del divano verde, poltroncina, porta vetrata

Nella lamia l’altezza della volta a botte è illuminata da Maman di Seletti, un sistema di bulbi a sospensione multipli con cavi a vista.

Ambienti d’epoca sotto le volte

Lamia, lammia o lìama: a seconda delle diverse zone della Puglia e dei dialetti, questi diversi termini indicano la stessa tipologia architettonica rurale. Sparse nelle campagne, queste costruzioni all’epoca realizzate per esigenze lavorative (erano per esempio adibite a depositi per attrezzi agricoli) e di abitazione temporanea dei contadini, fanno parte del patrimonio storico di queste aree. Le lamie pugliesi hanno in genere caratteristiche ben riconoscibili: di dimensioni contenute, hanno pianta rettangolare o quadrata, sono edifici “poveri”, costruiti con pietre estratte  dal terreno nella zona. I muri perimetrali di elevato spessore sono innalzati a secco senza malta, le coperture costituite da volte a botte in tufo, le aperture piccole o del tutto assenti. Molte lamie ben conservate nel Salento e in altre parti della regione sono state restaurate e trasformate in casa di vacanze come nel caso di quella presentata in queste pagine.

scala interna, murature in pietra, volte a botte, passaggio ad arco, finestra

Un classico trullo mediterraneo

Ai confini dell’area di progetto c’è questo fabbricato tipico delle campagne pugliesi, fortemente caratterizzante. Il restauro ne ha consolidata la struttura e preservati i tratti architettonici, a cominciare dalla copertura a cono in pietra di tufo. Faceva già parte del fondo agricolo prima dell’intervento anche un piccolo trullo a pianta circolare: poiché era diroccato e in stato d’abbandono, è stato necessario un restauro. Il cono della copertura è stato ripristinato utilizzando pietre raccolte sul posto e intonacato a calce come in origine. Il trullo non è abitato, ma adibito a deposito e magazzino.

piscina della casa di vacanze, solarium, lettino, prato, siepi, trullo, alberi

Parte integrante della natura del luogo

I primi si erano concentrati nella zona di Alberobello, nella Valle d’Itria, per poi diffondersi su tutto il territorio pugliese, principalmente lungo la costa adriatica: i trulli raccontano una storia che, iniziata nel XIV secolo, testimonia dei primi insediamenti contadini in quest’area. Ne esistono però anche di più recenti. Inconfondibili per l’aspetto, questi edifici – riconosciuti nel 1996 come patrimonio mondiale dell’Unesco – sono un esempio di architettura spontanea rurale. A pianta quadrangolare o circolare, sono alti fino a 2 metri; la struttura è costituita da muri a secco in pietra calcarea con spessore totale fino a 1,5 m. La copertura concava a cono è formata da anelli concentrici sempre più stretti di pietre di tufo (sistema a tholos), chiusi all’apice da un grosso masso sagomato ad hoc in cima al quale è posato il pinnacolo; le pietre che rivestono il cono sono denominate “chiancarelle”.

Casa di vacanze dall’antichità a oggi

La costruzione dei trulli ha seguito, con poche varianti, le tecniche tradizionali. Anche i restauri, affidati a personale specializzato, non possono discostarsi da criteri che ne preservino il valore storico. Il trullo presente lungo la fascia perimetrale di questa proprietà risale alla fine dell’800.

Indirizzi fornitori

• Aran Cucine, www.aranworld.it, Tel. 800/500100 • Calligaris, www.calligaris.com, Tel. 0432/748211 • Carrieri Design, carrieridesign.com, Tel. 080/4240963 • Colacril, colacril.it, Tel. 0761/542126 • Damura, damura.it, Tel. 327/0350096 • Domal Serramenti, www.domal.it, Tel. 02/924291 • Euwork, www.euwork.it, Tel. 031/880160 • Flos, www.flos.com, Tel. 030/24381 • Kartell, www.kartell.it, Tel. 02/900121 • Maisons du Monde, www.maisonsdumonde.com, Tel. 800/870799 • Paffoni, www.paffoni.it, Tel. 0322/97321 • Seletti, www.seletti.it, Tel. 0375/88561 • Selvazzurra Piscine, www.selvazzurrapiscine.it • Twils, www.twils.it, Tel. 0421/469011 • Wever & Ducré, www.weverducre.com

Progetto e foto: arch. Paolo Pellegrini, Polignano a Mare (Ba), Tel. 080/9246025, 328/8926815 – www.paolopellegriniarch.it, paolopellegrini.architettura@gmail.com

 

 

Tratto da Cose di Casa numero di luglio 2021

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4.25 / 5, basato su 8 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!