Bilocale d’epoca di 68 mq rinnovato in 1 mese

Una ristrutturazione lampo e low budget ha trasformato e attualizzato il bilocale conservando alcuni elementi preesistenti
Silvia Scognamiglio
A cura di Silvia Scognamiglio, Fotografa Cristina Galliena - Studio White, Architetto Clara Bona
Pubblicato il 04/01/2021 Aggiornato il 04/01/2021
Bilocale d’epoca di 68 mq rinnovato in 1 mese

Nell’edificio primo ‘900 il bilocale – dopo la ristrutturazione – conserva in gran parte l’impronta e le caratteristiche morfologiche originali. Una precisa scelta del progettista che risponde così a diversi tipi di esigenze: strutturali ed estetiche, ma anche di contenimento dei costi e di rapidità nell’esecuzione. Ed effettivamente la proprietaria del bilocale ha potuto rientrare nel suo appartamento risistemato dopo un solo mese di lavori. I cambiamenti non hanno riguardato tanto il layout quanto le finiture; in più, piccole soluzioni tecniche hanno migliorato la fruibilità degli interni. I pavimenti, in materiali tipici del periodo di costruzione, non sono stati invece toccati. Pareti ed elementi d’arredo di recupero sono stati riproposti con nuovi colori, meglio intonati a quelli del parquet e delle piastrelle in graniglia posate a terra. Gli ambienti ora appaiono così più grandi e luminosi.

Foto bilocale rinnovato low budget

  • Nel soggiorno, di fronte all'ingresso dell'abitazione, il pavimento in parquet posato a spina di pesce è quello preesistente. Gli elementi d'arredo sono pochi ma significativi nel definire il mood dell'ambiente. Nella zona conversazione, illuminata dalla lampada Marseille di Nemo (design Le Corbusier), il divano rivestito in tessuto grigio è ravvivato da cuscini tinta unita e fantasia; di fianco, la libreria bianca con scrittoio è di String Furniture con sedia in lamiera Stitch di Cappellini.
  • Nella zona giorno arredi contemporanei si alternano a pezzi in armonia con lo stile della casa d'epoca: come il comò di famiglia con scrittoio a ribaltina e il baule vintage di Luis Vuitton che, a centro stanza, sostituisce il coffee table. Anche le maniglie di porte e finestre sono vintage, realizzate a mano dal ferramenta. In soggiorno, le maniglie del nuovo serramento in legno laccato bianco, realizzate su disegno, sono di Ferramenta Spinardi. La fascia mancante di pavimento in corrispondenza della porta è stata integrata con piastrelle in graniglia di Grandinetti. Al centro della stanza pende una semplice sospensione con cavo colorato e calotta color rame.
  • Tra l'ingresso e il corridoio, i pavimenti sono quelli originali in marmette di graniglia degli inizi del secolo scorso. I soffitti e la fascia alta delle pareti sono tinteggiati in tonalità rosso fuoco. La porta in legno e vetro del bagno è originale della casa. A destra, oltre l'ingresso della cucina, la libreria a parete con ripiani e scomparti chiusi è una composizione del programma String System di String Furniture (lo stesso modello che c'è in soggiorno).
  • zona-pranzo
  • cucina, basi con piano cottura e lavello, mensola, pensili, tavolo rotondo con piano in marmo, sedie nere, sospensioni in metallo
  • Il soggiorno e la cucina si aprono quasi uno di fronte all'altra, divisi da corridoio. La cucina è concepita secondo tradizione, come uno spazio operativo ma anche abitabile, dove - sfruttando la zona centrale della stanza - è stata sistemata anche la zona pranzo della casa.
  • La porta a doppio battente in legno e vetro della camera matrimoniale si apre sul disimpegno. Di fianco, a sinistra, la sedia in lamiera è Stitch di Cappellini; sopra, i cilindretti fissati a parete sono una pratica soluzione per appendere le collane.
  • Nella camera matrimoniale il letto d'ispirazione orientale con struttura in legno è di Muji, completato dal coordinato tessile di Zara Home e da cuscini in velluto e altri tessuti di Pois a righe. Sui comodini bianchi in lamiera, le lampade da tavolo sono il modello Miss K di Flos, design Philippe Starck.
  • armadio-camera
  • Nel bagno la finestra con vetri colorati è originale della casa; anche altri elementi sottolineano lo stile retrò dell'ambiente: la carta da parati che riveste l'interno delle nicchie, la rubinetteria con manopole a stella (Epoca di Mamoli), lo chandelier che ha preso il posto dei "freddi" faretti a led preesistenti. Il box doccia che sfrutta una posizione d'angolo, è delimitato da lastre in vetro trasparente.

Planimetria: il progetto del bilocale

planimetria del bilocale di 68 mq

1 Ingresso 2 Corridoio 3 Soggiorno 4 Camera matrimoniale 5 Bagno 6 Gradino 7 Cucina 8 Zona pranzo 9 Balcone

L’abitazione, di metratura inferiore a 70 mq, gode dell’esposizione su due lati e presenta un’irregolarità della pianta in corrispondenza della cucina per la presenza di una parete perimetrale curva che segue il vano scala condominiale. La ristrutturazione non ha comportato modifiche al layout già definito: uniche opere murarie sono state le demolizioni dei controsoffitti nelle zone di passaggio e l’ampliamento dell’apertura tra ingresso e soggiorno. Per il resto, la disposizione interna è vincolata dal muro di spina centrale che divide il corridoio di distribuzione dal living e dalla camera. Come in molte case d’epoca, la cucina abitabile occupa uno spazio indipendente.

  • Soggiorno e cucina, sulla base di un layout d’impronta tradizionale, continuano a occupare due ambienti indipendenti, uno di fronte all’altro.
  • La cucina abitabile è caratterizzata da una parete perimetrale curva, dovuta alla forma del vano scala condominiale. Pur con quest’irregolarità, l’ambiente è abbastanza grande per ospitare anche la zona pranzo al centro.
  • In fondo al bagno di forma lunga e stretta, un gradino rialza di alcuni centimetri la quota del pavimento in corrispondenza della finestra, nella zona in cui si trovano il box doccia e il vaso. Si è ottenuta in questo modo la pendenza necessaria per gli scarichi del wc.
  • Sul balconcino poligonale esposto verso il cortile interno affacciano la finestra del bagno e la portafinestra della cucina.
soggiorno, divano grigio, lampada da terra di design, cuscini a colori, postazione studio, parquet a spina di pesce, tavolino, porta vetrata in vetro e legno laccato bianco, sospensione a bulbo

Nel soggiorno, di fronte all’ingresso dell’abitazione, il pavimento in parquet posato a spina di pesce è quello preesistente. Gli elementi d’arredo sono pochi ma significativi nel definire il mood dell’ambiente. Nella zona conversazione, illuminata dalla lampada Marseille di Nemo (design Le Corbusier), il divano rivestito in tessuto grigio è ravvivato da cuscini tinta unita e fantasia; di fianco, la libreria bianca con scrittoio è di String Furniture con sedia in lamiera Stitch di Cappellini.

corridoio, soffitto rosso, pavimento in graniglia originale, libreria a giorno, lampada a sospensione sferica, porta in legno laccato bianco e vetro, pareti grigio chiaro

Tra l’ingresso e il corridoio, i pavimenti sono quelli originali in marmette di graniglia degli inizi del secolo scorso. I soffitti e la fascia alta delle pareti sono tinteggiati in tonalità rosso fuoco. La porta in legno e vetro del bagno è originale della casa. A destra, oltre l’ingresso della cucina, la libreria a parete con ripiani e scomparti chiusi è una composizione del programma String System di String Furniture (lo stesso modello che c’è in soggiorno).

Via i controsoffitti

esecuzione dei lavori nell'ingresso e nel corridoio

Nell’appartamento di metratura contenuta, la presenza di ribassamenti con faretti incassati nell’ingresso e nel corridoio provocava un effetto di “schiacciamento” e riduceva la luminosità delle zone di passaggio. In fase di ristrutturazione i controsoffitti sono stati quindi rimossi; al loro posto, una tinteggiatura in rosso che non si limita al soffitto ma scende lungo i lati ha permesso comunque di riproporzionare in altezza e identificarne i volumi.

zona giorno del bilocale di 68 mq, divano grigio, cuscini colorati, scrittoio a ribalta, porta in legno e vetro, sedia bianca, lampada da terra di design, postazione studio, parquet a spina di pesce, tavolini centrali, sospensione a bulbo

Nella zona giorno arredi contemporanei si alternano a pezzi in armonia con lo stile della casa d’epoca: come il comò di famiglia con scrittoio a ribaltina e il baule vintage di Luis Vuitton che, a centro stanza, sostituisce il coffee table. Anche le maniglie di porte e finestre sono vintage, realizzate a mano dal ferramenta. In soggiorno, le maniglie del nuovo serramento in legno laccato bianco, realizzate su disegno, sono di Ferramenta Spinardi. La fascia mancante di pavimento in corrispondenza della porta è stata integrata con piastrelle in graniglia di Grandinetti. Al centro della stanza pende una semplice sospensione con cavo colorato e calotta color rame.

Ampliamento del passaggio

esecuzione dei lavori di ampliamento del passaggio tra ingresso e zona giornoIl living occupa un ambiente indipendente di circa 15,5 mq, accessibile dall’ingresso. Prima della ristrutturazione era chiuso da una porta a doppio battente, ma di larghezza ridotta: tanto che dava l’idea di una piccola camera piuttosto che di un soggiorno. La scelta progettuale è stata quindi quella di intervenire sul muro di spina per ampliare e rialzare l’apertura esistente (previe le necessarie verifiche statiche sulle strutture portanti). Il vano è ora largo e alto 220 cm ed è chiuso da un serramento in legno laccato bianco: realizzato su misura, riprende il motivo quadrettato di quelli originali. La fascia alta è fissa, così come le due laterali, mentre le due ante centrali si aprono a 180°. Nella zona in cui è stato demolito il muro, la striscia di pavimento mancante è stata integrata con marmette in graniglia che riprendono il colore della pavimentazione del corridoio. Con questa soluzione, ingresso e soggiorno comunicano più direttamente e risultano più ampi.

Idee da copiare in cucina

L’ambiente è un concentrato di scelte low cost e di recupero. Nella composizione che si sviluppa su due lati, basi e colonne sono rimaste al loro posto, rinnovate però nel nuovo colore dei frontali. Mentre la superficie di una parete rovinata dai segni del tempo ha fornito lo spunto per un effetto decorativo originale.

cucina, composizione in finitura azzurro chiaro, tavolo rotondo con piano in marmo, sedie impagliate, sospensione multipla, porte in legno e vetro

Il soggiorno e la cucina si aprono quasi uno di fronte all’altra, divisi da corridoio. La cucina è concepita secondo tradizione, come uno spazio operativo ma anche abitabile, dove – sfruttando la zona centrale della stanza – è stata sistemata anche la zona pranzo della casa.

cucina, basi con piano cottura e lavello, mensola, pensili, tavolo rotondo con piano in marmo, sedie nere, sospensioni in metallo

la cucina prima dei lavori

I mobili della cucina erano in buone condizioni ma la laccatura in rosso poco si addiceva al nuovo stile della casa. I moduli sono stati quindi smontati e portati in laboratorio per effettuare una nuova laccatura coprente azzurro-grigio, campionata in modo da abbinarla ai toni della parete che fa da sfondo al tavolo da pranzo.

Scrostata? No, decorata

La parete perimetrale con andamento curvo in corrispondenza della zona pranzo è stata lasciata completamente libera. Nello stato di fatto, presentava alcune parti scrostate dalle quali erano venute via la pittura e l’intonaco. Una caratteristica che si è scelto di enfatizzare anziché mimetizzare o eliminare, estentendola in modo uniforme all’intera superficie, con un effetto decorativo. Il muro è stato quindi prima rasato a gesso e poi piccozzato per riportarlo tutto allo stato originale. È emersa così una “texture naturale” che alternava zone intonacate ad altre al grezzo, con toni sfumati di grigio-azzurro. Alla fine, la parete è stata protetta con un fissativo trasparente.

zona pranzo, tavolo rotondo con base centrale, piano in marmo, parete curva con decoro "scrostato", sospensioni metalliche, pavimento in cotto, sedie impagliate, portafinestra

Nella zona pranzo il tavolo rotondo con basamento centrale in legno e piano in marmo è un pezzo degli anni ’50; le sedie di modernariato sono il modello Superleggera di Cassina, design Gio Ponti, con fodera della seduta color senape. Sopra, il lampadario a sospensione è formato da cavi colorati e coprilampade in filo di ferro (di Merci). I due vasi neri sono di Changing Atmosphere.

Finiture coordinate

Ispirandosi al colore della carta da parati che riveste le ante dell’armadio di fronte, la parete della camera matrimoniale dietro il letto è stata tinteggiata in una delicata tonalità pastello; il soffitto è invece rimasto bianco, con gli stucchi originali in rilievo. Il colore tenue, insieme alle scelte d’arredo essenziali, rendono l’atmosfera dell’ambiente riposante, mai fredda.

camera da letto del bilocale, parete azzurra, finestra, letto matrimoniale in legno, comodino, lampada da tavolo, pavimento in graniglia, lampada a bulbo

Nella camera matrimoniale il letto d’ispirazione orientale con struttura in legno è di Muji, completato dal coordinato tessile di Zara Home e da cuscini in velluto e altri tessuti di Pois a righe. Sui comodini bianchi in lamiera, le lampade da tavolo sono il modello Miss K di Flos, design Philippe Starck.

camera matrimoniale, parete azzurra, letto, porta a doppio battente, radiatore, sedia bianca, comodino, lampada da tavolo metallizzata

La porta a doppio battente in legno e vetro della camera matrimoniale si apre sul disimpegno. Di fianco, a sinistra, la sedia in lamiera è Stitch di Cappellini; sopra, i cilindretti fissati a parete sono una pratica soluzione per appendere le collane.

camera matrimoniale, armadio rivestito con carta da parati floreale, libreria a giorno, pavimento in cementinecamera matrimoniale, l'armadio prima dei lavori

Dal rosso al bianco: per adeguarlo alla nuova palette cromatica della casa, anche l’armadio a ponte con libreria al centro ha cambiato colore, e quindi look. I profili e i fianchi – rossi in origine – sono stati ridipinti di bianco, mantenendo invece inalterate le ante che erano rivestite con una carta da parati a fiori su fondo azzurro. Con un intervento di minima entità la composizione, che occupa l’intera parete di fronte al letto, è quindi diventata più sobria e visivamente leggera.

Pavimenti, così com’erano

Una facilitazione in termini di contenimento dei costi è stata quella di trovare nella casa d’epoca pavimenti in ottime condizioni in tutte le stanze – anche belli esteticamente – e di non dover intervenire per sostituirli. Ci si è quindi limitati a manutenere e proteggere le superfici esistenti dove necessario.

parquet a spina di pesce con fascia e bindello

In soggiorno il tradizionale parquet in rovere massello con finitura opaca non ha richiesto neppure la lamatura. Lo schema di posa è un classico: spina di pesce all’italiana con bindello e fascia a correre lungo il perimetro.

ingresso, pavimento in graniglia originale

Nell’ingresso e in corridoio, il pavimento è in graniglia, con fondo chiaro e fasce perimetrali base ocra che seguono il percorso. I motivi sono geometrici, tipici dei primi del ‘900 con rombi e quadratini. Il rivestimento non è posato con una gettata unica (in quel caso si chiama “seminato”), ma è formato da piastrelle 20×20 cm.

cucina, piastrelle effetto cotto

Stesso materiale in cucina: in questo caso si tratta di marmette tinta unita color mattone che richiamano l’aspetto del cotto. Non di particolare pregio, erano però in ottime condizioni, sono state solo protette con un trattamento impermeabilizzante.

camera matrimoniale, piastrelle in graniglia a motivo geometrico

Nelle camera, le piastrelle in graniglia sono declinate in un motivo geometrico a tre colori, formato da elementi rettangolari posati paralleli e perpendicolari alle pareti: le alternanze in chiaroscuro producono quasi un effetto 3D.

Così è cambiato il bagno

Come spesso accade, anche qui l’unico ambiente di servizio del bilocale ha forma lunga e stretta. Poiché la stanza era già stata parzialmente rinnovata in una precedente ristrutturazione, l’intervento  si è concentrato sulle finiture: le pareti sono state tinteggiate nella stessa tonalità soft della camera; come decoro, una sottile riga bordeaux in alto segna lo stacco con il soffitto bianco.

bagno, finestra, box doccia nell'angolo, gradino, sanitari, lavabo, nicchia con ripiani, pareti azzurre con listello rosso in alto, lampadario chandelier, applique

Nel bagno la finestra con vetri colorati è originale della casa; anche altri elementi sottolineano lo stile retrò dell’ambiente: la carta da parati che riveste l’interno delle nicchie, la rubinetteria con manopole a stella (Epoca di Mamoli), lo chandelier che ha preso il posto dei “freddi” faretti a led preesistenti. Il box doccia che sfrutta una posizione d’angolo, è delimitato da lastre in vetro trasparente.

A nuovo con le stesse piastrelle

il bagno prima dei lavori e durante i lavoriIn bagno i sanitari sono nella medesima posizione di prima e sono stati anche conservati i rivestimenti ceramici delle pareti, posati in un precedente intervento. Solo a pavimento e all’interno del box doccia le piastrelle sono state ricoperte da una resina di colore simile, con un effetto di uniformità. Altro dettaglio da notare del relooking è la pittura azzurro-verde della fascia alta dei muri che rifinisce l’ambiente.

Progetto: arch. Clara Bona, Studio 98, Milano – www.studio98.it

Foto: Cristina Galliena Bohman

Tratto da Cose di Casa numero di gennaio 2020

 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4.32 / 5, basato su 19 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!