Appartamento classico, soluzioni moderne. Come la libreria passante che divide soggiorno e cucina

Grazie a un nuovo layout più dinamico, un appartamento classico di 130 mq è diventato una casa contemporanea e funzionale, con zona giorno open space e con lavanderia e guardaroba ai lati dell'ingresso, collocati in due ambienti con nicchie strategiche.

Silvia Scognamiglio
A cura di Silvia Scognamiglio, Fotografa Cristina Galliena - Studio White, Stylist Laura Mauceri
Pubblicato il 25/07/2022 Aggiornato il 25/07/2022
soggiorno dell'appartamento classico, pareti effetto boiserie, finestre ad arco, libreria passante, divano rosa, pouf ovale, chaise-longue, tappeto chiaro, isola della cucina, pavimento in parquet

Risale agli ultimi anni dell’800 l’edificio torinese in cui si trova questo appartamento classico, 130 metri quadrati luminosi sulle rive del Po, con vista sul parco del Valentino. Per molti anni  gli interni erano rimasti in stato di abbandono, fino dell’ingresso di nuovi proprietari. Sebbene complesso, il progetto di ristrutturazione elaborato per loro ha conservato i tratti più significativi dell’involucro d’epoca: soffitti alti più di 350 cm, serramenti ad arco, modanature, profili.

Il layout invece è stato ampiamente modificato, a vantaggio di una distribuzione funzionale e consapevole dell’opportunità di non sprecare neppure un centimetro nonostante le dimensioni ragguardevoli della casa. Si sono ottimizzati soprattutto gli spazi di servizio, dalla cabina armadio alla lavanderia. Le finiture e le scelte d’arredo hanno poi alleggerito gli spazi: si è optato per una soluzione attuale dove il colore entra da protagonista e il design mixa bestseller recenti a evergreen d’autore.

Foto casa 130 mq ristrutturata

  • Nell'open space, alle spalle della libreria passante, gli elementi della cucina sono suddivisi tra l'isola centrale e la composizione a parete. Nella zona conversazione in primo piano, il divano con schienali orientabili e il pouf, rivestiti in velluto rosa antico, sono di Artnova; il tavolino che si inserisce nella seduta è un accessorioche fa parte della composizione. I cuscini sono di Elitis, il tappeto di Kasthall.Nell'angolo, la Lounge Chair di Charles & Ray Eames, in pelle nera, è un pezzodi modernariato anni '50; ancora oggi è in produzione da Vitra. Tra le due finestre, l'applique colorata nello stesso bianco delle pareti è il modello Tob Wide di Exenia.
  • All'ingresso, il secrétaire con piano ribaltabile in legno di radica è un pezzo di famiglia degli anni '40. Le pitture murali in finitura grigio chiaro sono di Farrow & Ball. Il parquet è in plance di rovere scuro, tutte della stessa larghezza.
  • Nella zona pranzo, sistemata in posizione d'angolo e illuminata dalla portafinestra affacciata sul balcone, al tavolo con piano in cristallo trasparente, realizzato su disegno dal fabbro e dal vetraio, sono accostate sedie in policarbonato, modelli Louis Ghost e Victoria Ghost di Kartell, design Philippe Starck. La lampada a sospensione destrutturata è il modello Aim di Flos, design Ronan & Erwan Bouroullec, in finitura bianca.
  • Nell'ambiente open space della zona giorno la parete attrezzata a tutta larghezza e altezza, realizzata su misura dal falegname e uniformata dalla texture blu opaco, raccorda le due aeree della stanza. I moduli, che alternano scomparti chiusi e ripiani a giorno, sono concepiti in modo da formare una linea continua con l'unica eccezione del blocco lavello sporgente, identificato dal colore bianco. Questo sfondo continuo, oltre a integrare elementi della zona operativa, ha permesso di mimetizzare le irregolarità del muro di spina retrostante che presentava rientranze e sporgenze.
  • Nell'isola centrale che divide la zona pranzo dalla cucina è installato il piano cottura in vetroceramica a induzione, mentre sul lato opposto il piano è utilizzato come bancone snack. I mobili della composizione sono di Modulnova, gli sgabelli trasparenti sono di Kartell.
  • dispensa
  • Nella camera matrimoniale sul letto tessile realizzato su misura dal tappezziere, il copriletto in lino è di Zara Home, il lenzuolo in cotone e il plaid grigio sono di Mango Home Collections. Il cuscino in velluto blu è di Elitis. Le applique nere della zona lettura sono le Gordon di Tooy; quelle sotto il sopraluce vetrato sono le Mini Rec di Arkos.
  • Nella cabina armadio adiacente alla camera matrimoniale, il mobile toilette incassato in nicchia, l'armadio con un lato obliquo e gli stender sono tutti realizzati su disegno dal falegname.
  • Nella cabina armadio adiacente alla camera matrimoniale, il mobile toilette incassato in nicchia, l'armadio con un lato obliquo e gli stender sono tutti realizzati su disegno dal falegname.
  • Nel bagno degli ospiti il piano del mobile realizzato su disegno è in marmo, il lavabo da appoggio è Sodo Basin di Cipì. Il mosaico esagonale a parete è Foliage, coll. Lemmy di Mirage, finitura col. Pumpkin.
  • Nel disimpegno-cabina armadio che distribuisce la camera matrimoniale e il bagno, la carta da parati rigata su fondo grigio che riveste pareti e porte è di Cole & Son.
  • Il bagno della camera matrimoniale è attrezzato su uno solo dei lati lunghi e sul fondo del locale è installato il box doccia in muratura, delimitato da tre pareti. Il mosaico di rivestimento è Plume, coll. Lemmy di Mirage, finitura Afterglow. Il lavabo da appoggio è Trabocchetto Round di Cipì, rubinetteria a parete Like di Bellosta.
Lo scaldasalviette bianco è il modello Bath20 di Tubes.
  • Ricavato sul lato destro dell'ingresso e mimetizzato dietro la porta filomuro, il nuovo locale lavanderia è attrezzato con lavatrice e asciugatrice in colonna, lavatoio e scaffali. A parete, le applique in gesso "a foglio", una in alto e una in basso, sono di Buzzi & Buzzi.

Il progetto dell’appartamento classico

in fase di ristrutturazione, l’abitazione di circa 130 mq ha subito numerose modifiche al layout che ne hanno però conservato lo stile; gli interventi hanno dovuto tenere conto dei vincoli strutturali esistenti. Il progetto si è infatti confrontato con la presenza della parete perimetrale obliqua all’ingresso, i muri di spina di elevato spessore che attraversano la casa (due di questi dividono l’atrio dalla zona giorno e dalla parte notte dell’appartamento) e, naturalmente, la posizione delle aperture; trattandosi di un edificio storico, non avrebbero infatti potuto subire modifiche. Con la nuova distribuzione, grazie alla demolizione di due tramezzi, la zona giorno è diventata un ambiente unico. All’entrata sono stati ritagliati due locali di forma irregolare, la lavanderia e il guardaroba; la zona notte è stata ridivisa, ricavando anche il bagno a uso esclusivo della camera matrimoniale.

planimetria e pianta demolizioni-costruzioni dell'appartamento classico di 130 mq

1 Ingresso 2 Guardaroba 3 Lavanderia 4 Parete attrezzata 5 Cucina 6 Zona pranzo 7 Soggiorno 8 Corridoio 9 Camera matrimoniale 10 Cabina armadio 11 Bagno 12 Cameretta 13 Studio/camera degli ospiti 14 Balcone

  • L’ingresso si apre sulla parete obliqua. Lo spazio, di forma triangolare, si è prestato a ritagliare, sui lati opposti, due volumi rispettivamente adibiti a lavanderia-ripostiglio e a guardaroba; ciascuno è illuminato da un’apertura affacciata sul pianerottolo condominiale.
  • La zona giorno aperta dell’appartamento classico illuminata da due finestre e una portafinestra affacciata su un balconcino. Al centro dello spazio, una libreria passante terra-cielo divide il living dall’area conviviale e dalla cucina che comprende anche un’isola centrale.
  • La parete attrezzata lungo il muro di spina è formata da moduli contenitori di profondità diverse; comprende anche le colonne frigo e forno della cucina.
  • La camera matrimoniale occupa una posizione d’angolo e gode quindi della doppia esposizione su lati ortogonali; le aperture affacciano su piccoli balconi.
  • La zona notte occupa, rispetto all’ingresso, il lato destro dell’appartamento classico. Le camere sono distribuite da un corridoio che si prolunga all’interno della stanza matrimoniale. Quest’ultima è completata dalla cabina armadio e dal bagno a uso esclusivo, a 90° una rispetto all’altro.
soggiorno dell'appartamento classico, pareti effetto boiserie, finestre ad arco, libreria passante, divano rosa, pouf ovale, chaise-longue, tappeto chiaro, isola della cucina, pavimento in parquet

Nell’open space, alle spalle della libreria passante, gli elementi della cucina sono suddivisi tra l’isola centrale e la composizione a parete. Nella zona conversazione in primo piano, il divano con schienali orientabili e il pouf, rivestiti in velluto rosa antico, sono di Artnova; il tavolino che si inserisce nella seduta è un accessorioche fa parte della composizione. I cuscini sono di Elitis, il tappeto di Kasthall.Nell’angolo, la Lounge Chair di Charles & Ray Eames, in pelle nera, è un pezzodi modernariato anni ’50; ancora oggi è in produzione da Vitra. Tra le due finestre, l’applique colorata nello stesso bianco delle pareti è il modello Tob Wide di Exenia.

 

1. Un percorso razionale negli interni

Dall’atrio d’ingresso si passa a una zona di disimpegno che distribuisce su un lato la zona giorno e sull’altro introduce la parte notte dell’appartamento calssico. Il living è un ambiente unico, ma il muro di spina di elevato spessore e la porta a doppio battente lo separano in modo netto dal resto dell’abitazione secondo uno schema tipico delle case d’epoca. I serramenti interni sono quelli originali di fine ‘800, con ante modanate e sagomate, rilaccate in bianco; sono stati revisionati serrature e chiavistelli.

ingresso dell'appartamento classico, mobile di modernariato, pavimento in parquet, porta modanata a doppio battente, soggiorno

All’ingresso, il secrétaire con piano ribaltabile in legno di radica è un pezzo di famiglia degli anni ’40. Le pitture murali in finitura grigio chiaro sono di Farrow & Ball. Il parquet è in plance di rovere scuro, tutte della stessa larghezza.

2. Boiserie a parete

Nella zona giorno il progetto d’interior ha previsto, per quanto possibile, la disposizione degli elementi d’arredo a centro stanza in modo da valorizzare, senza interromperli, i motivi decorativi a parete. Finiture chiare ed elementi trasparenti – come il piano del tavolo e le sedie di design – non interferiscono con la percezione di questo spazio che rivela al primo sguardo il mood dell’appartamento classico rivisitato da contributi contemporanei. Le cornici perimetrali a soffitto in gesso, già presenti, sono state solo ripristinate dove necessario; quelle a parete sono invece disegnate ex novo dai progettisti, definendo le dimensioni dei riquadri e scandendone la disposizione in modo coordinato rispetto alla posizione degli arredi. Si ottiene così, sulle superfici verticali, un effetto simile a quello delle tradizionali pannellature in legno.

3. Arredata con un mix di classico e contemporaneo

Nella cornice dell’appartamento classico, i tratti architettonici originali sono conservati inalterati. Gli arredi su misura e quelli di produzione attualizzano e rivisitano invece gli ambienti con nuove linee e colori, ricorrendo anche a pezzi iconici del design contemporaneo che brillano per inventiva e ironia. Come le sedie Louis Ghost di Philippe Starck, che ripropongono e attualizzano le poltroncine Luigi XV, nella la forma storica ma in un materiale inedito, il policarbonato a iniezione in un unico stampo. A soffitto, una lampada destrutturata firmata dai Bouroullec: grazie e diffusori orientabili e configurazione libera, si rivela ideale sopra il tavolo da pranzo in un ambiente connotato da alti soffitti.

zona pranzo del living, sedie trasparenti, tavolo con piano in vetro, lampada a sospensione destrutturata, pavimento in parquet, portafinestra, isola della cucina

Nella zona pranzo, sistemata in posizione d’angolo e illuminata dalla portafinestra affacciata sul balcone, al tavolo con piano in cristallo trasparente, realizzato su disegno dal fabbro e dal vetraio, sono accostate sedie in policarbonato, modelli Louis Ghost e Victoria Ghost di Kartell, design Philippe Starck. La lampada a sospensione destrutturata è il modello Aim di Flos, design Ronan & Erwan Bouroullec, in finitura bianca.

4. Dividere con la libreria (d’autore)

La demolizione di due tramezzi ha trasformato la zona giorno in un ambiente aperto, luminosissimo, in cui le funzioni risultano ben individuate ma allo stesso tempo in dialogo tra loro. Così l’elemento di separazione verticale della libreria passante in legno separa il living dal pranzo-cucina, mentre la parete attrezzata di colore blu li ricollega visivamente con uno sfondo unico. Negli arredi un mix eclettico di design ricongiunge epoche e stili diversi. Al centro della zona giorno, la libreria passante svolge un ruolo chiave nella definizione degli spazi. Si tratta di un pezzo anni ’50 di modernariato, un celebre modello, disegnato da Franco Albini che è stato ai tempi “rivoluzionario” per le infinite possibilità compositive dei moduli, la leggerezza visiva e la flessibilità che permette di adattarlo a qualsiasi spazio. Con montanti in massello, mensole e contenitori con ante a battente o a ribalta, permette di alternare liberamente pieni e vuoti. In questo caso la collocazione è centrale con fissaggio a pressione a terra e a soffitto, ma la composizione si può anche sistemare a parete. Il progetto originale di Albini è oggi rieditato da Cassina in diverse varianti di essenze.

open space del living, parete attrezzata in finitura blu petrolio, divano rivestito in velluto rosa, libreria a divisoria a giorno, tavolino bianco, tappeto chiaro, pouf, cornici a soffitto

Nell’ambiente open space della zona giorno la parete attrezzata a tutta larghezza e altezza, realizzata su misura dal falegname e uniformata dalla texture blu opaco, raccorda le due aeree della stanza. I moduli, che alternano scomparti chiusi e ripiani a giorno, sono concepiti in modo da formare una linea continua con l’unica eccezione del blocco lavello sporgente, identificato dal colore bianco. Questo sfondo continuo, oltre a integrare elementi della zona operativa, ha permesso di mimetizzare le irregolarità del muro di spina retrostante che presentava rientranze e sporgenze.

cucina, parete attrezzata in finitura blu petrolio, isola in laccato bianco, zona operativa, libreria divisoria, lampada a sospensione destrutturata, tavolo con piano in vetro, sedie trasparenti

Nell’isola centrale che divide la zona pranzo dalla cucina è installato il piano cottura in vetroceramica a induzione, mentre sul lato opposto il piano è utilizzato come bancone snack. I mobili della composizione sono di Modulnova, gli sgabelli trasparenti sono di Kartell.

5. Dietro la porta, la nicchia attrezzata con piatti e bicchieri

Nella zona pranzo dell’appartamento classico, di fianco alla portafinestra ad arco affacciata sul balcone, la porta a doppio battente modanata dell’800, simile agli altri serramenti interni della casa, farebbe pensare al passaggio verso un altro ambiente. Si tratta invece di una nicchia in corrispondenza del vano che collegava in origine l’appartamento adiacente e che in seguito è stato chiuso. La rientranza è ora attrezzata a tutt’altezza con ripiani e utilizzata per riporre stoviglie e accessori, oltre che come dispensa. L’interno dello scomparto è illuminato da luci a led.

Zona cottura, dispensa con porta a doppio battente modanata, pavimento in parquet

6. Bagno cieco ma luminoso

L’ampia superficie della camera matrimoniale è stata ridimensionata per ricavare la cabina armadio alle spalle del letto e, a lato, il bagno a uso esclusivo. Quest’ultimo è privo di aperture, ma viene illuminato dalle portefinestre della stanza grazie al sopraluce in vetro trasparente che non interrompe visivamente la continuità dei soffitti a volta, alti oltre 350 cm.

7. Serramenti ad arco, bianchi all’interno e scuri all’esterno

Nella camera matrimoniale come negli altri ambienti dell’appartamento classico, con affaccio su due lati dell’edificio, gli infissi in legno di finestre e portefinestre sono stati sostituiti con modelli più efficienti, ricalcando le sagome ad arco di quelli originali. Per preservare l’estetica delle facciate rispettandone i colori, i serramenti sono stati verniciati scuri all’esterno e in bianco all’interno.

camera matrimoniale, portefinestre, letto tessile con testiera imbottita grigia, cuscini in velluto, plaid, porta con decoro listellato, fascia alta vetrata a parete, applique, pavimento in parquet

Nella camera matrimoniale sul letto tessile realizzato su misura dal tappezziere, il copriletto in lino è di Zara Home, il lenzuolo in cotone e il plaid grigio sono di Mango Home Collections. Il cuscino in velluto blu è di Elitis. Le applique nere della zona lettura sono le Gordon di Tooy; quelle sotto il sopraluce vetrato sono le Mini Rec di Arkos.

Come sono organizzate le zone di passaggio

Nel disimpegno e nel corridoio d’ingresso della camera matrimoniale diversi elementi contribuiscono ad articolare e movimentare il passaggio. Sullo sfondo della tappezzeria listellata che uniforma pareti e porte dando luce e slancio verticale a questo spazio cieco, il volume a pianta trapezoidale dell’armadio indirizza il percorso. Mentrea sinistra, in una rientranza già presente nel muro di spina, è incassato un mobile toilette su misura a cassetti; è dotato di un sistema d’illuminazione a led che si aggiunge ai faretti a soffitto.

porta a doppio battente, cabina armadio, parete obliqua, decoro listellato, pavimento in parquet, cassettiera, nicchia, faretti incassati nel controsoffitto

8. Solai originali, parquet nuovo

Un’opera complessa ha riguardato le pavimentazioni che sono state rinnovate senza rifare il massetto, bensì conservando la cassa vuota in corrispondenza delle volte dei soffitti del piano inferiore che non sono state toccate. Senza rifare i solai si è quindi proceduto con la rimozione del vecchio parquet, intervenendo poi per il rifacimento degli impianti elettrico, idrico e termico. È stato quindi posato il nuovo rivestimento costituito da plance in prefinito di rovere verniciato ad acqua: la tonalità è piuttosto scura, con venature in evidenza e fughe quasi invisibili. Lo stesso materiale è stato impiegato per le pavimentazioni di tutta la casa; anche nei bagni, senza necessità di ulteriori trattamenti protettivi.

9. Tappezzeria effetto 3D

Il disimpegno della zona notte, come gli altri spazi di servizio della casa, è ridimensionato in altezza da una controsoffittatura in cartongesso in cui sono incassati i faretti e alloggiati i nuovi impianti tecnici. Le superfici verticali sono uniformate dalla carta da parati che riveste pareti e porte. Il motivo rigato su fondo grigio, che illumina e dà slancio verso l’alto al locale, riproduce l’effetto tridimensionale di una listellatura; in realtà la superficie è perfettamente liscia.

cabina armadio, cassettiera, stender, pavimento in parquet, parete specchiata, mobile in nicchia, faretti incassati nel controsoffitto

Nella cabina armadio adiacente alla camera matrimoniale, il mobile toilette incassato in nicchia, l’armadio con un lato obliquo e gli stender sono tutti realizzati su disegno dal falegname.

Il bagno che si apre in fondo al corridoio è pensato a uso sia della stanza degli ospiti sia della cameretta. Nel piccolo ambiente a pianta quadrata, attrezzato su due lati, il box doccia installato nell’angolo è trasparente e lascia completamente a vistail rivestimento a parete: il colore è lo stesso degli esagoni dietro il lavabo, cambia però il formato delle piastrelle che sono in questo caso quadrate, da 60 x 60 cm.

10. Tessere decorative nei bagni

In ciascuno dei due ambienti di servizio dell’appartamento classico, un rivestimento a parete fa da sfondo al lavabo che, in entrambe le composizioni, è in ceramica appoggiato su un piano in marmo. Nel bagno vicino alla camera degli ospiti, lo schema geometrico monocromatico giallo ocra è formato da elementi di forma esagonale che combaciano tra loro secondo una disposizione asimmetrica. Nel bagno della camera, invece, le tessere concave in tonalità grigio chiaro con fughe chiare in evidenza riproducono nel loro insieme la texture delle squame di un pesce come fossero foglie stilizzate.

11. Materiali naturali

Nelle finiture dei bagni, come del resto in tutta la casa, sono stati privilegiati il legno di rovere, il gres e la pietra naturale. In entrambi i bagni, i piani dei lavabi, di spessore 3 cm, sono in marmospazzolato. Nel bagno scuro (foto pagina a sinistra) è Grigio Carnico; nell’altro è marmo Fior di Pesco.

bagno degli ospiti, pareti nere, box doccia nell'angolo con pannelli trasparenti, pavimento in parquet, mobile con piano in marmo, lavabo da appoggio, rubinetteria a parete, rivestimento in piastrelle esagonali gialle, specchio rotondo

Nel bagno degli ospiti il piano del mobile realizzato su disegno è in marmo, il lavabo da appoggio è Sodo Basin di Cipì. Il mosaico esagonale a parete è Foliage, coll. Lemmy di Mirage, finitura col. Pumpkin.

12. Specchi per dilatare gli spazi

All’ingresso della camera matrimoniale dell’appartamento classico, nel passaggio-disimpegno che fa già parte della zona guardaroba, l’anta dell’armadio d’angolo – rivestita a tutt’altezza da un pannello specchiato – riflette la porta del bagno a uso esclusivo, raddoppiando visivamente la profondità di questo spazio. Anche all’interno dell’ambiente di servizio, di forma lunga e stretta, i pensili specchiati disposti su tutta la parete permettono di ottenere un effetto simile.

disimpegno, parete specchiata, pavimento in parquet, bagno, sanitari sospesi, mobile sospeso, pensile specchiato, applique, pareti con decoro listellato

Nel disimpegno-cabina armadio che distribuisce la camera matrimoniale e il bagno, la carta da parati rigata su fondo grigio che riveste pareti e porte è di Cole & Son.

bagno, rivestimento a parete con tasselli "a squame", sanitari, mobile con piano in marmo, lavabo da appoggio in ceramica, rubinetteria cromata a parete, pensili specchiati, scaldasalviette

Il bagno della camera matrimoniale è attrezzato su uno solo dei lati lunghi e sul fondo del locale è installato il box doccia in muratura, delimitato da tre pareti. Il mosaico di rivestimento è Plume, coll. Lemmy di Mirage, finitura Afterglow. Il lavabo da appoggio è Trabocchetto Round di Cipì, rubinetteria a parete Like di Bellosta.
Lo scaldasalviette bianco è il modello Bath20 di Tubes.

ingresso, locale lavanderia con porta filomuro, pavimento in parquet, colonna con lavatrice e asciugatrice, ripiani, applique "a foglio" integrata nella parete

Ricavato sul lato destro dell’ingresso e mimetizzato dietro la porta filomuro, il nuovo locale lavanderia è attrezzato con lavatrice e asciugatrice in colonna, lavatoio e scaffali. A parete, le applique in gesso “a foglio”, una in alto e una in basso, sono di Buzzi & Buzzi.

Indirizzi

• Arkoslight, www.arkoslight.com • Artnova, www.artnova.website, Tel. 0331/273232 • Bellosta, www.bellostarubinetterie.com, Tel. 0322/956425 • Buzzi & Buzzi, buzzi-buzzi.it, Tel. 02/9094942 • Cipì, www.cipitaly.it, Tel. 0545/76945 • Cole & Son, cole-and-son.com • Elitis, www.elitis.fr • Exenia, www.exenia.eu • Farrow & Ball, www.farrow-ball.com • Flos, www.flos.com, Tel. 030/24381 • Kartell, www.kartell.it, Tel. 02/900121• Kasthall, kasthall.com, Tel. 02/80500338 • Mango Home Collection, shop.mango.com • Mirage, www.mirage.it, Tel. 0536/29611 • Modulnova, www.modulnova.it, Tel. 0434/425425 • Tooy, www.tooy.it • Tubes, www.tubesradiatori.com, Tel. 0423/7161 • Vitra, www.com • Zara Home, www.zarahome.com, Tel. 02/8180081

Progetto: Officina 8A Architetti Associati, Torino, Tel. 011/5539216 – www.officina8a.com
Foto: Cristina Galliena Bohman, styling Laura Mauceri

Tratto da Cose di Casa numero di ottobre 2021

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 3 / 5, basato su 4 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!