100 mq da due bilocali e sottotetto annessi, con passerella e soppalco sospesi

L'abitazione di 100 mq su più livelli, in una palazzina di inizio Novecento, è frutto dell'unione di due bilocali e delle annesse soffitte. Pur rispettando il volume originario, gli interni sono stati ridisegnati e resi più confortevoli, grazie anche agli accorgimenti tecnici di coibentazione termica.

Giovanna Strino
A cura di Giovanna Strino, Architetto Martina Telò
Pubblicato il 27/11/2017 Aggiornato il 31/10/2018
100 mq da due bilocali e sottotetto annessi, con passerella e soppalco sospesi

L’ingresso si trova a un livello sottostante. Si sale in casa tramite una rampa in muratura, e si arriva direttamente nel soggiorno, che è al piano inferiore dei due ricavati con l’intervento. All’interno dell’abitazione, infatti, il volume è stato completamente “svuotato” al centro, con la demolizione del solaio delle soffitte, ed è stato ricavato uno spazio a tutt’altezza. Qui è stato inserito il soppalco aperto, con annessa scala a giorno e, ai lati di questa nuova superficie al piano più alto, sono stati ripristinati in quota due locali-ripostiglio (per un totale di 36 mq) che non sono visibili da sotto. A questi due vani non abitabili corrispondono, al livello inferiore, ai lati del soggiorno, due stanze con altezza standard di 270 cm, adibite una a camera da letto (con ingresso dalla cucina) e l’altra a salotto, che è invece un ambiente open.

piante

pianta-dem-costr

quanto-costa-progetto

Clicca sulle immagini per vederle full screen

zona-giorno

  • Interventi di efficientamento energetico e l’utilizzo di fonti rinnovabili sono obbligatori nelle nuove costruzioni e nelle ristrutturazionidegli edifici.

 

Mix&match in soggiorno

Gli spazi articolati, per esempio su più livelli o frazionati da divisori, consentono una maggiore disinvoltura nella scelta dell’arredo. E così ispirazioni vintage, antiche ed etniche possono convivere con gustozona-pranzo

  • Nella casa così articolata, per struttura e mix di stili, il parquet (massello in quercia) che copre tutta la superficie ha il compito di raccordare gli ambienti che si susseguono e si sviluppano in verticale. La varietà di posa a porzioni alternate rende dinamico il disegno a terra formato dalle doghe.zona-giorno-e-soppalco
  • Al centro della casa, la struttura open con scala e soppalco funziona anche come elemento di separazione, evitando chiusure che avrebbero limitato la luminosità: da una parte la cucina, dall’altra la zona pranzo, prossima al salotto. Quest’ultimo utilizza un’intera stanza, parzialmente aperta.

Quando l’edificio è nel centro storico

Per attuare un progetto che preveda di intervenire sull’esterno dell’immobile, con modifiche di sagoma o/e ai prospetti, è necessario verificare prima se l’edificio è sottoposto a vincoli, e di quale tipo. Ci sono, infatti, quelli di tipo “urbanistico”, dettati dal PGT-Piano di Governo del Territorio locale (ex PRG-Piano Regolatore in Lombardia), che disciplinano altezze e volumetrie (e altro) e che a volte, come nel  caso di questo progetto, tutelano le aree del centro storico, non consentendo di variare la sagoma esterna (quindi no a soprelevazioni, che in altre zone sarebbero ammesse); in più, prescrivono il rispetto dei caratteri tipologici e delle finiture esistenti, e/o altro. E ci sono poi i vincoli di tipo paesaggistico che interessano aree individuate dal D. Lgs 22/01/2004 n. 12, che è il Codice dei beni culturali del paesaggio. Il codice ha raccolto varie leggi precedenti che istituivano diversi vincoli (aree vicino ai laghi, ai fiumi, al mare, aree a bellezze panoramiche, parchi di ville, giardini di valore ecc.) e impone, per edifici ricadenti in queste aree, di acquisire prima, o contestualmente al Permesso edilizio, un’autorizzazione paesaggistica. Non si possono avviare i lavori prima di tale autorizzazione e questa non può essere rilasciata in sanatoria. Viene concessa, o negata, previo parere della soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici. Può essere concessa con prescrizioni. Esiste infine anche il procedimento di Autorizzazione semplificata per interventi esterni di lieve entità (come quello di questo progetto), definiti da elenchi che proprio da poco sono stati riaggiornati e ampliati.

Passerella panoramica

L’inserimento di un soppalco è soggetto alle disposizioni del regolamento edilizio del Comune, che di tale elemento regola anche l’estensione.

soppalco

  • Il volume centrale a doppia altezza è stato sfruttato con un soppalco aperto e affacciato sul soggiorno sottostante e che, nei termini di legge, date le altezze sopra e sotto, ha aumentato la superficie dell’abitazione di un terzo dell’area su cui si affaccia. Questo nuovo livello ha uno sviluppo lineare e ai lati si amplia: da una parte è stato ricavato un comodo angolo lettura/relax sotto la falda; dall’altra in futuro sarà allestita una piccola zona studio, ben illuminata dai lucernari ritagliati in copertura. A un’estremità, tramite un collegamento di tre gradini si accede a uno dei due ripostigli ricostruiti in quota, in sostituzione delle vecchie soffitte. All’altro ripostiglio, invece, che si trova esattamente dalla parte opposta e non è collegato al soppalco, si arriva tramite una scala a pioli ancorata a un binario a parete.

tavolo-sedie-rosse

  • Dal soppalco si ha una vista praticamente a 360 gradi sulla zona giorno al piano inferiore, apertura che aggiunge fascino al già scenografico assetto a livello duplice. Non solo, favorisce anche la luminosità dell’intero volume che può beneficiare, in ogni sua parte, sia della luce proveniente dalle finestre sia di quella che entra dai lucernari ricavati in copertura.    

idea da copiare

 
Il soppalco sospeso

tetto-e-soppalcoL’impressione è dovuta ai tiranti in ferro che, applicati alla copertura, sembrano reggere l’intero peso del livello superiore. In realtà, il soppalco è solo parzialmente appeso al tetto, essendo sostenuto dai due pilastri centrali della casa tramite una trave longitudinale in ferro che lo attraversa all’interno dello spessore. È, inoltre, agganciato al muro posteriore, attraverso altre due travi in ferro. Quindi, se architettonicamente sembra staccato dall’involucro edilizio, dal punto di vista strutturale il soppalco è invece strettamente connesso ad esso. È realizzato con profilati in acciaio Heb 140 e Ipe 80, verniciati di bianco – come lo è tutta la struttura metallica – con piano di calpestio e pedate dei gradini rivestiti in legno massello (identico al parquet del livello inferiore) e superficie all’estradosso tamponata con lastre di cartongesso, rifinite allo stesso modo delle pareti.

 
progetto-soppalco

Il ponte che collega il soppalco al ripostiglio (ex soffitta) è formato da una struttura a gradoni, realizzata con profili piatti in ferro, sagomati e verniciati. Le pedate sono composte da listelli di legno massello, posti a distanza regolare a formare un deck.

progetto-soppalco-disegni

Come prima, ma più efficiente

Anche quando non è un obbligo normativo, il rispetto delle caratteristiche tipologiche di una casa d’epoca è una scelta premiante che non vincola layout e styling.scala-e-sottotetto

  • La vecchia copertura è stata demolita e il nuovo tetto è realizzato con un sistema costruttivo particolarmente performante, che ricalca lo stile e le dimensioni di quello precedente. Nelle falde sono state ricavate anche finestre apribili (con serramenti a triplo vetro di Velux, www.velux.it) che garantiscono un’illuminazione naturale dall’alto, la migliore, e creano l’effetto camino, ideale per favorire l’aerazione e la ventilazione degli interni.tetto
  • La struttura della nuova copertura è a vista: travi e assito in legno, in essenze cromaticamente in contrasto, anche nel nuovo assetto restano un elemento caratterizzante degli interni, così come era in origine.

A contenimento energetico

Parte dei lavori in questa casa sono stati di “ricostruzione” secondo gli standard attuali di bilancio energetico degli edifici. A cominciare dal tetto che è stato sostituito con uno nuovo, di tipo isolato e ventilato. Si tratta di un modello di copertura altamente efficiente – normato Uni – composto da strati successivi collaboranti tra loro, che formano un “pacchetto”, per il quale si utilizza la denominazione “sistema tetto”. La caratteristica di ventilazione del tetto (garantita da un’intercapedine d’aria delimitata dalla struttura stessa) è un plus che aumenta la tenuta della copertura e permette agli elementi che la compongono di preservarsi. Anche i muri perimetrali sono stati coibentati, per limitare le dispersioni e diminuire il fabbisogno energetico, con un cappotto termico. Nella parte superiore, in corrispondenza delle ex soffitte, nuove porzioni di muratura sono state realizzate con blocchi isolanti (Porotherm di Wienerberger, wienerberger.it).

Progetto, direzione lavori e foto: arch. Martina Telò, Milano Tel. 347/2229878, martina.a.telo@gmail.com
Strutture e contenimento energetico: ing. Cristiano Tomasi, Vimercate (MB) Tel. 039/5965223, c.tomasi@promo.it

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!