Una bordura di viole

Le viole sono tra le specie fiorite più utilizzate per creare aiuole e bordure che danno un tocco di colore al giardino anche nei mesi più freddi. Se non è stato possibile metterle a dimora in autunno, è possibile farlo ora, per avere una bella fioritura fino all’arrivo del primo caldo primaverile.

Anna Zorloni
A cura di Anna Zorloni
Pubblicato il 06/02/2018 Aggiornato il 17/08/2018
Una bordura di viole

Per dare colore alla bordura che costeggia il vialetto, per animare un’aiuola davanti a una finestra, per una grossa fioriera all’ingresso del giardino, non c’è niente di meglio delle viole che, poste adesso a dimora, fioriranno fino a giugno. Sono due le specie più adatte per realizzare adesso una bordura di viole in piena terra in giardino.

Viola tricolor, la viola del pensiero, comprende numerosi ibridi resistenti al freddo, che fioriscono in questo periodo, per tutto l’inverno, fino a primavera. Con l’arrivo del caldo, la piantina smette di fiorire. È una specie erbacea minuta e ramificata, con fusticini esili e foglioline verde scuro, ovali con margini seghettati; ha bisogno di uno spazio di circa 30 cm in larghezza e raggiunge i 20 cm in altezza. Produce fiori di grandi dimensioni (con corolle larghe fino a 4 cm), formati da 5 petali di colore variabile dal viola al giallo, porpora, azzurro, crema, tinte che si ritrovano anche sullo stesso fiore, con la parte centrale nera o gialla. Per una bordura di viole, usate piantine di due o tre colori diversi da ripetere ogni 40 cm.

Viola cornuta è un’altra specie ampiamente utilizzata per fare un’aiuola o una bordura di viole. Ha fiori di colore viola scuro, di dimensioni leggermente più piccole (larghi 2-3 cm) rispetto a Viola tricolor. Alcuni ibridi, ottenuti per incrocio, hanno colorazioni diverse: azzurro, malva, giallo o bianco. Fioriscono generalmente da marzo a giugno, e possono essere messe a dimora verso la fine di febbraio. Le dimensioni delle piantine sono simili a quelle di V. tricolor e formano piccoli cespugli tappezzanti che vanno a costituire cuscini vivacemente colorati.

La posizione

La coltivazione è alquanto semplice ma per la bordura di viole è necessario che le piante abbiano luce a sufficienza per fiorire: si scelga, dunque, una posizione del giardino ben esposta al sole.

Preparazione del terreno

Per fare la bordura di viole, il terreno deve essere preparato bene prima di procedere con l’interramento delle piantine. Bisogna eliminare residui di piante coltivate in precedenza, radici, malerbe e detriti vari. Il terriccio deve essere soffice, fertile e leggermente umido, ma dotato di un buon drenaggio, cioè privo di ristagni idrici dannosi in quanto favoriscono lo sviluppo di marciumi radicali e basali. Se necessario, cioè in caso di terreno impoverito o sabbioso, incorporare terriccio nuovo (utilizzare sacchi di terra universale da giardino) arricchito con sostanza organica (ad esempio stallatico) così da renderlo più morbido e fertile. Dopo una lavorazione superficiale e una rastrellata, il terreno è pronto per la messa a dimora delle viole.

Messa a dimora delle piantine

Le piantine per la bordura di viole possono essere acquistate in vasetto presso un vivaista o centro giardinaggio: se la loro terra appare troppo asciutta, è consigliabile mettere i vasetti a bagno in un secchio, o sottovaso da fioriere, per un paio d’ore prima della messa a dimora, così da far reidratare il pane di terra che avvolge le radici delle piantine.

1. A questo punto, con una paletta da giardiniere, si procede con l’esecuzione delle buche, tante quante sono le piantine acquistate: devono essere profonde circa 15 cm e distanti 30 cm, in previsione dello sviluppo delle singole piante. Per una bordura di viole lunga 3 metri, serviranno 10 piantine circa. Si liberano le piantine dal vasetto, si districano lievemente le radici con le mani, e si adagia la piantina nella buca, con il colletto allo stesso livello della superficie del terreno. Si riempie lo spazio restante della buca con terriccio, si preme leggermente ai lati con le mani e si innaffia per far aderire bene la terra alle radici della piantina

1. A questo punto, con una paletta da giardiniere, si procede con l’esecuzione delle buche, tante quante sono le piantine acquistate: devono essere profonde circa 15 cm e distanti 30 cm, in previsione dello sviluppo delle singole piante. Per una bordura di viole lunga 3 metri, serviranno 10 piantine circa. Si liberano le piantine dal vasetto, si districano lievemente le radici con le mani, e si adagia la piantina nella buca, con il colletto allo stesso livello della superficie del terreno. Si riempie lo spazio restante della buca con terriccio, si preme leggermente ai lati con le mani e si innaffia per far aderire bene la terra alle radici della piantina

2. È possibile creare una bordura di viole monocromatica o costituita da molti colori alternati gli uni agli altri, secondo il proprio gusto e fantasia: il risultato sarà sicuramente sorprendente!

2. È possibile creare una bordura di viole monocromatica o costituita da molti colori alternati gli uni agli altri, secondo il proprio gusto e fantasia: il risultato sarà sicuramente sorprendente!

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!