Viburnum tinus – Lentaggine

Viburnum tinus – Lentaggine, un arbusto decorativo anche a febbraio che sboccia con fiori profumati
Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini, Foto A&M Studio
Pubblicato il 08/02/2015 Aggiornato il 08/02/2015

Viburnum tinus – Lentaggine dalle bianche corolleFamiglia: Caprifoliaceae

I viburni sono arbusti o piccoli alberi, a foglia perenne o caduca, originari dei boschi delle regioni temperate e fredde. Il genere Viburnum comprende circa 200 specie, molte di queste, più tutte le varietà selezionate, sono coltivate a scopo ornamentale in giardino e nei terrazzi in tutta Italia. Il V. tinus è una delle specie più impiegate per formazione di siepi e macchie di colore. I suoi punti di forza, oltre alla bella vegetazione sempreverde, e al portamento denso e raccolto, sono la fioritura precocissima e profumata, vero annuncio della primavera che deve arrivare. È consigliato anche per chi vuole provvedere al nutrimento dell’avifauna perché le bacche sono attivamente consumate da uccelli e piccoli roditori.
Foglie: perenni, coriacee, di colore verde scuro, lunghe fino a 10 cm, di forma ovale e oblunga.
Fiori: compaiono a fine autunno raccolti in compatte infiorescenze terminali, di diametro da 5 a 10 cm, di colore rosato. Rimangono chiusi fino ai primi rialzi di temperatura alla fine dell’inverno, allorché si dischiudono in bianche corolle.
Come scegliere: la lentaggine si deve presentare compatta e densa di foglie e rami. Può raggiungere un’altezza di 3 metri e un diametro di 2. La pianta necessità di potature solo per eliminare rami secchi o troncati o per leggeri diradamenti. Intervenire al termine della fioritura.

Manutenzione

Specie molto robusta, può essere però colpito dalla mosca bianca. Applicare ripetutamente un insetticida irrorando tutta la pianta.

Scheda pianta: Viburnum tinus – Lentaggine

LuceTollera tutto: pieno sole, mezza ombra e ombra completa, purché luminosa. Meglio coltivarla in posizioni riparate.
AcquaNon irrigare molto frequentemente, soprattutto se il terreno è compatto. Meglio, durante l’estate, fornire una dose generosa una volta la settimana.
TerrenoCresce bene qualunque tipo di terreno, ma rifugge il ristagno idrico come substrati troppo sciolti e secchi. Preferire un terreno ricco di sostanza organica e tendenzialmente acido.
Clima e
temperatura
Pianta versatile resiste al freddo in collina, in montagna si perdono spesso le fioriture precoci. Per questa ragione nelle regioni alpine è meglio coltivarlo in vaso, in terrazzo protetto dai rigori invernali prolungati.
ConcimeSomministrare un concime bilanciato granulare da orto, da marzo a luglio.
RiproduzionePrelevare le talee semilegnose in estate lunghe 10 cm dai rami laterali con una parte del ramo portante e porle in sabbia e torba. Una volta radicate trapiantare in vasi singoli e dopo il primo inverno mettere in vivaio per 2 o 3 anni. Anche per seme e propaggine.
Prezzo: 10,50 € in vaso di 16 cm di diametro

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!