Salvia argentea

Salvia argentea, per chi adora le piccole stranezze molto decorative.
Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini, Foto A&M Studio
Pubblicato il 27/07/2014 Aggiornato il 27/07/2014

Salvia argentea con peli ispidi bianco argenteo

Famiglia: Labiatae

Salvia argentea è ricoperta da un feltro così spesso da dissimulare del tutto la sua appartenenza al genere e farne piuttosto una curiosità botanica, una sorta di stramberia assai decorativa destinata a raccogliere molti consensi anche per la sua capacità di mutare in relazione a fattori esterni come la luce, riflessa o assorbita dalla lanugine, la pioggia e l’umidità. Si tratta di una pianta originaria delle regioni meridionali che si affacciano sul bacino del Mediterraneo capace di raggiungere un’ampiezza di 40 cm di diametro ed altezza eguale.

Foglie: ricoperte di peli ispidi di colore bianco argenteo, di forma oblunga e triangolare sono revolute ai margini.

Fiori: si aprono da aprile a giugno, riuniti in verticillastri, nella classica forma a fauce del genere, di colore viola intenso.

Come scegliere: le piante messe in vendita, nonostante la taglia possa essere anche molto diversa, sono di norma soggetti giovani che si allargano sul terreno del vaso elevandosi di poco. È bene ricordarsi che si tratta di piante perenni, seppur erbacee, che non scompaiono durante l’inverno, ma crescono nel tempo, anche diverse volte rispetto alle dimensioni iniziali, magari ramificando, e quindi un solo soggetto può bastare. Le foglie devono essere integre senza “bruciature”, e tutte presenti, senza parte del caule vuoto, non invecchiate in vaso, senza radici che fuoriescano dal foro di fondo.

Manutenzione

Al termine della fioritura tagliate gli scapi che portano i fiori alla base, eliminate eventuali foglie basali secche, non calpestate e non sporcate le foglie con terriccio. Nel caso si sporcassero, lasciate seccare il terriccio e poi rimuovetelo soffiando o con una spazzola. In condizioni non ottimali si comporta come pianta biennale.

Scheda pianta: Salvia argentea

Lucele salvie amano la luce piena, i luoghi caldi, assolati e ben riparati dal vento.
Acquabagnare in modo da mantenere il terreno fresco, come tutte le altre piante del genere ha una buona resistenza ad una carenza idrica temporanea.
Terrenoben drenato, anche con componente sabbiosa o di scheletro fine per favorire lo sgrondo, di media fertilità, leggero.
Clima e
temperatura
pianta tipica di climi caldi e solo parzialmente rustica, e non sempre sopravvive a inverni rigidi. Meglio proteggerla con campane o altre protezioni singole.
Concimeal momento dell’impianto arricchire il terreno con terricciato di letame molto maturo.
Riproduzionesi possono dividere i cespi al termine della fioritura oppure tentare la semina in primavera in terriccio leggero e caldo, mantenuto fresco, ma non intriso.
Prezzo: 3,50 € in vaso di 10 cm di diametro

 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!