Myrtus communis – Mirto

Per chi ama il profumo del mare anche in giardino. Solo dove non fa freddo.
Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini, Foto A&M Studio
Pubblicato il 04/09/2015 Aggiornato il 04/09/2015

Myrtus communis – Mirto con fiori color bianchi e corolline gialleFamiglia: Myrtaceae

Il mirto, spesso ritenuto simbolo della flora sarda per la produzione di un liquore tipico, è una pianta che caratterizza tutta l’area mediterranea oltre alle zone costiere di Europa, Africa e Asia, le Isole Azzorre e Madeira che si trovano nell’Oceano Atlantico. Il genere annovera un centinaio di specie cespugliose sempreverdi. La pianta è preziosa per la fioritura bianca, tardo primaverile, profumata, discreta ed elegante. Indicata per piccoli giardini e grandi vasi. Ha un unico limite al suo utilizzo: l’elevata richiesta in luce e calore e la mancanza di resistenza al gelo.

Foglie: di colore verde scuro nella pagina superiore e verde chiaro opaco in quella inferiore, sono semplici, piccole, sessili, di forma ovato-lanceolata, e intensamente profumate.
Fiori: bianchi e a cinque petali, sono riconoscibili per gli stami centrali numerosi e più lunghi dei petali. I frutti sono bacche di color nero-ceruleo.
Come scegliere: acquistare soggetti giovani ben impalcati che non abbiano subito il taglio di grosse branche.

Manutenzione

Non presenta patologie ricorrenti. La potatura è richiesta solo per rami spezzati e fuori forma. Evitate le lavorazioni superficiali del terreno per evitare di danneggiare l’apparato radicale.

Scheda pianta: Myrtus communis – Mirto

LucePorre il mirto in piena luce, possibilmente al riparo dai venti dominanti. Non teme la salsedine.
AcquaBagnare con regolarità nei periodi caldi e siccitosi, ma sempre con modeste quantità. Nelle piante in vaso non inzuppare il terreno ed eliminare i sottovasi perché teme il ristagno idrico.
TerrenoPianta tipica delle zone costiere vuole clima caldo e un terreno sciolto e ben drenato, possibilmente acido. Usare un mix in parti uguali di torba, argilla e sabbia.
Clima e
temperatura
Teme il freddo e in inverno deve essere ricoverata in locali luminosi a temperature non inferiori ai 6°C. La pianta è più esigente dei limoni e una stanza non riscaldata o una veranda sono l’unica soluzione.
ConcimeNon è necessario impiegare fertilizzanti. Ogni primavera rinnovare il primo strato di terreno (3-5 cm) utilizzando anche una parte di terriccio da fiori.
RiproduzionePrelevare le talee in gennaio o a luglio e porle in un mix di sabbia e torba all’interno di una serra riscaldata a 24°C costanti.
Prezzo: 16 € in vaso di 18 cm di diametro

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!