Hemerocallis var. Michael Bennet – emerocallide

Bella di giorno: sempre in grado di stupire

Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini, Foto A&M Studio
Pubblicato il 17/06/2013 Aggiornato il 17/06/2013
Hemerocallis var. Michael Bennet – emerocallide

Famiglia: Liliaceae

Il Genere Hemerocallis comprende circa 15 specie di piante perenni, sempreverdi o semidecidue, originarie della Cina, della Corea e del Giappone. In natura, nei paesi natii, sono diffuse nelle radure più illuminate ai margini delle foreste, nelle aree montane o nelle valli paludose. Sono specie da lungo tempo coltivate, tanto che se ne conoscono oltre 30.000 cultivar. Formano quasi sempre folti cespi, ma possono anche essere rizomatose. La radice greca del nome (hemera giorno e kalos bello) ricorda quanto sia breve la vita di un fiore di emerocallide, chiamata volgarmente anche “bella di giorno”, forma contratta di “bella per un giorno”. Michael Bennet è stato selezionato nel 1985.

Foglie: sono arcuate, di colore verde scuro, lunghe fino a 50 cm.

Fiori: di colore viola intenso, hanno una striatura centrale più chiara e stami dello stesso colore con polline giallo intenso, sono portati su steli più lunghi delle foglie. Di solito durano un giorno, al massimo due, e la pianta produce numerosissimi bocci così che la fioritura si protrae per due o tre settimane.

Come sceglierla: preferite piante ben accestite, vigorose, sane, senza segni di muffa o rammollimenti, se possibile con un fiore per identificarne la varietà, senza curarvi troppo della produzione nel primo anno perché è nel tempo che gli hemerocallis danno il meglio di sé.

Manutenzione

Eliminate i fiori morti e le capsule che contengono i semi per favorire un accumulo di sostanze nutritive negli organi ipogei.

LuceLe hemerocallis devono essere poste in pieno sole, all’ombra non fioriscono.
AcquaTemono la siccità e nei mesi più caldi è necessario irrigare tutti i giorni per mantenere il terreno appena umido.
TerrenoDeve essere profondo, fresco, ben drenato e fertile per ottenere fioriture copiose, in terreno pesante e argilloso i fiori divengono rari.
Clima e
temperatura
Quasi tutte le varietà tollerano sia il caldo sia il freddo. Si possono coltivare dal piano sino oltre i 1000 metri di quota, ricorrendo ad una pacciamatura invernale di protezione.
Concime Impiegare un prodotto liquido e bilanciato ogni 20 giorni nel periodo vegetativo.
RiproduzioneIn primavera prima della ripresa vegetativa o nel tardo autunno dividere i cespi e ricollocarli a circa 50 cm uno dall’altro per dar modo alla pianta di allargarsi.
Prezzo: 14 € in vaso di 18 cm di diametro

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!