Helianthus annuus – girasole

L’immagine classica del sole in giardino per tutta la stagione

Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini, Foto A&M Studio
Pubblicato il 12/06/2013 Aggiornato il 10/07/2013
Helianthus annuus – girasole

Famiglia: Compositae

I girasoli sono piante originarie degli Stati Uniti. Ogni anno sono proposte sul mercato nuove tipologie di pianta per colore, dimensione e tipologia dei fiori. Chi ama i girasoli sa che mescolare varietà diverse è possibile ma non facile per ottenere un effetto decorativo di prim’ordine. Il consiglio è di porre vicino fra loro varietà con capolini di dimensioni paragonabili perché, per quanto belle, le infiorescenze piccole tendono a scomparire se affiancate ad elementi di diametro decisamente maggiore.

Foglie: cuoriformi e a margine grossolanamente dentato le foglie possono essere lisce o tomentose. Il loro portamento serve a capire lo stato d’idratazione della pianta.

Fiori: sono il classico capolino con fiori ligulati periferici e fiori tubulosi a formare il disco. Si aprono in modo scalare partendo dalla periferia per avvicinarsi al centro. Fanno seguito i frutti, un achenio allungato con rivestimento fibroso, che contengono semi oleosi eduli.

Come scegliere: nel mese di giugno, con temperature elevate, i tempi di germinazione sono ridotti rispetto alla primavera. Seminate in vaso e trapiantate in piena terra quando le piantine saranno alte circa 15 cm. La distanza minima è di 40 cm ma deve essere valutata secondo la varietà scelta.

Manutenzione

Le uniche cure di cui hanno bisogno i girasoli sono bagnature e fertilizzazioni regolari, oltre alla predisposizione di un tutore se coltivate in condizioni particolari.

LuceI girasoli devono essere sempre posti in pieno sole, in posizione calda, e, se bagnati a dovere, non temono nemmeno la vicinanza di un muro a secco. Le giovani piante, quelle poste in luogo ventoso o che sviluppano un capolino di grandi dimensioni richiedono la presenza di una canna di bambù come tutore.
AcquaPiante di grande sviluppo hanno una superficie evapotraspirante piuttosto elevata e per questa ragione devono essere sempre bagnate con regolarità e abbondanza ma sempre evitando che si formi ristagno. Le carenze idriche ripetute favoriscono la senescenza della pianta e ne arrestano lo sviluppo ad una taglia inferiore.
TerrenoCome tutte le coltivazioni industriali (dal girasole si ricavano i semi e da questi olio e farina proteica) richiede un terreno lavorato in profondità, particolarmente ricco di nutrienti prontamente disponibili.
Clima e
temperatura
I girasoli sono piante annuali e poste al sole ossono essere coltivate ovunque in estate. Con il freddo muoiono seccando in piedi.
ConcimeIncorporare nel terreno al momento della semina o del trapianto un terricciato di letame maturo. Distribuire ogni settimana un fertilizzante liquido a metà dosaggio per piante verdi, da sostituire con un prodotto per piante da fiore da quando il capolino inizia a ingrossarsi.
RiproduzioneI girasoli si riproducono soltanto per seme. L’ibridazione e la ricombinazione dei caratteri danno in seconda generazione piante con caratteristiche assai diverse.
Prezzo:  1,20 € una busta di semi
Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!