Dhalia ‘Raissa’ – dalia

Una dalia a collaretto con corolla a contrasto rosso e bianco. Ci piace perché fiorisce da luglio a ottobre.
Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini
Pubblicato il 04/09/2020 Aggiornato il 04/09/2020

dalia-raissa-rossaFamiglia: Compositae

Le dalie sono piante erbacee dotate di radici tuberose molto sviluppate che formano cespi perenni da far svernare in torba asciutta. Un tempo si acquistavano solo i tuberi mentre oggi ad essere preferite sono le piante fiorite in vaso. Il rinvaso è consigliato se il contenitore è piccolo, oppure si possono porre in terra per favorire un maggiore sviluppo della pianta prima che dissecchino. ‘Raissa’ è una dalia che potremmo definire “vecchio stile” alta circa 90 cm, vigorosa, capace di fiorire da luglio ad ottobre.

  • Foglie: si inseriscono sui fusti in modo opposto, sono pennatosette o profondamente incise con lobi, da 5 a 7, dentati e di forma ovata-acuta. Sono di colore scuro che pongono in risalto il colore dei fiori.
  • Fiori: ‘Raissa’ è una dalia a collaretto con fiore di media grandezza, fino a 10 cm di diametro, portati da steli robusti che difficilmente allettano. I colori in contrasto fra loro sono il rosso e il bianco.
  • Come scegliere: le piante si presentano come cespi di fusti erbacei, ricchi di nodi, a portamento eretto, in molti casi facili a piegarsi perché cavi. I rami laterali sono opposti. Per favorire l’infoltimento si cimano le giovani piante.
  • Manutenzione: la patologia più diffusa delle dalie è il marciume radicale, favorito da abbondanti bagnature, protratte piogge autunnali e terreni pesanti. L’unico consiglio possibile è ridurre le bagnature e favorire un maggiore sgrondo inserendo sabbia nel terriccio. Nei luoghi ventosi dotare le piante di un buon tutore.

Scheda piante: Dahlia ‘Raissa’, dalia 

LuceLe dalie si coltivano in pieno sole, tollerano soltanto un’ombra parziale.
AcquaAnnaffiare abbondantemente solo se si dispone di un terreno ben drenato per non favorire il ristagno.
TerrenoFertile, profondo, concimato con letame maturo prima della messa a dimora, fresco, argilloso o con una moderata componente calcarea, sempre senza ristagni.
Clima e
temperatura
Si coltivano in vasi da esterno e in piena terra, ma solo laddove l’inverno sia mite. Non sopportano il gelo. Ritirare i cespi rizomatosi ad una temperatura non inferiore ai 5°C.
ConcimeImpiegare ogni settimana un fertilizzante ricco di fosforo e potassio.
RiproduzioneSi riproduce per seme (seminare in serra calda a fine inverno), per talea (prelevare i getti dai cespi tuberosi e porli in sabbia umida in serra calda) o per divisione dei cespi.
Prezzo: 10 € in vaso di 18 cm di diametro

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!