Cydonia vulgaris – Cotogno

Chiamato melo cotogno oppure pero cotogno, è l'albero giusto per il frutteto di chi ama i frutti e i sapori antichi
Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini, Foto A&M Studio
Pubblicato il 25/10/2014 Aggiornato il 25/10/2014

Cydonia vulgaris – Cotogno

Famiglia: Pomaceae

Chiamato anche Pyrus cydonia, è un’antica pianta da frutto reperibile come spontanea in tutta l’Asia Minore. Le piante possono essere divise in due tipologie secondo la forma del frutto, piriforme o maliforme, ma non esistono, come spesso si sente, un melo cotogno ed un pero cotogno, sono semplicemente entrambi cotogni. Il suo utilizzo come pianta da frutto è ormai una rarità e più spesso lo si impiega come piccolo albero ornamentale da giardino.
Foglie: grandi, di forma ovata, intere, alterne e tomentose.
fiori: sono fra i più belli tra i fruttiferi, grandi, solitari, rosa esternamente e bianchi dentro.
Come sceglierlo: acquistare in vivaio soggetti vigorosi, senza ginocchiature, ferite alla base e asse principale deviato. Preferire piante con ricco pane di terra, gemme già presenti e formate, assenza di forti tagli di potatura, buone dimensioni iniziali (non inferiori ai 150 cm).

Manutenzione

Fruttifica agli apici dei rami e quindi mal sopporta la potatura. Eliminare i rami secchi ed i getti basali. Prestate attenzione all’inclinazione della pianta perché l’azione del vento e la formazione di una chioma sbilanciata possono richiedere l’adozione di un tirante correttivo, anche su soggetti adulti.

Scheda pianta: Cydonia vulgaris – Cotogno

LuceDeve stare in piena luce, tollera un’ombreggiatura parziale solo nei luoghi caldi.
AcquaSe mancano le precipitazioni bagnare il terreno del sottochioma in più punti oppure allagarlo come si trattasse di un agrume coltivato in conca.
TerrenoDeve essere profondo e ben drenato, fertile, leggermente acido, con un basso contenuto in calcare (inferiore al 5%), di medio impasto.
Clima e
temperatura
La pianta si adatta a buona parte delle regioni italiane escludendo l’alta montagna e quelle eccessivamente aride e calde. Pianta tipica della fascia temperata entra in vegetazione piuttosto tardi sfuggendo alle gelate tardive.
ConcimeDistribuire in autunno o primavera terricciato di letame maturo.
RiproduzioneSi moltiplica per margotta, propaggine o talea per conservare le caratteristiche della pianta madre.
Prezzo: 13 € in vaso di 20 cm di diametro

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!