Citrus ‘Karna Khatta’ – arancio indiano

L'arancio indiano, bello e resistente al freddo, che produce frutti di forma particolare.
Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini
Pubblicato il 06/11/2019 Aggiornato il 06/11/2019

Citrus 'Karna Khatta' - arancio indiano

Famiglia: Rutaceae

Pianta antica di origine indiana, ibrido di origine incerte, anche se si ipotizza un incrocio fra Citrus aurantium e Citrus triptera, era utilizzata in passato come portainnesto, oggi è una piacevole curiosità per gli amatori. Si presenta in forma di albero vigoroso, assurgente, espanso e spinoso, presenta vegetazione nuova di colore viola che crescendo vira al verde. Il frutto, grande e con buccia di grana fine, è dotato di una certa variabilità morfologica. Ci sono piante con frutti rotondi, in altre sono ovali, lisci, solcati o bitorzoluti. La polpa di colore arancio ha numerosi semi. L’aroma e il sapore lo avvicinano a quello dell’arancio amaro. A maturazione i frutti sono di uno splendido color giallo aranciato. È considerato uno fra gli agrumi più resistenti al freddo.

  • Foglie: lucide, ellittiche e di colore intenso. Simili a quelle del limone.
  • Fiori: bianco rosati e profumati, larghi 2 cm, sono riuniti in piccoli mazzetti, simili a quelli degli altri agrumi. Molto profumati si aprono a primavera in una sola fioritura.
  • Come scegliere: la pianta si deve presentare ben formata, con molti rami omogeneamente distribuiti e portati verso l’alto. Le foglie devono coprire bene i rami e i fiori devono essere distribuiti su tutta la chioma.
  • Manutenzione: può essere necessaria una potatura di contenimento. Si effettua sui rami che fuoriescono dalla forma, sui succhioni e su quelli secchi o spezzati. Le piante in vaso devono essere regolarmente ispezionate perché, come tutti gli altri agrumi coltivati fuori del loro areale d’elezione, sono soggetti a forti attacchi di cocciniglia.

Scheda pianta: Citrus ‘Karna Khatta’ – arancio indiano

LuceLe piante in piena terra non hanno problemi di esposizione; se in vaso possono stare anche in pieno sole se il terreno è fresco.
AcquaDistribuita con frequenza variabile in funzione della stagione, ma almeno tre volte la settimana in estate, con piccoli volumi. Meglio se le piante sono tenute senza sottovaso così che l’acqua in eccesso dreni liberamente.
TerrenoRichiede un terreno non troppo fertile, fresco e ben drenato.
Clima e
temperatura
La pianta vegeta tutto l’anno e necessita di temperature non inferiori ai 5 °C. In estate il substrato va sempre mantenuto fresco. Sensibile alle basse temperature, non ha problemi nel periodo estivo.
ConcimeUtilizzare un fertilizzante specifico bilanciato per agrumi e non prodotti per piante da fiore o da balcone.
RiproduzioneDistribuire i semi in primavera con temperature di 15-24 °C in un terriccio ben drenato e ricco di sostanza organica.
Prezzo: 40 € in vaso di 30 cm di diametro

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!