Capsicum annum “Diavolicchio” – peperoncino

Una piantina da tenere in cucina in vaso, ornamentale, colorata, da usare per le ricette più piccanti

Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini, Foto A&M Studio
Pubblicato il 02/10/2015 Aggiornato il 02/10/2015

peperoncino

Famiglia: Solanaceae

I peperoncini ornamentali appartengono tutti al genere Capsicum, lo stesso dei peperoni, ma diverse sono le specie coltivate. La più comune e la più diffusa è la Capsicum annuum, a frutti allungati, disponibile in moltissime varietà (se ne contano circa 2.000) che si distinguono una dall’altra per forma e colore dei frutti. Il loro valore ornamentale è dato anche dal cambiamento dei colori dei frutti durante la maturazione. Diavolicchio è una varietà piccante di origine calabra con frutti allungati multicolori utilizzata attivamente in cucina.

Foglie: la tonalità del colore verde dei fusti e delle foglie cambia nelle diverse varietà e dipende anche dallo stato nutrizionale delle piante.
Fiori: di solito bianchi, possono essere viola o screziati, singoli o raggruppati in infiorescenze.
Come scegliere: la pianta che ha forma di piccolo cespuglio, alto 20-30 cm, si deve presentare compatta, senza rami tagliati e foglie secche sul terriccio.

Manutenzione

Pianta rustica teme soltanto il gelo e la siccità.

LuceRichiede una posizione luminosa e calda, poco ventosa, specie per i vasi piccoli o leggeri perché sviluppa una chioma compatta che spesso ne causa il ribaltamento. In vaso è meglio che riceva il sole solo il pomeriggio per evitare carenze idriche che portano la pianta ad afflosciarsi e ad appassire.
AcquaDistribuire acqua senza parsimonia tutti i giorni nel periodo di massima calura, ogni due giorni in primavera ed in autunno, una volta la settimana in ambiente riscaldato. Preferire acqua non troppo calcarea e mai fredda. Per le piante in vaso rimuovere l’acqua in eccesso presente nel sottovaso.
TerrenoImpiegare un normale terriccio da fiori addizionato con un terzo di sabbia, specie per le piante in vaso, così da garantire un efficiente drenaggio.
Clima e
temperatura
Nessun peperoncino resiste al gelo, già a 4°C la quasi totalità delle piante muore. Non sempre è possibile riuscire nell’intento di conservare le piante per l’anno successivo anche se si prestano tutte le cure del caso. Potranno essere ricoverate all’interno in un locale luminoso, non freddo e non troppo caldo, su un davanzale o su scale a vetri in parte riscaldate.
ConcimePer comodità impiegare un concime bilanciato a lento rilascio per piante da orto.
RiproduzioneDai frutti maturi si estraggono i semi da stendere ad asciugare in luogo ventilato, non al sole diretto. I semi si conservano in sacchetti di carta o in un vasetto aerato. Si piantano in terreno leggero alla profondità di un solo centimetro. Le piante ottenute da seme non riproducono spesso le caratteristiche di quella d’origine perché il peperoncino è pianta a fecondazione incrociata
Prezzo: 3 € in vaso di 16 cm di diametro

 Foto di Alessandro Mesini

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!