Caltha palustris var. “alba”, calta palustre a fiore bianco

Caltha palustris var. “alba”, calta palustre a fiore bianco, per i mastelli d’acqua, i laghetti e i prati umidi, questa varietà ha inaspettati fiori bianchi.
Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini, Foto A&M Studio
Pubblicato il 27/04/2015 Aggiornato il 27/04/2015

Caltha palustris var. “alba”, calta palustre a fiore bianco avorio e stami gialliFamiglia: Ranuncolaceae

L’utilizzo della Caltha palustris e delle altre venti specie che compongono il genere è strettamente legato all’acqua. Si coltivano nei prati umidi, nei luoghi paludosi, lungo i ruscelli, negli stagni e nei laghetti, nelle vasche, anche in quelle che in giardino ospitano i pesci rossi. Non sono piante galleggianti, ma devono poter radicare in acqua poco profonda, fino a 15 cm. Perfettamente adattata ai nostri climi perché originaria di un vasto areale che comprende tutta l’Europa, è presente allo stato spontaneo anche nel nostro paese. In genere ha fiori gialli; la varietà “alba” a fiori bianchi è del tutto sovrapponibile alla forma classica e mescolata a questa può creare un interessante gioco di colori.

Foglie: di colore verde scuro, sono reniformi, cordate e con leggera dentatura al margine. Possono avere riflessi color porpora.

Fiori: a forma di coppa, larghi fino a 4 cm, di colore bianco avorio con stami gialli molto evidenti. Fioriscono nei mesi di aprile e maggio.

Come sceglierla: le piante appartenenti al genere Caltha sono adatte per essere coltivate in terreni umidi, solo occasionalmente asciutti, ed è importante acquistare soggetti in piena vegetazione, vigorosi e ben accestiti. Le foglie devono essere numerose, senza segni di sofferenza come bruciature o assottigliamenti, margini arrotolati e secchi, gli steli devono essere turgidi ed elastici. Il terriccio del vaso o del contenitore deve sempre essere bagnato, intriso d’acqua.

Manutenzione

Piante resistenti temono soltanto che il substrato si asciughi completamente causandone, se non si forma una provvidenziale crosta a preservare l’umidità degli strati inferiori, la morte.

Scheda pianta: Caltha palustris var. “alba”, calta palustre a fiore bianco

LucePorre la calta in piena luce o, se in luoghi molto caldi, in ombra parziale. Per fiorire deve poter comunque contare su un buon numero di ore di sole.
AcquaNon deve mai mancare e per le piante coltivate in vaso il terreno deve sempre restare bagnato.
TerrenoPianta adattabile preferisce i suoli neutri o leggermente acidi capaci di trattenere acqua e umidità.
Clima e
temperatura
Pianta perenne non teme il freddo dell’inverno, può soffrire il caldo solo se l’acqua scarseggia.
ConcimeIn terreni ricchi e grassi non è necessario apportare fertilizzanti.
RiproduzioneSi diffondono naturalmente per seme con facilità. Seminare a primavera in vassoi da sommergere in posizione ombreggiata. Le piante si allevano fino all’anno successivo quando si potranno mettere a dimora. Le radici ingrossate si dividono al termine della fioritura o nel tardo autunno rimettendole subito a dimora.
Prezzo: 6 € in vaso di 12 cm di diametro
Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!