Tempo di fragole, coltivazione e ricette

Saporite, sane e gustose, le fragole sono pronte sia per essere coltivate sia per essere raccolte e cucinate in nuove ricette.

Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini
Pubblicato il 01/05/2019 Aggiornato il 01/05/2019
Tempo di fragole, coltivazione e ricette

Le fragole si coltivano senza difficoltà e possono regalare grandi soddisfazioni nel tempo ma bisogna seguire con cura gli impianti dell’orto. Adesso è il momento di mettere a dimora nell’orto le piantine acquistate, che devono essere senza ingiallimenti fogliari, ben turgide, ricche di germogli, ma non in stadio avanzato di fioritura, dalle foglie asciutte e senza un eccessivo capillizio radicale che fuoriesce dal fondo dei vasi. Le fragole sono piuttosto adattabili in fatto di terreno purché sia assicurato un buon drenaggio. Il terreno ideale è quello fresco, ricco di humus e sostanza organica, fertile, a pH subacido (intorno a 6), sciolto e profondo. Deve essere lavorato con una vangatura doppia a una profondità di 40 cm aggiungendo letame bovino maturo fino a 10 kg per metro quadrato. Le aiuole dovrebbero essere orientate da Nord a Sud per sfruttare al meglio l’esposizione al sole, separate da una fossetta di scolo profondo 25 cm. Per ospitare due file di fragole devono essere larghe 60 cm.

Messa a dimora e coltivazione

Le piantine saranno messe a dimora, a 30 cm una dall’altra, senza piegare la parte terminale delle radici e conservando il colletto allo stesso livello di profondità. Piante profonde marciranno più facilmente, piante superficiali seccheranno a causa delle radici scoperte. Si annaffia a pioggia abbondantemente e per i dieci giorni seguenti si ripete l’operazione con moderate quantità d’acqua. Una volta che la pianta è attecchita si sospenderanno le annaffiature a pioggia e si bagneranno al piede.  Per ottenere una produzione abbondante il segreto è annaffiare poco e spesso. Nel periodo di maturazione dei frutti, il momento di maggior richiesta idrica, anche tutti i giorni. Utilizzate fertilizzanti specifici per fragole ricchi in potassio (3 parti) per ottenere frutti colorati, sapidi e ricchi di zucchero, azoto (2 parti) per stimolare la produzione, e poco fosforo (1 parte). Sciolti in acqua si distribuiscono al piede. Una volta la settimana fino a quando non è finito il ciclo produttivo, eseguite un accurato diserbo manuale. In agosto potrete moltiplicarle per stolone. 

Coltivazione con telo

L’impiego della coltivazione con il telo nero inizia a diffondersi anche negli orti familiari perché i vantaggi sono molteplici:

  • arresto nella crescita delle malerbe evitando quella che è l’operazione più gravosa,
  • maggiore riscaldamento del terreno per l’azione d’assorbimento del telo nero che consente, specie dove l’irraggiamento non è altissimo come in collina e montagna, di ottenere produzioni anticipate in primavera ed un allungamento produttivo a fine stagione nelle varietà rifiorenti;
  • minore consumo idrico perché è ridotta l’evapotraspirazione del terreno;
  • non consente alla pioggia di avere un effetto battente sul terreno che ne compatta la struttura ed un effetto dilavante sulla frazione nitrica dell’azoto presente;
  • permette di raccogliere frutti non imbrattati di terra.

I teli bicolori, neri a contatto con il terreno, bianchi sopra, consentono di aumentare l’illuminazione delle piante grazie alla rifrazione della radiazione solare accelerando maturazione dei frutti e favorendone la coloritura anche in primavera ed autunno, sono indicati dove la temperatura e irraggiamento non rappresentano un limite.

La raccolta

Deve essere scalare e tempestiva perché facilita la crescita e la maturazione dei frutti più piccoli. Nel periodo della piena produzione si raccolgono le fragole ogni due giorni. Si staccano dalla pianta afferrando il frutto per la zona vicina al peduncolo oppure si utilizzano le forbici recidendo ad una distanza di circa un centimetro dall’innesto.

Varietà

Al momento dell’acquisto è necessario informarsi se la varietà scelta è unifera, bifera o rifiorente. Le fragole unifere fioriscono una sola volta a primavera e hanno un forte picco di produzione. Le fragole bifere producono una seconda fioritura a circa trenta giorni di distanza dalla prima. Le fragole rifiorenti, oggi le più diffuse, continuano a produrre fiori e frutti fino ad autunno inoltrato.

Fra le varietà largamente testate ricordiamo:

  • Marmolada, varietà tipica per il centro nord, resistente a freddo, oidio e clorosi, sensibile alla botrite, con fioritura unica ma abbondante e prolungata. Di vigoria media ha foglie verde scuro e frutti di media pezzatura di color rosso omogenea sia fuori sia dentro. La polpa è dolce, resistente alle manipolazioni e consistente.
  • Elsanta, più sensibile al freddo e indicata solo per terreni leggeri, produce frutti di grandi dimensioni coloro rosso brillante, molto apprezzati per il sapore ottimo e la forte nota aromatica. La polpa è soda e succosa.
Le ricette da provare  di Juls’ Kitchen

Muffin alle fragole

Ingredienti per 12 muffin

Ingredienti secchi

  • 200 g di farina O
  • 100 g di zucchero
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci
  • ½ cucchiaino di sale
  • Scorza grattata di un limone non trattato
  • 200 g di fragole

Ingredienti liquidi

  • 180 g di panna acida
  • 50 g di burro fuso
  • 1 uovo

muffin-fragoleScaldate il forno a 200°C. Mescolate tutti gli ingredienti secchi, tranne le fragole, in una ciotola grande. In una ciotola più piccola mescolate la panna acida con il burro e un uovo sbattuto. Adesso versate gli ingredienti liquidi nella ciotola degli ingredienti secchi e mescolate con delicatezza per amalgamare tutti gli ingredienti. Per ultimo aggiungete le fragole, lavate, asciugate e tagliate a pezzettini. Foderate 12 stampini da muffin con la carta da forno o con i pirottini, riempiteli con l’impasto e cuocete in forno caldo a 200 °C per circa 25 minuti, finché non saranno dorati e ben gonfi.

Galette alle fragole

Ingredienti per 8 persone

  • Una confezione di pasta sfoglia rotonda
  • 700 g di fragole
  • ½ bacca di pepe lungo
  • 4 cucchiai di zucchero di canna
  • 4 cucchiai di farina di mandorle
  • 1 albume

gallette-di-sfoglia-fragoleLavate le fragole nell’acqua fredda, asciugatele e togliete il picciolo. Poi tagliatele a metà o in quarti, a seconda della grandezza, e ponetele in una ciotola. Conditele con lo zucchero e la bacca di pepe lungo grattata, poi mettetele da parte. Togliete la sfoglia dalla confezione e lasciatela a temperatura ambiente per 10 minuti. Scaldate il forno a 190 °C.  Stendete sul piano di lavoro infarinato e poi trasferitela in una teglia rotonda foderata con carta da forno. La pasta deve sbordare dalla teglia di 2-3 cm. Versate al centro della sfoglia tutta la farina di mandorle:sevirà per assorbire il succo delle fragole rilasciato durante la cottura. Versateci sopra le fragole lasciando circa 4 cm del bordo. Richiudete i bordi della sfoglia sulle fragole. Spennellate la sfoglia con l’albume e infornate per circa 40 minuti. Servitela tiepida.

Torta margherita con fragole, panna e meringhe

Ingredienti per 8 persone

  • 1 uovo
  • 4 tuorli
  • 100 g di zucchero
  • 50 g di farina 00
  • 50 g di fecola di patate
  • 1 cucchiaino di essenza di vaniglia
  • 30 g di burro fuso
  • 500 ml di panna fresca
  • 50 g di meringhe
  • 500 g di fragole

rorta-margherita-fragoleMontate l’uovo sbattuto con i tuorli e lo zucchero per una decina di minuti, finché non sono bianchi e spumosi. Aggiungete la farina setacciata con la fecola e incorporatela delicatamente. Aggiungete infine il burro fuso e l’essenza di vaniglia. Scaldate il forno a 200 °C. Imburrate e infarinate uno stampo rotondo da 20 cm di diametro, riempitelo con l’impasto e infornatelo per 20 – 25 minuti, finché non sarà dorato e asciutto. Togliete la torta margherita dal forno, capovolgetela su una gratella e fatela raffreddare completamente. Una volta fredda tagliatela a metà in senso orizzontale. Montate la panna a neve e sbriciolateci dentro le meringhe (tenetene da parte qualcuna per la decorazione). Riempite la torta con metà della panna, richiudetela e decorate anche la superficie con la panna rimasta. Guarnite la torta con le fragole, intere e a pezzi, e qualche meringa a pezzetti. Fatela riposare in frigo per circa 30 minuti prima di servirla.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4.4 / 5, basato su 5 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!