Seminare le insalate da taglio in modo scalare

Adesso è il momento di seminare le insalate da taglio in piena terra, in particolare cicoria, lattuga e indivia. Se si seminano scalarmente, ogni 20 giorni, tra circa tre mesi potremo cominciare a tagliarle e avremo un ricco raccolto fino all’autunno inoltrato.

Giovanna Rio
A cura di Giovanna Rio
Pubblicato il 04/04/2017 Aggiornato il 17/08/2018
seminare le insalate

In questo periodo dell’anno e per tutta l’estate è possibile seminare le insalate da taglio, tra cui le principali sono: cicoria, lattuga e indivia. Queste insalate (che si seminano una volta sola) nel corso dell’estate vegetano regolarmente e si raccolgono tagliando le foglie a 1 – 2 cm sopra il colletto quando le foglie hanno raggiunto 10 -12 cm di altezza. La durata di vegetazione è differente a seconda della specie, comunque hanno tutte una durata media di circa tre mesi. È per questo motivo che, per garantire un raccolto continuo per tutta l’estate, si consiglia di eseguire semine scalari, ogni 20 – 25 giorni.

Lattuga (Lactuca sativa)

La lattuga appartiene alla famiglia delle Asteraceae. Si sviluppa in una rosetta basale da cui si origina un cespo che può assumere le forme sferica e allungata a seconda delle varietà. Tra le varietà più coltivate troviamo “Biscia rossa”, croccante che cresce anche in vasi e cassette; “Bionda a foglia liscia”, precoce con foglie tenere; “Foglia di quercia”, molto precoce; “Bionda ricciolina” con foglie tenere, di colore verde chiaro; “Lollo bionda o rossa”, ha foglie tenere verdi o rosse. Tutte queste varietà rivegetano velocemente tra un taglio e l’altro. Le lattughe nascono in 5-8 giorni, la durata media di coltivazione è di 50- 80 giorni. Producono circa 1 – 2 kg per metro quadrato.

Cicoria (Cichorium intybus)

Appartiene alla famiglia delle Asteraceae e si sviluppa a rosetta basale; presenta foglie arrotondate o allungate con margine liscio e colore verde chiara, esistono anche varietà a foglia rossa. Tra le varietà di cicoria da taglio troviamo “Spadona”, detta anche “Lingua di cane” che rivegeta rapidamente; e “Cicoria di Trieste”, da seminare molto fitta e ottima anche per raccolti autunnali. Le cicorie nascono in 5 -7 giorni e la durata media di coltivazione è di 40 -70 giorni. Produce 0,80 –  2 kg per metro quadrato.

Indivia (Cichorium endivia)

L’indivia, appartiene alla famiglia delle Asteraceae e sviluppa una rosetta di foglie increspate che formano un cespo compatto. Tra le varietà più coltivate troviamo la “Verde” o “Romanesca” con foglie ricce di colore verde intenso e costolatura chiara; la “Bionda” o “Riccia cuor d’oro” con foglie arricciate di colore giallo/chiaro.
Le indivie nascono in 4 -10 giorni, la durata media di coltivazione è di 60 -80 giorni. Produce 1- 2 kg per metro quadrato.

Esistono poi miscele di sementi chiamate “Misticanza”: si tratta di buste di sementi miste fra cicorie e lattughe. Si consiglia di scegliere il tipo “da taglio” che è di facile coltivazione.

Operazioni valide per tutte le insalate da taglio

In questo mese il terreno dovrebbe essere già pronto per la semina (già vangato, zappato e rastrellato), se così non fosse eseguire una vangatura a 15 cm di profondità, poi effettuare una zappettatura per ridurre le dimensioni delle zolle ed infine rastrellare per preparare il terreno alla semina.
Al momento della semina individuare un’area lunga a piacere ma larga al massimo un metro, in modo che si possa raggiungere facilmente da una parte o dall’altra il centro dell’aiuola stessa. Preparare file distanti da 8 a 12 cm.

1. I semi delle insalate sono molto piccoli, al momento della semina è quindi necessario miscelarli con un po’ di sabbia: per facilitare quest’operazione inserire i semi in un contenitore più grande e miscelare alla sabbia. Il seme va distribuito con continuità nella fila. Impiegare da 3 a 5 grammi di seme per ogni metro quadrato (sulle bustine dei semi è indicato il peso dei semi contenuti).

I semi delle insalate sono molto piccoli, al momento della semina è quindi necessario miscelarli con un po’ di sabbia: per facilitare quest’operazione inserire i semi in un contenitore più grande e miscelare alla sabbia. Il seme va distribuito con continuità nella fila. Impiegare da 3 a 5 grammi di seme per ogni metro quadrato (sulle bustine dei semi è indicato il peso dei semi contenuti).

2. Terminata la semina annaffiare facendo attenzione a distribuire l’acqua con un getto nebulizzato. Le gocce grosse, infatti, farebbero spostare il seme. Prestare attenzione perché la germinazione del seme dipende, in gran parte della presenza dell’acqua, il terreno non deve asciugare completamente.

Terminata la semina annaffiare facendo attenzione a distribuire l’acqua con un getto nebulizzato. Le gocce grosse, infatti, farebbero spostare il seme. Prestare attenzione perché la germinazione del seme dipende, in gran parte della presenza dell’acqua, il terreno non deve asciugare completamente.

3. Tagliare l’insalata con una forbice ben affilata a 1 - 2 cm dal suolo. Dopo il taglio annaffiare abbondantemente: l’insalata rivegeta rapidamente ed è presto pronta per un nuovo taglio.

Tagliare l’insalata con una forbice ben affilata a 1 – 2 cm dal suolo. Dopo il taglio annaffiare abbondantemente: l’insalata rivegeta rapidamente ed è presto pronta per un nuovo taglio.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!