Orto: come irrigare d’estate

Quando nell’orto sono già presenti gli ortaggi maturi è necessario bagnare con molta attenzione per evitare di rovinare il raccolto. Ecco alcuni consigli importanti.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 10/08/2013 Aggiornato il 10/08/2013
Orto: come irrigare d’estate

Le colture dell’orto devono essere bagnate con grande attenzione in periodo estivo per non rovinare il raccolto o danneggiare i frutti quasi al momento della maturazione. Ecco alcuni consigli utili.

Temperatura dell’acqua

L’acqua da irrigazione non deve essere fredda: è preferibile usare quella mantenuta per tutto il giorno in serbatoi appositi dove può raggiungere la temperatura ambiente.

Quantità

Le irrigazioni devono essere regolari e frequenti, due volte al giorno in modo da non lasciare mai il terreno asciutto. Gli orari migliori sono al mattino presto e dopo il tramonto. Bagnare sempre con un getto molto lento in modo da poter raggiungere gli strati più profondi del terreno senza ruscellare lontano dalle piantine.

Tecnica

Quando le piantine sono già cresciute, la tecnica dell’annaffiatura a pioggia è sconsigliata perché la sua efficacia è limitata a causa dell’evaporazione e delle bruciature che l’acqua può provocare facendo effetto lente sul fogliame in presenza dei raggi solari.

Tre sono i sistemi più efficaci:

  •  l’infiltrazione laterale in cui l’acqua viene somministrata attraverso dei solchi che affiancano le piantine che, se tenuti puliti e dissodati con regolarità, permettono che l’acqua filtri lentamente fino a raggiungere l’apparato radicale;
  •  il tubo poroso o forato: si tratta di un tubo che trasuda acqua o che la rilascia da più piccoli forellini e che deve essere collocato in prossimità del colletto delle piante;
  • il riempimento di piccole conche, o trincee, scavate nel terreno attorno al colletto della pianta.
Per evitare la dispersione dell’acqua di irrigazione si possono effettuare delle piccole trincee intorno alle piantine affinché l’acqua non scoli lateralmente lasciando poco intriso il terreno.

Per evitare la dispersione dell’acqua di irrigazione si possono effettuare delle piccole trincee intorno alle piantine affinché l’acqua non scoli lateralmente lasciando poco intriso il terreno.

 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4 / 5, basato su 1 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!