Mettere a dimora le piante da frutto

Per poter raccogliere frutta gustosa direttamente dagli alberi durante la prossima estate, l'inverno è il momento giusto per mettere a dimora le piante da frutto, in particolare quelle acquistate a radice nuda.
Francesca Meinardi
A cura di Francesca Meinardi
Pubblicato il 18/01/2021 Aggiornato il 18/01/2021
radice nuda a dimora

L’arrivo del nuovo anno può segnare l’arrivo di nuove piante da frutto in giardino di casa, dopo aver valutato se lo spazio e le condizioni di luminosità e terreno siano adatte. Le piante da frutto possono essere acquistate sia a radice nuda che in vaso; in questo articolo si evidenzieranno i vantaggi della scelta di piante a radice nuda e le relative modalità di lavorazione per una messa a dimora ottimale.

A radice nuda: che cosa significa?

Le piante a radice nuda sono quelle compravendute senza il pane di terra intorno all’apparato radicale, o con un pane minimo, avvolto, al momento dell’acquisto, in un sacco di juta o in un telo di plastica. Cresciute in piena terra, vengono prelevate al momento della compravendita; senza vaso occupano molto meno spazio e sono molto più maneggevoli, questo fa sì che il loro costo sia decisamente inferiore rispetto alle piante in vaso – anche del 50%! – e sono molto più facili e leggere da trasportare a casa. Ugualmente si possono acquistare per corrispondenza sempre a costi decisamente inferiori. Le piante in questione sono piuttosto giovani, solitamente hanno circa due anni. La maggiore maneggevolezza consente anche ad una sola persona di eseguirne la piantumazione; inoltre l’apparato radicale non dovrà abituarsi al nuovo terreno di impianto rispetto a quello del pane che avvolge le radici.

Quando si piantano

Il periodo per la messa a dimora coincide con il riposo vegetativo delle piante, ma bisogna fare attenzione alle gelate che non sono da sottovalutare, soprattutto in gennaio. Il periodo adatto può andare, a seconda delle piante, da novembre alla fine di febbraio, prima che si aprano le gemme. La pianta avrà il tempo di far fare la giusta presa alle radici nel nuovo substrato. Ovviamente il terreno al momento dell’arrivo delle piante dovrà già essere stato adeguatamente lavorato e preparato, perché la radice nuda non consentirà agli esemplari un’enorme autonomia al di fuori del substrato di coltivazione.

Come si procede per la messa a dimora

la pianta dovrà essere reidratata

1. Una volta arrivata a casa, la pianta dovrà essere reidratata. Il suo apparato radicale andrà quindi immerso in un secchio d’acqua perché possa assorbire i liquidi necessari. La pianta avrà un apparato radicale ideale per la piantagione, ma comunque è meglio controllare le radici: andranno spuntate e si dovranno rimuovere quelle secche o danneggiate. Chi ha tempo, e le condizioni meteo non prevedono pioggia, a questo punto può procedere alla zaffardatura.

posare la pianta nella buca

2. Al momento di posare la pianta nella buca, fare attenzione al colletto che deve restare in linea con il terreno. Predisporre un sostegno che ne tenga dritto il fusto mentre si ricopre la buca; il sostegno in futuro aiuterà la pianta a mantenere il suo portamento nonostante venti e intemperie. La buca andrà chiusa iniziando a inserire prima la terra più superficiale, e poi quella tolta più in profondità. Infine, annaffiare.

spargere uno strato pacciamante attorno al colletto

3. Per proteggere dal gelo la giovane pianta, si consiglia di spargere uno strato pacciamante attorno al colletto, ma non troppo vicino al fusto, per evitare che, a causa dell’accumulo di materiale organico, si possano sviluppare funghi nocivi. Il materiale adatto potrebbe essere paglia, foglie secche e corteccia.

La zaffardatura

Per reidratare l’apparato radicale, oltre all’acqua, si può realizzare una poltiglia nella quale immergere la parte terminale della pianta. Il processo si chiama inzaffardatura o zaffardatura e consiste nel creare un mix di elementi nutrienti che per qualche ora o, potendo, tutta la notte, rimanga a contatto con le radici della pianta, in modo da poter nutrire e non solo reidratare l’albero.

Come si compone

Il mix è costituito da tre componenti fondamentali: il terreno, anche molto fine, argilloso; la terra da coltivo, e infine una parte di letame sminuzzato all’interno del bacile. Con l’aggiunta della quantità d’acqua necessaria, si trasformerà in una poltiglia cremosa: il composto non deve essere troppo liquido ma di una consistenza in grado di attaccarsi alle radici. Una volta inserita la parte terminale dell’albero nel bacile, con l’aiuto di una paletta si ricopriranno tutte le radici con i composto, e si lascerà agire la poltiglia per il tempo necessario affinché vengano da essa assorbite tutte le sostanze nutrienti. A questo punto la pianta sarà pronta per la messa a dimora.

Gli effetti

Appena messo a dimora non si noterà una sostanziale differenza: gli effetti benefici si paleseranno quando in primavera la pianta uscirà dallo stato di riposo e le radici cominceranno ad esplorare lo spazio circostante.

Per saperne di più

Combattere le malattie delle piante da frutto

Piantare le mele in diverse varietà per un raccolto scalare 

More rampicanti nel frutteto

Gli alberi da frutta che crescono anche in vaso

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!