Il sedano in vaso si coltiva partendo dallo scarto

Per poter raccogliere il sedano fresco quando serve, anche in autunno-inverno, si può provare a farlo crescere in un vaso da tenere dentro casa. Ecco come, partendo dallo scarto.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 22/10/2015 Aggiornato il 22/10/2015
Il sedano in vaso si coltiva partendo dallo scarto

Il sedano tradizionale, Apium graveolens varietà “dulce”, è un ortaggio che appartiene alla famiglia delle Ombrellifere. I mesi autunnali sono come quelli primaverili i più adatti alla coltivazione dell’Apium graveolens sia in casa che all’esterno, anche in vaso, purché si tenga a temperature superiori ai 15°C.
La particolarità è che la sua coltivazione, se non si hanno a disposizione aiuole che consentano di partire dalla semina, può essere fatta anche in vaso servendosi dei suoi scarti di lavorazione, ovvero dell’apice del gambo acquistato anche al supermercato.
Nonostante ciò, per la genuinità del prodotto si consiglia di partire da prodotti presi direttamente dai contadini o da agricoltura biologica: il sedano è uno degli ortaggi maggiormente recettivi ai residui dei pesticidi.

Perché piantare il sedano

Il sedano è un ingrediente base della cucina mediterranea sia per piatti caldi che freddi piuttosto che nei sughi.
In erboristeria viene offerto come diuretico, potente digestivo e antiinfiammatorio.
Contiene preziosi elementi che lo rendono indispensabile per una dieta equilibrata quali calcio, fosforo selenio e magnesio oltre a dosi importanti di vitamina C, A e K.

Come si fa

 

asportare la base del sedano per una lunghezza di circa 5 cm.

1. Da un sedano intero con un coltello molto affilato si asporti la base per una lunghezza di circa 5 cm.

Si sistemi la parte di sedano selezionata in un piatto fondo colmo di acqua a temperatura ambiente e la si lasci a riposo

2. Si sistemi la parte di sedano selezionata in un piatto fondo colmo di acqua a temperatura ambiente e la si lasci a riposo. La parte più interna della base recisa presenta un cuore più tenero di colore giallo vivo: in questa parte del gambo spunteranno i primi germogli mentre le radici cresceranno nella parte inferiore esterna.

Il piatto andrà lasciato in un posto luminoso ma riparato dai raggi diretti del sole verso la pianta di sedano

3. Il piatto andrà lasciato in un posto luminoso ma riparato dai raggi diretti del sole verso la pianta del sedano

il primo germoglio della pianta di sedano solitamente compare dopo una sola settimana

4. il primo germoglio di sedano solitamente compare dopo una sola settimana, ma il gambo dovrà essere lasciato nel piatto fondo per almeno tre settimane avendo cura di cambiare l’acqua una volta ogni tre giorni. Dopo tre settimane, quindi, si potrà trapiantare in un vaso di almeno 40 cm di profondità, diametro 20 cm, munito degli opportuni fori di drenaggio. Il substrato deve essere ricco di terriccio biologico e compost domestico (preferire un substrato leggermente acido con pH oscillante tra il 6 e il 7), adagiato su un letto di ghiaia che favorisca il drenaggio. Il vaso andrà annaffiato frequentemente ma solo quando il terreno al tatto risulterà leggermente secco.

E dopo?

Una volta trapiantato in vaso e cresciuto, il sedano andrà conservato o in una zona luminosa della casa o in un luogo appartato del terrazzo o della veranda, sempre con la garanzia di temperature che oscillino sopra i 15°C.

La raccolta

Il sedano potrà essere raccolto gradualmente così da consentire a steli e foglie nuove di continuare a rinnovarsi per avere sempre a disposizione sedano fresco. Per asportare le parti che si intendono consumare si consiglia l’uso di forbici da giardino ben affilate per praticare tagli in senso diagonale; evitare il distacco manuale che fa rischiare sfilacciamenti.

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 5 / 5, basato su 3 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!