I lamponi sono quasi pronti: le ultime cure

I lamponi, tipica frutta estiva, sono facili da coltivare e ora sono quasi pronti. Se devono ancora terminare la maturazione, adesso occorre controllare le piante ogni giorno, se invece sono già stati raccolti, quelli migliori possono essere posti nel freezer per poterli consumare durante l'anno.
Francesca Meinardi
A cura di Francesca Meinardi
Pubblicato il 06/06/2021 Aggiornato il 06/06/2021
lamponi

I lamponi, Rubus idaeus, producono durante l’estate piccoli frutti rossi e dolci, graditi da tutti e facili da coltivare nel frutteto, accanto ad altri piccoli frutti, oppure isolati. Ma per portare a casa un raccolto abbondante e di ottima qualità, adesso è importante curare con attenzione gli esemplari a dimora nel frutteto e conoscerne caratteristiche ed esigenze.

Esigenze limitate 

Il lampone si diffonde spontaneamente in natura, nel sottobosco, in un clima fresco e ama conseguentemente anche latitudini medio alte. In coltivazione, la produzione migliore si otterrà da esemplari messi a dimora in zone soleggiate, ma i lamponi riescono a sfruttare molto bene anche le posizioni a mezz’ombra, caratterizzate da movimenti d’aria, non venti secchi ma brezze che scongiurino il diffondersi delle malattie fungine. La pianta offre un raccolto abbondante, occupa uno spazio ridotto, ma ha un’unica reale necessità: una corretta e abbondante annaffiatura.

Il terreno deve riprodurre le caratteristiche del sottobosco: con un pH moderatamente acido e una buona quantità di sostanza organica al suo interno. L’apparato radicale è molto superficiale: i primi 25 cm di suolo sono quelli in cui affonda le sue radici. Sarà necessario assicurarsi che la terra che lo ricopre, aderisca perfettamente all’apparato sommerso in modo che eventuali sacche d’aria non portino al rinsecchimento delle radici. Sempre a causa delle radici superficiali, quando le temperature aumentano si rende necessaria una buona pacciamatura di almeno 5 cm, che mantenga l’umidità del terreno e protegga dal calore le radici.

Maturazione da tenere sotto controllo 

Ci sono due macrocategorie di lamponi, gli uniferi e i rifiorenti.  Gli uniferi producono il raccolto una sola volta nel periodo compreso tra giugno e luglio, ma in maniera abbondante. I rifiorenti hanno una produzione meno ricca ma continua nel tempo, da metà di luglio per proseguire fino all’autunno inoltrato, e le piante sopravvivono circa ventiquattro mesi. In ogni caso le piante vanno monitorate quotidianamente, e i frutti devono essere raccolti quando diventano di colore rosso brillante e si presentano turgidi.

controllare le piante ogni giorno

1.  Se i frutti troppo maturi cadono a terra, la loro fermentazione porterà alla creazione dell’ambiente ideale per la diffusione della muffa grigia, il più temuto nemico di queste piante. Quindi occorre controllare le piante ogni giorno, raccogliere i frutti maturi e, nel caso se ne trovassero a terra,  rimuoverli subito.

rete di protezione per lamponi

2. I lamponi sono preda ambita anche per gli uccelli, quindi si può rendere necessario l’allestimento di una rete di protezione, soprattutto alla fine della primavera.

Congelarli con qualche accortezza

Spesso i raccolti di lamponi, come quelli di tutti i piccoli frutti (more, mirtilli, ribes ecc.), sono abbondanti, ma i frutti si deteriorano velocemente, quindi, per non essere costretti a consumarli rapidamente e in una volta sola senza poterseli godere a lungo, si può prendere in considerazione la possibilità di congelarli.

Servono però alcuni accorgimenti per evitare di ritrovarsi, al momento dello scongelamento, con una poltiglia di piccole bacche appiccicate una all’altra.

I piccoli frutti che siano more, lamponi, mirtilli o altri, vanno raccolti e selezionati. Quelli destinati al congelatore dovranno essere maturi, sodi e integri. Raccolti dalle piante andranno sciacquati con meticolosità, mondati da eventuali steli, e asciugati accuratamente. A questo punto si dovrà trovare un contenitore idoneo al freezer, largo e con il fondo piatto, e disporre i piccoli frutti sul fondo uno staccato dall’altro. Se il contenitore fosse profondo, si potranno fare più strati intervallandoli con carta forno o altri materiali idonei per alimenti. Poi si pongono in freezer a congelare per un paio d’ore, o più. Una volta estratti, saranno perfettamente congelati e rigidi ma separati gli uni dagli altri. Solo a questo punto si potrà rovesciarli in più comodi e poco ingombranti sacchetti da congelatore e poi rimettere in freezer da consumare durante l’anno.

E dopo?

A fine produzione sarà necessario ricordarsi di recidere con cesoie affilate e ben pulite i rami più gracili e quelli che hanno fruttificato; lasciando quelli più robusti si avrà la garanzia di una produzione ancora più copiosa l’anno seguente. A febbraio occorre potare le piante e impostare la forma legandole a una struttura. 

Anche in vaso

I lamponi possono essere coltivati anche in vaso sul balcone. 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4.5 / 5, basato su 2 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!