I consigli per coltivare melanzane perfette

Entro metà luglio possiamo mettere a dimora le piantine per raccogliere gli ortaggi maturi da fine agosto - inizio settembre.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 25/06/2013 Aggiornato il 25/06/2013
I consigli per coltivare melanzane perfette

Le melanzane sono presenti tutto l’anno sui banchi del fruttivendolo perché vengono importate dai paesi africani ma entrano di prepotenza nella nostra dieta d’estate quando le raccogliamo direttamente nell’orto o possiamo acquistare quelle nostrane. Saporite, facili da cucinare, poco caloriche, versatili, non troppo costose e anche facili da coltivare, le melanzane sono molto apprezzate. Si coltivano ovunque, una volta che le temperature si siano stabilizzate su livelli estivi, producendo frutti fino all’arrivo del freddo perché la pianta adulta è meno sensibile.

Trucchi di successo

Facili da coltivare le melanzane hanno il loro punto debole nelle basse temperature. Per ottenere un raccolto abbondante, precoce e di buona pezzatura è necessario mettere in atto tutti gli accorgimenti possibili per migliorare questo parametro:

  • scegliere l’aiuola meglio esposta,
  • coltivare le piante nei pressi di un muro a secco per sfruttarne il riparo e il riverbero,
  • coltivarle su terreno ricoperto con teli di materiale plastico nero, proprio come si fa spesso per le fragole. Così facendo si sfrutta al meglio la radiazione solare, si opera un efficace risparmio idrico con l’irrigazione a manichetta e si elimina la lotta alle malerbe,
  • lavorare il terreno in profondità, meglio con una vangatura doppia, per consentire all’apparato radicale di svilupparsi senza ostacoli.

I lavori da luglio a settembre

1) Trapianto

trapianto pianta melanzane, colletto a 1 cm di profonditàFino a metà luglio si può procedere all’acquisto e al trapianto delle pianticelle, che a questo punto della stagione avranno già circa sei settimane. Porre il colletto alla profondità di 1 cm perché le piante poste troppo in alto, crescendo, rischiano di allettarsi sotto il proprio peso. Le melanzane preferiscono terreni profondi, ben lavorati, privi di scheletro, ben drenati, ricchi di sostanza organica, ben affinati e non compattati.

Le distanze d’impianto sono:

  • 50 cm una dall’altra sulla fila,
  • 70 cm fra due file, avendo cura di sfalsare fra loro due file adiacenti,
  • per le varietà tardive, adatte per climi caldi, caratterizzate da un maggior sviluppo, adottare distanze maggiori: 80 cm sulla fila, 90 cm fra le fila,
  • per le piante coltivate a gruppi per formare cespugli con più piante conservare una distanza minima di 30 cm una dall’altra. In questo caso la fruttificazione si concentrerà sulle parti esterne della vegetazione.

2) L’importanza dei tutori

luoghi riparati, legatura fusto melanzane - luoghi ventosi: legatura chioma pianta melanzanePer quanto siano più robuste dei pomodori, anche le melanzane richiedono di essere dotate di un tutore fin dal momento del trapianto per assicurare stabilità alla pianta quando raggiungerà il completo sviluppo, specie per le varietà più grandi o per quelle che si caricano di frutti molto grossi. In località ventose è meglio legare non solo il fusto principale al tutore, ma predisporre anche una “fasciatura” delle ramificazioni più esterne su cui crescono i frutti per evitare che si tronchino.

3) Sarchiatura

sarchiatura del terreno per le melanzaneLa sarchiatura superficiale del terreno ha il doppio scopo di combattere le malerbe, specie quando le pianticelle sono piccole, e rompere la crosta superficiale favorendo un più rapido assorbimento dell’acqua piovana e d’irrigazione impedendo la formazione di ristagni. Intervenire sempre in modo superficiale e non in prossimità del piede della pianta. Le melanzane crescono con forza solo con temperature elevate e un’umidità costante del terreno, soffrendo il freddo e anche la siccità. In estate devono essere irrigate ogni giorno con modeste quantità bagnando le piante al piede senza interessare la parte aerea. Per sostenere un’elevata e prolungata produzione, distribuire in copertura concimi per orto a lenta cessione rispettando le dosi indicate per unità di superficie.

4) Raccolta delle melanzane

melanzana lucida non è matura - melanzana opaca pronta per raccoltaTrapiantate adesso, si potrà raccogliere tra fine agosto e la prima metà di settembre. Le melanzane si raccolgono non a maturazione fisiologica, ma quando la buccia perde la sua caratteristica luminosità e tende a diventare opaca. Non importa se hanno raggiunto o no una dimensione soddisfacente. A questo stadio sono turgide, la buccia è ben colorita e sottile, la polpa è elastica e non spugnosa, bianca senza striature brune, e con pochi semi non ancora sviluppati. Prolungare la permanenza dei frutti sulla pianta comporta un loro scadimento qualitativo. Per staccarle dalla pianta impiegare un coltello affilato o un paio di forbici. Si conservano per molti giorni in luogo fresco o nella parte bassa del frigorifero, ma non all’interno di sacchetti di plastica, dove possono fermentare e marcire con maggiore facilità.

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 3.92 / 5, basato su 12 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!