Curare l’orto prima di una breve vacanza

Un’assenza di tre-quattro giorni durante l’estate non ha ripercussioni sul raccolto se si prendono le giuste precauzioni: irrigare bene il terreno prima di partire e raccogliere tutto quello che è già cresciuto.

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 09/05/2013 Aggiornato il 23/05/2013
Curare l’orto prima di una breve vacanza

Durante la nostra assenza, se il terreno è stato bagnato a sufficienza, le piante nell’orto mostreranno i primi segni di carenza idrica solo al terzo giorno se il terreno gode di un’esposizione ottimale, al quarto giorno se l’esposizione è solo parziale o siamo in presenza di un terreno fresco, ricco, ben concimato.

Altre precauzioni

Dopo aver raccolto, annaffiamo con generosità il terreno, controlliamo che non vi siano in atto attacchi parassitari o distruzioni da lumache, verifichiamo la solidità dei sostegni.

  • Verdure da foglia. Lattuga e radicchi, specie se molto giovani, potranno risentire di un’assenza di 4 giorni. Bietole e rucola invece potranno riprendersi in breve tempo anche se hanno sofferto siccità. Per evitare di perdere una parte di questi prodotti si può raccoglierli, mondarli dalla terra e porli nella parte bassa del frigorifero, senza lavarli, in contenitori abbastanza grandi dove le foglie non siano schiacciate ma circoli l’aria.
  • Pomodori e peperoni possono essere raccolti anticipatamente e lasciati a temperatura ambiente senza che si tocchino fra loro così da completare il viraggio del colore.
  • Le melanzane, abbastanza serbevoli, vanno raccolte in anticipo e conservate in frigorifero, dove però tendono ad avvizzire e perdere di lucentezza. Oppure vanno riposte in luogo fresco ricoperte da un panno umido.
  • Alle zucchine bastano due soli giorni di frigorifero per perdere quella nota di freschezza irrinunciabile nella stagione di pieno raccolto. O si decide di raccoglierle in anticipo e poi, dopo averle lavate e asciugate, di surgelarle per un impiego invernale in minestroni oppure si lasciano sulla pianta con la certezza che al nostro ritorno ci attenderanno zucchine da raccogliere di taglia maxi e di sapore non certo eccezionale.
  • Anche per le fragole non c’è niente da fare e al nostro ritorno saranno più che mature e gli insetti avranno banchettato.

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!