Manutenzione invernale al giardino

Approfittando di giornate soleggiate, è possibile effettuare un po’ di manutenzione all’aperto, come la cura di arredi, cancellate, inferriate, la messa a punto dell’attrezzatura da lavoro e la pulizia dell’impianto d’irrigazione.

Giovanna Rio
A cura di Giovanna Rio
Pubblicato il 08/12/2017 Aggiornato il 17/08/2018
Manutenzione invernale al giardino

In questo periodo il freddo è intenso e il giardino è spesso ghiacciato; occorre programmare i lavori di manutenzione invernale all’aperto nelle ore centrali della giornata. Prima di iniziare ogni lavoro, procuratevi guanti, mascherine e occhiali protettivi, e indossate qualcosa di comodo, oltre che di caldo.

Ripristinare gli arredi in ferro

Nella manutenzione invernale, è importante la pulizia e la cura di sedie e tavoli in ferro battuto. Questi devono essere lavati con acqua e qualche goccia di detergente, asciugati e passati con un panno imbevuto di petrolio per evitare la formazione di ruggine. Infine asciugati con un panno pulito.
Se la ruggine è già presente in punti limitati, asportarla con carta vetrata o paglietta di ferro, meglio se a grana fine, e procedere con delicatezza e meticolosità senza che rimangano segni. Oppure preparare un impasto con una parte di succo di limone e tre parti di sale fino da applicare con uno spazzolino; lasciare riposare per circa un’ora, quindi asportare con uno straccio morbido e con un pennello. Se la ruggine è estesa su una superficie vasta, è più efficace intervenire con la spazzola di ferro od ottone (è più delicata) o con il trapano al quale fissare l’apposito disco di carta vetrata.
Dopo aver tolto la ruggine, per creare una patina contro l’ossidazione, passare una mano di petrolio o cera d’api.

 

Per quelli verniciati

Anche gli arredi in ferro verniciato necessitano della manutenzione invernale. Vanno puliti solo acqua e detersivo e asciugati bene. Se invece sono da ripitturare, togliete la vernice presente con uno sverniciatore chimico o con uno a calore. Quindi, stendete una mano di antiruggine e, alla fine, lo smalto lucido od opaco. È anche possibile applicare direttamente un’apposita vernice (in gel o spray) sulla ruggine.

 

Ripristinare gli arredi in legno

I mobili di legno (tavoli sedie), se pur di grande resistenza come il teak, tendono con il tempo a perdere lucentezza e a mutare il colore diventando grigio argento. Con la manutenzione invernale sarà possibile farli tornare come nuovi, occorre per prima cosa pulire le superfici con un detergente non aggressivo e una spazzola morbida, per eliminare le macchie superficiali senza rimuovere l’olio del legno. Quindi risciacquare, senza eccedere nell’utilizzo d’acqua, e lasciare asciugare in luogo ben ventilato, non esposto direttamente al sole. Poi stendere l’olio paglierino che renderà lucido il legno.
Terminata la pulizia e il ripristino, proteggere tutti gli arredi dagli agenti atmosferici coprendoli con teli in plastica o, se possibile, riporli al riparo, sotto una tettoia o in un altro luogo non esposto alle piogge e all’umidità.

Per pulire gli oggetti in legno particolarmente sporchi, chi è più esperto può ricorrere all’utilizzo di una levigatrice con carta vetrata sottile e, successivamente, procedere alla stesura dell’olio. In questo caso prestare attenzione a non togliere troppo spessore del legno, meglio agire con prudenza e un po’ alla volta.

Per pulire gli oggetti in legno particolarmente sporchi, chi è più esperto può ricorrere all’utilizzo di una levigatrice con carta vetrata sottile e, successivamente, procedere alla stesura dell’olio. In questo caso prestare attenzione a non togliere troppo spessore del legno, meglio agire con prudenza e un po’ alla volta.

Le attrezzature

Anche i macchinari e gli attrezzi, come cesoie, forbici e motoseghe necessitano di manutenzione invernale. Devono essere puliti dai residui di terra e fango rimasti sulla superficie utilizzando una spugna inumidita e detersivo delicato. Se sulle lame fosse rimasta della resina, si toglie con un panno imbevuto di acquaragia. Per rimuovere la ruggine, utilizzare una spazzola in ferro e ripassare poi gli oggetti con un panno imbevuto di olio lubrificante.
Controllare la stabilità e l’integrità dei manici di vanghe e badili e, nel caso siano rotti o logorati, effettuare il cambio del manico, avendo cura di scegliere un legno non troppo liscio o troppo ruvido.
Infine, i vasi vanno lavati e ripuliti da residui vegetali, poi lavati con acqua e varichina (in un litro di acqua due cucchiai), risciacquarli bene e farli asciugare; infine accatastarli.

Quando si puliscono le cesoie, ungere bene la molla. Per garantire il pieno funzionamento del taglio, si possono ravvivare le lame con la pietra cote (da ripassare su tutti gli attrezzi da taglio) che prima dell’utilizzo deve essere bagnata.

Quando si puliscono le cesoie, ungere bene la molla. Per garantire il pieno funzionamento del taglio, si possono ravvivare le lame con la pietra cote (da ripassare su tutti gli attrezzi da taglio) che prima dell’utilizzo deve essere bagnata.

Manutenzione invernale dell’impianto irrigazione

Dove vi è pericolo di gelate, scollegate il programmatore dal rubinetto e riponetelo in un luogo chiuso, avendo cura di togliere la batteria e di gettarla negli appositi contenitori per la raccolta differenziata. A inizio stagione inserire nel programmatore una nuova batteria alcalina.

 

 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!