Il centrotavola autunnale con fiori e frutta

Elisabetta Pozzetti
A cura di Elisabetta Pozzetti, Fotografo Dario Fusaro
Pubblicato il 24/10/2018 Aggiornato il 24/10/2018

Una composizione di fiori, frutta e foglie da usare come centrotavola autunnale. I toni più caldi e i rosa più intensi, abbinati a colori vitaminici come il verde acido, ci offrono nuances inaspettate e anche golose.

centrotavola-occorrente

Che cosa ci occorre
• 1/2 mattonella di spugna per fiori freschi • Acqua • 1 contenitore in vetro rotondo, Ø 15 cm • 1 coltellino • 1 graffettatrice • 2 Zantedeschia ‘Green Godde’ (calle grandi e verdi) • 8 foglie di Aspidistra elatior ‘Variegata’ • Rametti di Pittosporum tenuifolium ‘Variegatum’ • 7 Rosa ‘Blueberry’ (color fucsia) • 6 Rosa ‘Wimbledon’ (color verde) • 5 Dianthus ‘Antigua’ (variegato) • 4 Dianthus ‘Goblin’ (verde limone) • 6 Zantedeschia ‘Pink Jewel’ (calle piccole e fucsia) • 4-5 stecchini in legno per spiedini • 1 spoletta di filo di ferro verde Ø 0,4 mm • 3 fichi neri • 1 grappolo uva bianca • 1 mela ‘Granny Smith’ • Rami di Gaultheria shallon (salal)

1. Dopo aver lasciato affondare la mezza mattonella di spugna in un contenitore con acqua, tagliarla a misura, inserirla nel contenitore di vetro e sagomare tutti i bordi smussandoli verso l’alto.

1. Dopo aver lasciato affondare la mezza mattonella di spugna in un contenitore con acqua, tagliarla a misura, inserirla nel contenitore di vetro e sagomare tutti i bordi smussandoli verso l’alto.

2. Preparare i fiori: recidere gli steli delle rose con un coltellino affilato, piegare le foglie di aspidistra e pinzarne il lembo alla base dello stelo; curvare il gambo delle calle riscaldandolo bene con le mani.

2. Preparare i fiori: recidere gli steli delle rose con un coltellino affilato, piegare le foglie di aspidistra e pinzarne il lembo alla base dello stelo; curvare il gambo delle calle riscaldandolo bene con le mani.

3. Inserire alla base della spugna le due grandi calle verdi, lasciandole sporgere dal contenitore in senso orario, quindi 5 foglie di aspidistra piegate facendo in modo che formino un cerchio; le ultime 3 collocarle nella parte alta ad altezze diverse.

3. Inserire alla base della spugna le due grandi calle verdi, lasciandole sporgere dal contenitore in senso orario, quindi 5 foglie di aspidistra piegate facendo in modo che formino un cerchio; le ultime 3 collocarle nella parte alta ad altezze diverse.

4. Distribuire i rametti di Pittosporum nella spugna per formare una base stabile che faccia risaltare i fiori (se necessario si possono usare i rametti di salal, per fornire una base più scura), lasciando spazio per i fiori e i frutti.

4. Distribuire i rametti di Pittosporum nella spugna per formare una base stabile che faccia risaltare i fiori (se necessario si possono usare i rametti di salal, per fornire una base più scura), lasciando spazio per i fiori e i frutti.

5. Si inseriscono poi i fiori e i rametti di Gaultheria con una leggera inclinazione dall’esterno verso l’interno. Iniziare con le Rosa ‘Blueberry’: porre la prima quasi centrale e le rimanenti ben distribuite, seguite dai dianthus.

5. Si inseriscono poi i fiori e i rametti di Gaultheria con una leggera inclinazione dall’esterno verso l’interno. Iniziare con le Rosa ‘Blueberry’: porre la prima quasi centrale e le rimanenti ben distribuite, seguite dai dianthus.

6. Rose e garofani devono essere suddivisi in gruppetti inseriti nella spugna in modo tale che risultino macchie di colore verde e fucsia da alternare alle foglie. Infine, aggiungere le tre calle fucsia con lo stelo dritto, ben distanziate tra loro, ma alla stessa altezza degli altri fiori.

6. Rose e garofani devono essere suddivisi in gruppetti inseriti nella spugna in modo tale che risultino macchie di colore verde e fucsia da alternare alle foglie. Infine, aggiungere le tre calle fucsia con lo stelo dritto, ben distanziate tra loro, ma alla stessa altezza degli altri fiori.

7. Preparare le frutta: tagliare a metà i fichi e suddividere il grappolo d’uva in racimoli. Infilare ogni mezzo fico su uno stecchino. Legare ogni racimolo a uno stecchino arrotolandogli intorno il filo di ferro. Infilare gli stecchini nella spugna, recidendoli all’altezza necessaria per lasciare intravvedere solo la frutta tra i fiori. Ricordarsi di inserire un mezzo fico e un racimolo nella parte alta, vicino alla prima rosa.

7. Preparare le frutta: tagliare a metà i fichi e suddividere il grappolo d’uva in racimoli. Infilare ogni mezzo fico su uno stecchino. Legare ogni racimolo a uno stecchino arrotolandogli intorno il filo di ferro. Infilare gli stecchini nella spugna, recidendoli all’altezza necessaria per lasciare intravvedere solo la frutta tra i fiori. Ricordarsi di inserire un mezzo fico e un racimolo nella parte alta, vicino alla prima rosa.

Occorre lasciare la parte centrale vuota per inserire la mela verde.
Quindi, come tocco finale, aggiungere le ultime tre calle fucsia. Quest’ultima operazione aggiunge movimento e leggerezza al centrotavola.

Occorre lasciare la parte centrale vuota per inserire la mela verde. Quindi, come tocco finale, aggiungere le ultime tre calle fucsia. Quest’ultima operazione aggiunge movimento e leggerezza al centrotavola.

centrotavola-uva-mele-calle