Tre consigli per bagnare il prato

L’acqua garantisce che l'erba del nostro prato rimanga verde e forte. Perciò deve essere bagnato regolarmente, a lungo e nelle ore più fresche.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 14/08/2013 Aggiornato il 14/08/2013
irrigazione prato

1- Irrigazioni regolari

Il prato va bagnato molto, con regolarità. Nel periodo estivo quando l’acqua scarseggia, in alcune zone è vietato irrigare i giardini; a risentirne fin da subito è il cotico erboso. Anche dove i divieti non esistono ma l’acqua, per ragioni di disponibilità o costo, deve essere economizzata, si può ricorrere ad alcune scelte tecniche: senza acqua però il prato è destinato ad ingiallire. Le sementi più utilizzate per realizzare il prato sono le graminacee che, in genere, mostrano una buona capacità di ripresa appena vengono bagnate anche se le foglie sono state in buona parte seccate. Tuttavia visivamente si noterà un diradamento perché i ciuffi saranno più esili e sparuti, le foglie più sottili. Gli apparati radicali sono l’ultimo organo a morire ma, se la siccità si protrae, anche questi dovranno cedere.

2- Lentezza preziosa

Bagnare poco e spesso durante i periodi caldi e secchi è quanto di più sbagliato si possa fare. Le bagnature devono essere “efficaci”, in grado cioè di bagnare il terreno fino alle radici. Per ogni turno deve essere distribuito un centimetro d’acqua almeno, lentamente, così da bagnare il terreno con gradualità, dando modo a tutte le radici di assorbirlo. Bagnare con grosse portate d’acqua occupa meno tempo ma favorisce una più rapida infiltrazione verso gli strati profondi.

3- Solo nelle ore fresche

Irrigare in orari serali, notturni o di mattino presto riduce le perdite per evaporazione perché il terreno e il cotico non sono caldi. I getti devono descrivere parabole basse per dar luogo a minori perdite di acqua soffiata via dal vento.

Altre accortezze

Se c’è l’impianto di irrigazione, gli ugelli devono essere controllati e puliti dal calcare che può portare a ridurre la portata del getto concentrando l’acqua in una zona ristretta a discapito di altre.

Il miglioramento del terreno, con apporto di sostanza organica sotto forma di terricciati, capace di trattenere l’umidità è un lavoro importante da effettuare in autunno o in primavera.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4 / 5, basato su 1 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!