Pervinca: fiori blu per coprire i terreni incolti

La pervinca è una piantina molto apprezzata come tappezzante perché cresce sui terreni incolti e perché fiorisce con corolle blu e viola, dalla primavera all’inizio dell’autunno.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 12/09/2016 Aggiornato il 12/09/2016
Pervinca: fiori blu per coprire i terreni incolti

Il genere Vinca comprende sette specie di piante erbacee perenni e suffruticose, appartenenti alla famiglia delle Apocynaceae, originarie dei boschi di Europa e Africa settentrionale. Tutte le specie sono di dimensioni ridotte e sono particolarmente adatte come tappezzanti per ricoprire velocemente terreni poco frequentati perché le piante non sopportano il calpestio. Preferiscono terreni di difficile coltivazione, anche aridi, incolti; ma si può coltivare anche in giardino per creare una bordura bassa, da tenere ricca e folta con potature annuali a 10 cm da terra. 

Vinca major – pervinca maggiore maculata

Chiamata anche pervinca maggiore è una tappezzante sempreverde ed è coltivata per le foglie ovate, lucide, di colore verde scuro oppure variegate. Tra le variegate si segnalano: Vinca majormaculata” con foglie macchiate al centro di giallo/verde e V. m. “reticulata” con foglie con nervature di colore giallo o crema da giovani e in seguito verde scuro. I fiori sono di colore azzurro/ violaceo e sbocciano a partire dalla primavera fino all’autunno.

Vinca minor – pervinca minore dai fiori bianchi

Rispetto a Vinca major, questa specie ha il fogliame molto più folto. Vinca minorAlba” ha fiori bianchi; V. m.Alba plena” ha fiori bianchi doppi; V. m.Atropurpurea” ha fiori rossi.

Si trapianta a settembre

Fino al termine di settembre, è possibile mettere a dimora le piantine da trapianto acquistate. Per avere un effetto di pieno immediato, vi consigliamo di acquistare vasetti di grandi dimensioni, altrimenti, se avete tempo e pensate alla prossima primavera, mettete a dimora anche esemplari di piccole dimensioni (più economici) che si espanderanno velocemente e in primavera avranno modo di colonizzare tutta l’area a loro dedicata. Preparare il terreno ben diserbato (anche a mano) e zappettato e piantumate rispettando una distanza tra le piante di 10 cm. Una volta terminata la messa a dimora, stendere uno strato di corteccia d’aghifoglie come strato pacciamante in grado di rallentare la crescita delle infestanti e annaffiare abbondantemente.

Esigenze

La pianta deve essere coltivata con quanta più luce possibile, in pieno sole o in mezz’ombra (sole al mattino) sia d’estate che d’inverno. Durante il periodo estivo annaffiare con regolarità, ogni 2-3 giorni, bagnando il terreno a fondo, attendendo che il substrato asciughi completamente tra un’annaffiatura e l’altra, poi diradare sempre più le annaffiature fino ad arrivare a sospenderle durante l’inverno. Durante la stagione vegetativa aggiungere all’acqua delle annaffiature, ogni quindici giorni, concime liquido per piante fiorite.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!