Giardino di Ninfa: alla scoperta delle piante

Si trova in Lazio questo giardino lussurioso e nascosto che apre al pubblico solo pochi giorni all’anno ma che merita una visita per le piante e le fioriture meravigliose. E non solo.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 15/07/2013 Aggiornato il 15/07/2013
Giardino di Ninfa: alla scoperta delle piante

Ninfa è in Lazio, a sud di Roma, in una campagna poco conosciuta che non sembra offrire molto. Invece è un’autentica oasi, il paradiso che non ti aspetti e non credevi possibile: sarà per le rovine, che nessuno ha avuto la pretesa di riedificare, o per la mano dell’uomo così leggera da lasciare i fiori gialli delle malerbe primaverili appena fuori dal sentiero. Lauro e Stella Marchetti sono gli appassionati custodi di un simile tesoro ed è sotto la loro presenza costante che opera un gruppo di giardinieri in grado di mantenere il giardino come se ogni giorno fosse quello dell’inaugurazione.

Nato sulle rovine di una lunga storia

Il giardino, da sempre appartenente alla famiglia Caetani, è opera di tre generazioni di donne della famiglia Ada, Marguerite e Lelia che, passandosi il testimone, sono riuscite a dare un’impronta unica riuscendo a integrare perfettamente i resti storici alle masse verdi, ai colori che cambiano di stagione in stagione, allo scorrere d’acqua, alle zone d’ombra da sembrare bosco o foresta e agli ampi sprazzi di cielo. Così, quel che resta, le mura, la torre, la diga, il castello, il municipio, le chiese e molti altri edifici civili, liberati dalla vegetazione si mostrarono conservati assai meglio di quanto si sarebbe potuto immaginare.

L’acqua, anima del parco

Nel giardino di Ninfa l’acqua è una presenza costante una sorta di reticolo che mantiene vivo e unisce il giardino. L’acqua entra scorrendo in un torrente con alcuni piccoli e rapidi salti impreziosito dalle fioriture degli iris e nel fiume che rappresenta uno dei confini del giardino aperto al pubblico, vero e proprio punto focale. Attorno all’acqua pulita e trasparente crescono le enormi gunnere, la grande macchia dei bambù, le radici di un taxodium e i glicini che incorniciano uno dei ponti.

La roccaglia fiorita

In una zona del giardino aperta, vicino allo spazio dedicato ai ciliegi da fiore che animano l’inizio della primavera, si dispiega la roccaglia fiorita. A dominare sono le aquilegie e i papaveri californinani (Eschscholzia californiana), la trama disegnata dalle grigie cinerarie, i cespugli di cisto, le sgargianti gazanie e lobelie, gli iris dai colori tenui, gli instancabili centranthus che fioriranno per gran parte dell’estate, le salvie da fiore, le eleganti euforbie arbustive, i vellutati stachis.

Appena fuori: una cattedrale naturale

Il Giardino di Ninfa è come una perla all’interno di una conchiglia già preziosa: ad un passo, proprio oltre i cancelli che servono a tenere fuori i cinghiali, si apre il Parco del Pantanello, una zona umida di grande estensione. Il fiume che attraversa Ninfa si trasforma in un ampio fosso corre lungo le mura esterne diventando una selva di calle, lungo le rive e nell’acqua. La sorpresa che non ti spetti è la “cattedrale”: un viale di carpini fastigiati, ora altissimi, che già a fine aprile iniziano a chiudere la volta con il dispiegarsi delle lamine fogliari.

Organizzare la visita

Per raggiungere il giardino di Ninfa da Roma ci si dirige verso sud fino a Doganella di Ninfa (sulla via provinciale Ninfina a Cisterna di Latina, provincia di Latina). Si supera l’ingresso del Parco Naturale Pantanello e si prosegue per un altro chilometro dove c’è il parcheggio e l’ingresso del Giardino di Ninfa. Le visite sono guidate ed effettuate solo su prenotazione uno o due giorni al mese (6-7 luglio, 3-4-15 agosto, 1-7-8 settembre); non è possibile fare il pranzo al sacco nel giardino; il biglietto costa 10 euro. Info e prenotazioni: info@fondazionecaetani.org, www.fondazionecaetani.org

  • ponte-glicini-amstudio
  • roccaglia-amstudio
  • rose-amstudio
  • sambuco-amstudio
  • tillantsia-amstudio
  • torrente-amstudio
  • paulownia-amstudio
  • photynia-amstudio
  • caesalpina-amstudio
  • glicine-amstudio
  • gunnere-amstudio
  • ninfa-amstudio
  • ninfa-castello-amstudio
  • ninfa-cattedrale-amstudio

 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!