Spatifillo: da rinvasare e moltiplicare

In questo periodo dell’anno si rinvasano le piante di spatifillo che hanno il terriccio ormai esaurito (appare polveroso e leggero) oppure se le radici fuoriescono dal foro di scolo. Con l’occasione è possibile moltiplicare la pianta per divisione del cespo.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 05/05/2015 Aggiornato il 05/05/2015
Spatifillo: da rinvasare e moltiplicare

Spathiphyllum, chiamato comunemente spatifillo, è una pianta rizomatosa appartenente alla famiglia delle Araceae molto comune come pianta d’appartamento. È longeva e molto rustica, di facile coltivazione e non richiede particolari cure colturali, si adatta alle diverse situazioni di luminosità e umidità ambientale. Possiede foglie verdi, lanceolate, lunghe e lucenti, particolarmente ornamentali e un falso fiore denominato “spata”. In realtà si tratta di una brattea cioè una foglia modificata che avvolge i fiori e le infiorescenze. La spata, assume la colorazione bianca quando raggiunge la maturazione poi un colore verde pallido. Le foglie imbrunite o le spate che iniziano a sfiorire vanno eliminate dalla base. La specie più coltivata è Spathiphyllum wallisii, originaria della Colombia e Venezuela, che produce infiorescenze in grande quantità dalla primavera fino all’autunno.

Il cambio del contenitore

A maggio si rinvasano tutte le piante che presentano il terriccio ormai esaurito (che appare polveroso) e quelle piante le cui radici fuoriescono dal foro di scolo. Prima di operare, procurarsi un vaso con un diametro di almeno 3-4 cm più grande rispetto a quello precedente e del terriccio a base di torba da mescolare a corteccia sminuzzata e sabbia grossolana, in modo da renderlo leggermente acido. La pianta non ama i ristagni idrici, per questo motivo disporre sul fondo del vaso uno strato di almeno 3 cm di argilla espansa, poi inserire uno strato di terriccio, la pianta e quindi riempire la parte restante con il terriccio torbato avanzato. Premere con le mani e annaffiare bene.

Come si moltiplica lo spatifillo

Se la pianta è nello stesso vaso da alcuni anni, al momento del cambio è possibile eseguire anche la moltiplicazione.

Estrarre la pianta dal vaso e separare delicatamente la massa radicale.

1. Estrarre lo spatifillo dal vaso e separare delicatamente la massa radicale.

Eliminare il terriccio in eccesso e dividere delicatamente i rizomi dello spatifillo con un coltello pulito, disinfettato e affilato (per evitare infezioni e sfilacciatura dei tessuti).

2. Eliminare il terriccio in eccesso e dividere delicatamente i rizomi dello spatifillo con un coltello pulito, disinfettato e affilato (per evitare infezioni e sfilacciatura dei tessuti).

Ogni porzione deve essere provvista di almeno 2-3 foglie e radici dello spatifillo ben sviluppate. Le superfici tagliate vanno trattate con fungicidi ad ampio spettro a base di zolfo.

3. Ogni porzione deve essere provvista di almeno 2-3 foglie e radici dello spatifillo ben sviluppate. Le superfici tagliate vanno trattate con fungicidi ad ampio spettro a base di zolfo.

Inserire ogni singola porzione in un vaso di circa 10 cm di diametro, utilizzando lo stesso terriccio delle piante adulte dello spatifillo. Schiacciare con le mani e annaffiare bene.

4. Inserire ogni singola porzione in un vaso di circa 10 cm di diametro, utilizzando lo stesso terriccio delle piante adulte dello spatifillo. Schiacciare con le mani e annaffiare bene.

Le cure: tenere in luogo ombreggiato

Le piante rinvasate e quelle riprodotte devono essere collocate all’ombra in un luogo riparato fino a quando non inizieranno a spuntare i nuovi germogli, segnale dell’avvenuto radicamento. Durante il periodo estivo lo spatifillo può essere spostato all’aperto ma in un luogo ombreggiato e lontano dalle correnti d’aria. Le temperature ideali sono di 20-25°C. Per pulire le foglie consigliamo sempre di non utilizzare i lucidanti fogliari ma un panno morbido inumidito con acqua non calcarea (distillata oppure pioggia o acqua acidulata).

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 5 / 5, basato su 1 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!