Moltiplicare le piante di casa

La maggior parte delle piante d’appartamento può essere riprodotta per talea oppure per margotta. Dopo un paio di mesi sarà possibile avere nuove piantine autonome da mettere in vaso.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 06/07/2016 Aggiornato il 06/07/2016
Moltiplicare le piante di casa

Ficus benjamin, Philodendron scandens, Dieffenbachia amoena e Ficus elastica sono specie coltivate spesso in appartamento per la bellezza del fogliame, la facilità di coltivazione e la loro particolare rusticità. Le prime due si possono moltiplicare per talea, le altre per margotta.

Quali specie si prestano alla moltiplicazione

Ficus benjamin appartiene al genere Ficus della famiglia delle Moracee ed è una delle piante d’appartamento più coltivate in casa: in vaso può raggiungere anche 5 metri di altezza. La pianta possiede una chioma caratteristica e particolarmente ornamentale. Le foglie sono piccole, ovate, appuntite all’estremità di colore verde intenso ma in commercio è possibile acquistare anche varietà con foglie variegate color crema.

Philodendron scandens ha foglie piccole a forma di cuore con lunghi piccioli. Il fusto è ricco di radici aeree con le quali la pianta si ancora al tutore. Ha crescita molto veloce ed è opportuno cimare periodicamente la pianta per infoltirla ed evitare l’eccessivo sviluppo in altezza.

Ficus elastica, molto diffuso come pianta d’appartamento, in un vaso di adeguate dimensioni raggiunge uno grande sviluppo. Il tronco produce numerose radici pensili e le foglie sono grandi, ovate e terminano a punta e di consistenza coriacea provviste di un robusto picciolo.

Dieffenbachia amoena è la specie più conosciuta del Genere. Può raggiungere grandi altezze ed è provvista di un robusto fusto verde dal quale partono foglie grandi lungamente picciolate con una lamina fogliare anche di 60 cm, di colore verde screziate di giallo e crema.

Ficus benjamin e Philodendron scandens: per talea in acqua

Le due specie possono essere riprodotte in questo periodo dell’anno attraverso talea di fusto da fare radicare in acqua o, meglio ancora, in un contenitore per idrocoltura. I vasi da idrocoltura sono composti da due parti: l’idrovaso (o vaso da coltura) e il portavaso (o vaso esterno). Il primo è più piccolo, presenta pareti e fondo con numerosi fori e viene colmato con argilla espansa: qui si inserisce la talea prelevata dalla pianta. Poi viene inserito nel vaso esterno colmo d’acqua (meglio a temperatura ambiente). Le radici della pianta si svilupperanno tra le palline di argilla fino a fuoriuscire dai fori ed entrare in contatto con l’acqua: quando le radici avranno completamente riempito anche il portavaso, potranno essere messe a dimora in piena terra se si preferisce la coltivazione tradizionale, oppure essere travasate in un vaso da idrocoltura di dimensioni maggiori (doppie) e lasciate crescere indisturbate aggiungendo acqua quando il livello dell’indicatore scende al di sotto del minimo.

Tagliare un rametto apicale dalla pianta ficus benjamin adulta e sana

Tagliare un rametto apicale dalla pianta adulta e sana di ficus Benjamin. Utilizzare un paio di forbici ben affilate per evitare sfilacciature dei tessuti.

Togliere le foglie basali e talea ficus benjamin

Togliere le foglie basali, inserire la talea del ficus benjamin all’interno dell’apposito vaso da idrocoltura e riempirlo di argilla espansa.

Inserire il contenitore con la talea del ficus benjamin nel portavaso da idrocoltura

Inserire il contenitore con la talea del ficus benjamin nel portavaso da idrocoltura, riempito di acqua possibilmente a temperatura ambiente.

Chiudere pianta con un sacchetto di plastica trasparente

Chiudere con un sacchetto di plastica trasparente. Aggiungere acqua quando l’indicatore scende sotto 1 cm.

Dopo 6 settimane togliere il sacchetto, recuperare il vaso interno, spuntare le radici che si sono formate e riposizionare

Dopo 6 settimane togliere il sacchetto, recuperare il vaso interno, spuntare le radici del ficus benjamin che si sono formate e riposizionare.

Ficus elastica e Dieffenbachia amoena si usa la margotta

Questa tecnica si utilizza quando non è possibile recidere i fusti così facilmente come avviene per la talea, oppure se non è possibile interrarli come si fa per la propaggine, perché troppo spessi o rigidi. Con la margotta si provoca la radicazione di un ramo, lasciandolo attaccato alla pianta fino all’emissione delle nuove radici. Il collegamento con la pianta madre, garantisce il rifornimento d’acqua e di sostanze nutritive, facilitando la differenziazione, la formazione e lo sviluppo del nuovo apparato radicale. Per effettuare la margotta occorre avere a disposizione un, un paio di forbici da giardiniere, un manicotto di plastica, un po’ di sfagno e nastro adesivo.

Come procedere

taglio anulare ficus elastica

1. Individuate un ramo giovane di ficus elastica, rigido e spoglio, inciderlo con un coltellino da innesto ben affilato formando un taglio anulare profondo meno di metà dello spessore. Cospargere il taglio con polvere radicante.

Sollevare leggermente i lembi della corteccia di ficus elastica incisa e introdurre al di sotto una piccola quantità di torba e sfagno

2. Sollevare leggermente i lembi della corteccia di ficus elastica incisa e introdurre al di sotto una piccola quantità di torba e sfagno.

Avvolgere il taglio con torba o sfagno inumiditi

3. Avvolgere il taglio con torba o sfagno inumiditi, fasciare con un foglio di polietilene forgiato a sacchetto. Torba e sfagno devono restare umidi per permettere alle radici di spuntare dalla ferita, lasciare quindi un’apertura per spruzzare acqua, quando necessario.

Dopo 2-3 mesi tagliare il fusto della pianta di ficus elastica al di sotto del sacchetto e staccare la pianta.

4. Dopo 2-3 mesi, non appena saranno visibili le radichette, tagliare il fusto della pianta di ficus elastica al di sotto del sacchetto e staccare la pianta.

Invasare la nuova pianta di ficus elastica in un contenitore di 10-15 cm di diametro

5. Invasare la nuova pianta di ficus elastica in un contenitore di 10-15 cm di diametro, con terriccio universale, e mantenerla, per almeno due settimane, protetta dai raggi solari diretti. Bagnare regolarmente in modo da mantenere il terriccio fresco. Trascorso questo periodo sistemarle nel luogo definitivo.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!