Kentia: la palma facile

Una palma adatta a crescere in casa, apprezzata per le foglie nastriformi lunghe anche 70 cm. Ha bisogno di pochissime cure: un po’ d’acqua una volta alla settimana e il trasferimento all’aperto durante l’estate in penombra.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 05/11/2015 Aggiornato il 05/11/2015
kentia palma

Di facile coltivazione la Kentia è originaria dell’isola di Lord Howe situata a Sud dell’oceano Pacifico vicino all’Australia. Le specie di questa palma, il cui nome botanico è Howea, sono solamente due: Howea Forsteriana e Howea Balmoreana che appartengono alla famiglia delle Arecaceae, di cui esistono addirittura resti fossili risalenti al Cretaceo. In natura questi esemplari possono raggiungere anche i quindici metri di altezza mentre in vaso non superano i due o al massimo tre metri. Sono piante sempreverdi la cui crescita è davvero molto lenta, quindi perfettamente adatta alla coltivazione in vaso. Entrambe le specie sono simili, presentano un fusto unico e un ricco e decorativo fogliame caratterizzato da fronde composte da foglie nastriformi e appuntite sull’apice, larghe 5 cm e lunghe anche 70 cm.

Pochissime cure per la Kentia

Le Kentie sono piante di facile coltivazione che se trattate con i dovuti accorgimenti crescono belle e in salute. Non amano le esposizioni al sole diretto ma gradiscono quei luoghi in penombra che solitamente le altre piante in vaso non prediligono.
Inoltre non risentono in modo particolare durante l’inverno del clima caldo secco dell’appartamento: la pianta rimarrà in salute purché la temperatura non scenda sotto i 15°C e si garantisca un terreno sempre umido; la pianta andrà bagnata una volta alla settimana oppure ogni quindici giorni a seconda della secchezza dell’aria, e prediligerà un sottofondo di argilla espansa nel sottovaso che trattenga a lungo l’umidità.
Le Kentie patiscono le correnti d’aria: queste o la mancanza totale di un ambiente inumidito, potranno causare l’imbrunimento delle foglie.
In estate la pianta si potrà tranquillamente sistemare all’aperto se si ha un angolo in penombra e lontano dalle correnti d’aria; la temperatura ideale per la permanenza sul terrazzo o in giardino è quella compresa tra i 21 e i 24°C.

Il rinvaso della Kentia

La lenta crescita delle Kentie porta alla produzione di non più di una fronda per anno. La pianta si può rinvasare ogni due, tre anni e l’operazione va eseguita a inizio primavera. Il nuovo vaso dovrà essere leggermente più grande del precedente e colmo di un buon terriccio addizionato di torba e sabbia grossolana che renda il substrato maggiormente poroso. Durante il trasferimento della pianta si deve avere il massimo riguardo per le sue radici perché se rotte o danneggiate causeranno la fine della produzione di nuove foglie, pregiudicando salute e bellezza dell’esemplare in vaso.

pulire foglie della kentia

Le foglie della Kentia costituiscono la maggior superficie e il maggior vanto della pianta, vanno quindi tenute in ordine e pulite delicatamente dalla polvere.
Per la pulizia si può utilizzare un panno in microfibra morbido appena imbevuto d’acqua oppure direttamente il soffione della doccia nella vasca da bagno.
È assolutamente sconsigliato l’impiego dei lucida foglie e altri prodotti analoghi sul mercato.

potare kentia con attrezzo dopo averlo passato su fiamma

La Kentia non ha necessità di essere potata; basta rimuovere le foglie secche o colpite da eventuali malattie affinché non contagino il resto della pianta. Si sterilizzi quindi l’attrezzo da usare sulla fiamma e si faccia attenzione nel tagliare la parte apicale della fronda a non danneggiare in alcun modo il fusto: se compromesso infatti pregiudicherebbe la sopravvivenza della pianta.

 

Altre piante di grandi dimensioni adatte alla crescita in vaso 

Ci sono molte piante che in natura raggiungono dimensioni ragguardevoli e in vaso regalano solo un angolo di natura selvaggia.

Ficus elastica e F. benjamin
Nei paesi di provenienza tropicali e subtropicali, queste piante possono arrivare ad altezze di anche 30 metri. In regioni come la Sicilia che presentano caratteristiche simili a quelle d’origine, mantengono in ambiente naturale dimensioni ragguardevoli, mentre in appartamento in vaso le altezze massime sono di due metri, due metri e mezzo. Oltre a queste altezze i Ficus possono essere potati, e le parti asportate fatte radicare e trapiantate per la moltiplicazione.

Dracena
Detta anche tronchetto della felicità è un’altra pianta molto diffusa per la coltivazione in vaso di origine africana tropicale. Lo sviluppo ottimale è garantito dalla collocazione in ambienti molto luminosi e con un elevato tenore di umidità dell’aria; durante il periodo invernale bisogna prestare attenzione agli eccessi: sia poca luce che eventualmente troppa acqua possono far appassire e ingiallire le foglie.

Schefflera e Yucca
Altro arbusto tropicale, si può coltivare come una pianta da appartamento con esigenze simili a quelle degli esemplari sopra citati. Anche la Yucca, originaria delle Indie occidentali e dell’America, può essere messa a dimora in contenitore e mentre in natura è un possente albero di 15 metri di altezza in vaso non supera i due metri.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!