Fai da te: stampare i tessuti con fiori e foglie

Con foglie, bacche e fiori di stagione, facilmente reperibili in tutti i giardini, è possibile realizzare disegni e forme naturali e indelebili su stoffe e tessuti. Per creare sciarpe, maglie e cuscini originali e inconfondibili.
Fotografa Chiarida Sacco
A cura di Fotografa Chiarida Sacco, Alexandra Griotti
Pubblicato il 24/10/2020 Aggiornato il 24/10/2020

stampa-naturale-su-tessuto

 

Ecco un fai da te da realizzare in autunno per ottenere tessuti e stoffe originali, del tutto personali e inconfondibili. Con la tecnica chiamata Ecoprint è possibile ottenere la perfetta sagoma di foglie vere sui tessuti, in maniera indelebile. Si tratta di un metodo ecologico a impatto zero sull’ambiente che permette di tingere ogni tipo di tessuto con i colori e le forme della natura utilizzando solo materie prime vegetali: foglie, fiori, bacche e mordente (acqua con aceto, come spiegheremo meglio più avanti).

I tessuti che meglio si addicono al trattamento sono quelli di origine animale come la seta e la lana, il cotone, il lino e la canapa, meglio non nuovi ma vecchi o molto usati. Dopo il trattamento e l’asciugatura potranno essere utilizzati come sciarpe o foulard, oppure per farne abiti o federe per i cuscini o molto altro.

Quanto tempo occorre per fare tutto il lavoro? Seguendo il procedimento proposto, per ottenere un buon risultato ci vorranno circa tre ore, esclusa la raccolta o il recupero di foglie, bacche e fiori.

Raccogliere foglie, fiori e bacche

La stagione ideale per la raccolta delle foglie è l’autunno, quando sono ricche di colori e cariche di tannino e basta passeggiare in un parco per poterne trovare di tutti i tipo in grandi quantità. Si utilizzano soprattutto le foglie ricche di tannini, come quelle di quercia (Quercus),  aceri (Acer), liquidambar, rose, scotano (Cotinus coggygria), oltre alle foglie dei rovi come more e lamponi, del sommacco  (Rhus) e tante altre. Per dare colore, si possono utilizzare i fiori con i petali colorati come le rose, le viole, i ciclamini.

Sono ricchi di colore anche le bacche come quelle del sambuco o della fitolacca, i mirtilli e le fragoline e alcune radici come quelle del Galium aparine, un’erba comune detta anche attaccamani per i peli ruvidi che la ricoprono.

Che cosa ci occorre

-Un telo di tessuto di seta, bianco, lungo un metro e largo 40 cm

foglie fiori e bacche a volontà

-una pentola (dedicata esclusivamente a questo lavoro) di acciaio, alluminio o rame, di diametro almeno 30 cm

acqua, possibilmente piovana perché non contiene cloro e calcare che potrebbero compromettere un buon risultato 

-un’asse di legno da appoggiare sul tavolo da cucina o un tavolino dedicato a questo scopo

-un tronchetto di legno o un rotolo di cartone spesso (per esempio l’anima di cartone del rotolo di carta da cucina) che servirà per arrotolare il tessuto. La dimensione del tubo dipende dalla larghezza della stoffa: deve essere sempre circa la metà. In questo caso basta un rotolo di cartone di 20 cm

-un paio di guanti di lattice o gomma 

spago 

vaschette di plastica di recupero come quelle di plastica della frutta e verdura 

mordente naturale

Che cos’è il mordente e come si fa

Il mordente è una sostanza capace di fissare il colore, specialmente sulle fibre. È possibile realizzare un mordente naturale con acqua, aceto, ferro arrugginito, sole e tanta pazienza. Ecco come si fa.

Recuperare vecchi chiodi o pezzi di ferro arrugginiti e un barattolo di vetro capiente con tappo. Mettere i ferri sul fondo del barattolo, aggiungere un terzo di aceto di vino e i due terzi restanti di acqua. Chiudere il barattolo ed esporlo al sole.

Dopo due-tre settimane si formerà un liquido arancione, e aprendo il barattolo, troverete una schiuma rugginosa galleggiante dall’odore pungente.  A questo punto il mordente è pronto. Dato che il mordente macchia di nero la pelle, usare sempre dei guanti di gomma quando lo si maneggia.

Procedimento per tingere il tessuto

In una vaschetta di plastica mettere un po' di mordente diluito in acqua e immergere le foglie raccolte

1. In una vaschetta di plastica mettere un po’ di mordente diluito in acqua e immergere le foglie raccolte. Lasciatele a bagno per almeno 30 minuti in modo far loro assorbire il mordente. Poi, indossando i guanti di gomma, scolate le foglie dal mordente e ponetele in un’altra vaschetta.

Immergete il telo nell’acqua

2. Immergete il telo nell’acqua, imbibitelo bene e poi strizzatelo. Quindi distenderlo sul piano di legno, ben aperto e senza fare pieghe. Disporre sulla metà del telo le foglie che avete selezionato creando un disegno a vostro piacere; metterle con la pagina inferiore rivolta verso il basso.

Negli spazi vuoti tra una foglia e l'altra mettere qualche fiorellino

3. Negli spazi vuoti tra una foglia e l’altra mettere qualche fiorellino, in questo caso abbiamo scelto fiori di elicriso essiccati, che lasciano un bel colore giallo sul tessuto, e qualche petalo di ciclamino rosa.

Piegare la metà vuota del tessuto sopra le foglie e i fiori

4. Piegare la metà vuota del tessuto sopra le foglie e i fiori, facendo attenzione a non creare bolle d’aria o pieghe nel tessuto.

premere con le mani

5. Premere con le mani il tessuto facendo aderire bene i due lembi.

arrotolare strettamente tutta la striscia di stoffa

6. Posizionare il tubo di cartone all’inizio del tessuto e arrotolare strettamente tutta la striscia di stoffa.

Con lo spago legare il rotolo

7. Con lo spago legare il rotolo ottenuto senza stringere troppo e fissare la fine.

Mettere il rotolo nell’acqua

8. Mettere il rotolo nell’acqua portata a bollore e lasciare sul fuoco per almeno 1 ora e mezza. Passato questo tempo, spegnere il fuoco e lasciare raffreddare.

Togliere il rotolo di tessuto dalla pentola

9. Togliere il rotolo di tessuto dalla pentola, slegare il cordino e srotolare con cura il telo sul piano di lavoro.

Rimuovere le foglie, i fiori e le bacche

10. Rimuovere le foglie, i fiori e le bacche che andranno compostate nell’umido.

Sciacquare il tessuto in acqua fredda

11. Sciacquare il tessuto in acqua fredda, cambiandola più volte fino a che non rimane limpida. Poi stendere lontano dal sole. Una volta asciutto il tessuto avrà una stampa unica e naturale.

Suggerimenti di utilizzo

 Con questo metodo naturale senza l’uso di tinture chimiche si possono rinnovare vecchie t-shirt, camicie o qualsiasi altro indumento di tessuto naturale che abbia una tinta chiara, bianco o beige. Con scampoli di tessuto invece si possono realizzare cuscini, foulard, tovagliette per la tavola e borse. Per lavarlo è sufficiente un sapone neutro e acqua tiepida.

La sciarpa

La sciarpa che indossa Lulla è un esempio di stampa su lana ottenuta con foglie di quercia in mordente di ferro e foglie di eucalipto in mordente di solo aceto, che rende le foglie di eucalipto di un vivido color ruggine.

stampa eucalipti

seta tinta con fiori, foglie e radici di Galium aparine

 

Esempi di stampa su due tipi di seta differenti, una seta tinta con foglie di eucalipto e aceto,  una seta tinta con fiori, foglie e radici di gallium che lasciano dei disegni venati di un bel rosso/arancio.

stampa-naturale-su-cuscini

Ecco alcuni esempi di cuscini ricoperti con tessuti tinti con foglie diverse in mordente.

 

Info

Per ulteriori informazioni, è possibile contattare Lulla sul sito www.lullasflowers.it

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!