Curare le orchidee

Le orchidee sono tra le piante da casa più gradite perché resistenti e dai prezzi contenuti. In appartamento arredano con stile grazie all’ingombro non eccessivo e alla lunga durata della fioritura. Sono anche facili da curare: basta tanta luce e umidità elevata.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 09/12/2014 Aggiornato il 09/12/2014
orchidea Phalaenopsis rosa

Le orchidee sono il genere di piante da casa più venduto in Europa, in particolare le Phalaenopsis durante l’inverno, quando raggiungono l’apice di vendita grazie alla sontuosa fioritura. La spiegazione è semplice: hanno sostituito la scatola di cioccolatini o la bottiglia di spumante come presente da portare in occasione di una cena, di una ricorrenza e spesso sono usate come regalo natalizio. Si tratta di un dono sempre gradito perché le piante proposte oggi, più di un tempo, sono resistenti e hanno prezzi contenuti. In casa arredano con stile grazie all’ingombro non eccessivo e alla lunga durata della fioritura. Insieme agli auguri ricordatevi sempre di consigliare “tanta luce, umidità elevata, manutenzione del substrato”: tre parole chiave per assicurarsi un risultato da premio. Vediamo come curare il genere Phalaenopsis, le più conosciute.

Temperature ideali per le orchidee

Le orchidee da casa necessitano di temperature comprese tra i 18 e i 22°C, che corrispondono nella maggior parte dei casi a quelle presenti nelle nostre abitazioni. Già a 15°C le orchidee, in particolare le Phalaenopsis, iniziano a soffrire; sospendono la crescita, non danno vita a nuovi steli fiorali perché la differenziazione cellulare in tal senso è bloccata, perdono nel giro di una settimana i primi fiori e non dischiudono quelli in bocciolo. Non sottovalutate il caldo eccessivo dell’estate perché a temperature di 30°C, oggi piuttosto comuni in tutto il territorio nazionale per oltre un mese, le orchidee iniziano a soffrire. Come per il troppo freddo, entrano in stasi vegetativa, e, se non bagnate e nebulizzate a dovere, avvizziscono e si disidratano. Quando la perdita di umidità dei tessuti è piuttosto spinta le foglie, una alla volta, partendo dalle più vecchie, si afflosciano, diventano rugose e ingialliscono, fino a staccarsi.

Meglio in vaso trasparente

Altra caratteristica delle orchidee è la commercializzazione in vasi di plastica trasparente che, per mancanza di informazioni, alcuni vorrebbero cambiare con uno colorato. Il contenitore trasparente mantiene sane le radici che notiamo essere verdi, quindi con clorofilla, carnose, appiattite, e ricoperte da una sorta di manicotto biancastro detto velamen. È il velamen, questa fascia spugnosa deputato ad assorbire acqua, non solo dalle bagnature, ma anche dall’umidità atmosferica. Le foglie, carnose, piacevoli al tatto per la loro consistenza e per la superficie cerosa, sono elastiche e resistenti, in genere di forma oblunga e spatolata. Il fusto è corto e porta le foglie in modo opposto, molto ravvicinate fra loro, quasi sovrapposte così che se le piante sono colpite da cocciniglia è difficile eliminarla perché è qui che si insedia. Dal fusto si originano i fusti fioriferi che possono portare uno o più racemi floreali. I fusti possono disseccare o meno quando la pianta sfiorisce. Recidete i fusti che seccano e lasciate in vita quelli che restano verdi: su questi si formeranno i nuovi fiori. In natura le Phalaenopsis sviluppano racemi orientati verso la luce che assumeranno un aspetto arcuato e decombente sotto il peso dei grandi fiori. Quelle acquistate hanno fusti fioriferi verticali perché allevati in questa direzione.

Le varietà di orchidee

Sono poche le Phalaenopsis vendute con il nome della varietà: nella commercializzazione comune sono solo differenziate dal colore. Fanno eccezione le Golden emperor di colore verde-giallo e Taiwan glory, macchiata di bianco e viola cupo.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 5 / 5, basato su 1 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!