Bulbi fioriti a Natale, con la forzatura di ottobre

Per avere narcisi e giacinti fioriti a Natale, adesso bisogna sottoporre i bulbi alla tecnica della forzatura. Mantenendoli in frigorifero per circa due mesi, appena li tireremo fuori potranno fiorire.
Anna Zorloni
A cura di Anna Zorloni
Pubblicato il 15/10/2021 Aggiornato il 15/10/2021
forzatura bulbi

Chi sogna di decorare la casa con le piante fiorite anche in pieno inverno, magari proprio a Natale, deve attivarsi adesso. Esiste infatti la possibilità di ottenere una fioritura anticipata con la pratica della “forzatura”, frequentemente applicata anche nei vivai; richiede almeno 3 mesi e deve essere messa in atto tra metà settembre e metà ottobre. Le piante che più si prestano alla forzatura sono le bulbose che normalmente fiorirebbero a inizio primavera, ovvero giacinti, narcisi, muscari, crochi e tulipani. Per procedere è indispensabile avere a disposizione dei bulbi di buona qualità, che siano sani e robusti, privi di imperfezioni, compatti e con la puntina verde, ovvero con il germoglio appena visibile. Inoltre, servono i contenitori adeguati, adatti ad accogliere un solo bulbo.

Il contenitore giusto

Per la coltivazione forzata delle blbose, in genere si ricorre a un vaso di terracotta del diametro di 10 -12 cm, quindi poco maggiore rispetto al diametro del bulbo stesso. Sul fondo si mette uno strato di argilla espansa (2 cm), per garantire il giusto drenaggio, seguito da uno strato di terriccio composto da terriccio universale, torba e sabbia, in parti uguali, sul quale verrà appoggiato il bulbo, ricoperto dal terriccio in modo tale che la sua punta rimanga appena al di fuori della superficie.

forzatura bulbi acqua

In alternativa si possono utilizzare “caraffe” di vetro dalla forma caratteristica, cioè con l’imboccatura larga, il collo stretto e la base allargata: questa forma permette di poter appoggiare il bulbo sospeso nella parte del collo della caraffa, con lo spazio sufficiente per far sviluppare le radici nella parte più bassa del vaso dove verrà messa l’acqua.

forzatura bulbi ghiaia

Oppure possono essere utilizzate semplici ciotole o contenitori in vetro, di dimensioni consone a contenere il bulbo, riempite non con terriccio ma con sfere di argilla espansa o ghiaino leggero, con cui ricoprire il bulbo e da mantenere sempre umidi.

La forzatura: di che cosa di tratta

La “forzatura” è una tecnica che consiste nel sottoporre il bulbo a una successione di fasi,  caratterizzate da temperatura e luce diverse, combinate in maniera sapiente. In questo modo si potrà indurre lo sviluppo anticipato della pianta fino alla fioritura. Le fasi che costituiscono la forzatura sono fondamentalmente tre:

forzatura bulbi vaso con terra

Fase 1.

I vasi dovranno essere mantenuti per circa 2 mesi (40-60 giorni in base alla specie) in un luogo fresco, asciutto e ombreggiato, per esempio in un locale non riscaldato della casa, come la cantina, dove la temperatura sia compresa tra un minimo di 4-5°C (non al gelo!) e un massimo di 10 °C circa. Va bene anche il balcone di casa, ma in posizione ombreggiata, ricoprendoli con foglie secche o paglia, in modo tale da mantenere la giusta umidità.

Fase 2.

Passata la prima fase, si potrà notare che il bulbo avrà emesso le prime radichette e ingrossato il germoglio apicale. A questo punto lo si dovrà spostare in un luogo più caldo (15-18°C), ma sempre al buio, per far sì che il germoglio si allunghi più velocemente. Per garantire il buio si può ricoprire il bulbo con un cono di cartoncino. Nel giro di pochi giorni, il germoglio si allungherà fino a formare il bocciolo: il tempo necessario è variabile, i narcisi sono quelli più veloci e richiedono pochi giorni, mentre i giacinti anche un paio di settimane. Durante tutto questo periodo, il terriccio deve essere mantenuto leggermente umido, intervenendo, se necessario, con piccoli apporti idrici.

Fase 3.

A questo punto, il bulbo può essere esposto alla luce di casa, dove completerà lo sviluppo del bocciolo fino alla fioritura. Per poter prolungare la durata della fioritura, è bene mantenere il vaso a una temperatura ottimale di circa 18 °C, lontano dai termosifoni e dalla luce del sole che filtra attraverso i vetri delle finestre (che ne danneggerebbe i tessuti fogliari delicati), altrimenti la fioritura durerà pochi giorni. 

Attenzione!

Si tenga presente che i bulbi forzati, una volta sfioriti, non potranno essere forzati una seconda volta: potranno, però, essere interrati in un angolo del giardino dove riprenderanno il loro ciclo naturale quindi fioriranno in primavera. 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!