Annaffiare le piante d’appartamento in modo corretto

A fine primavera-inizio estate le piante d’appartamento attraversano un periodo di grande rigoglio vegetativo. Avendo a disposizione poco terreno nel vaso, devono essere annaffiate molto, oltre che in modo corretto e costante, con quantità d'acqua diverse a seconda della specie.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 30/05/2013 Aggiornato il 30/05/2013
Annaffiare le piante d’appartamento in modo corretto

Qualità e quantità

  • Per tutte le piante è necessario utilizzare acqua di buona qualità, possibilmente piovana, oppure acqua di rubinetto lasciata riposare per almeno 24 ore nell’annaffiatoio.
  • Bisogna bagnare in abbondanza il terreno, fino alla fuoriuscita dell’acqua dai fori di scolo, nel sottovaso.
  • Se il terreno sembra impermeabile e non lascia filtrare bene l’acqua, riempire direttamente il sottovaso. Eliminare eventuali residui dopo un paio d’ore, per evitare ristagni idrici.
  • Indipendentemente dalla specie, annaffiare le piante quando il terriccio incomincia a seccarsi al tatto e a staccarsi dalle pareti del vaso: la superficie del terriccio deve essere sempre umida, mai asciutta.
  • Alcune specie come per esempio il papiro, la calla e l’ortensia richiedono grandi quantità di acqua.
  • Tutte le cactacee, invece, hanno la necessità, durante il periodo estivo, di acqua in piccole dosi. È necessario aspettare che il terreno sia del tutto asciutto prima di irrigare nuovamente.
  • L’acqua deve filtrare correttamente dai buchi di drenaggio collocati sul fondo del vaso. In caso contrario si rischiano accumuli idrici e successive marcescenze.

Anche per immersione

Se la chioma è molto ampia, con fiori e foglie delicate, e non c’è lo spazio sufficiente per annaffiare dall’alto, procedere all’annaffiatura per immersione. Utilizzare un recipiente di grandi dimensioni, inserirvi il vaso e riempire d’acqua fino a un paio di centimetri dal bordo del recipiente. Lasciare il vaso in immersione per alcune ore, fino a quando il terreno abbia assorbito l’acqua sufficiente ad inumidirlo tutto, infine lasciare scolare il vaso prima di riporlo a posto.

Il momento giusto

Le piante vanno annaffiate preferibilmente al mattino o alla sera per evitare sbalzi termici ed evaporazioni troppe intense. Se la pianta riceve i raggi solari diretti, meglio intervenire all’imbrunire, per evitare l’effetto lente che potrebbe “bruciare” le foglie. Se il clima è molto caldo, vaporizzare la chioma delle piante, soprattutto se vengono spostate all’aperto, con un nebulizzatore riempito con acqua, meglio demineralizzata per evitare di macchiare il fogliame.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!