Senecio angulatus, il rampicante fiorito a novembre

Senecio angulatus ha lunghi fusti che raggiungono facilmente i 150-200 cm e foglie simili a quelle dell’edera ma meno rigide, di colore verde chiaro lucido e succulente. Da novembre alla fine di gennaio la pianta si riempie di fiori di colore giallo dorato a forma stellata, profumati di miele e raggruppati in infiorescenze a capolino.
Giovanna Rio
A cura di Giovanna Rio
Pubblicato il 21/11/2020 Aggiornato il 21/11/2020
Senecio angulatus, il rampicante fiorito a novembre

Senecio angulatus , chiamato anche senecio rampicante, è un arbusto sempreverde  dal portamento rampicante che può essere coltivato in vaso o in piena terra.  Originario del Sud Africa, appartiene alla grande famiglia delle Asteraceae ed è una delle circa 1500 specie del genere Senecio.

S. angulatus è una pianta estremamente resistente, che si adatta a qualsiasi esposizione ma, per ottenere abbondanti fioriture autunno-invernali, predilige il pieno sole.  I fiori sono riuniti in infiorescenze a capolino e sono gialli con 5 petali, profumati e abbondanti. La pianta è indicata nei giardini lungo le coste, perché è molto resistente alla salinità, ma si adatta ovunque e può ricoprire recinzioni, angoli da nascondere, muretti divisori. È possibile coltivare Senecio angulatus anche in terrazzo o sul balcone, per rinnovare una parete e garantire fiori anche in autunno inoltrato. In vasi di medie, grandi dimensioni, la pianta si innalza senza allargarsi, e si riproduce facilmente per talea. Per farlo crescere a ridosso di un muro occorre però posizionare un grigliato a cui fissarla; la pianta, infatti, non ha radici aeree che si attaccano come l’edera.

Senecio angulatus in vaso deve essere annaffiato regolarmente, in piena terra solo alla messa a dimora e fino a completo attecchimento.  Coltivare su di un substrato sciolto, leggero, anche calcareo, molto ben drenato. 

Acquisto e travaso

In questo periodo dell’anno è possibile acquistare le piante allevate in vaso. Una volta deciso dove posizionare la pianta, si consiglia di travasarla in un vaso di medie-grosse dimensioni dove potrà allargare il suo importante apparato radicale e così crescere e svilupparsi vigorosamente.

Le piante si trapiantano interrando nel nuovo contenitore la zolla fuoruscita dal vaso di acquisto senza frantumarla. È sempre preferibile eseguire la messa a dimora durante una giornata non soleggiata e con previsioni metereologiche piovose. 

La pianta deve essere posta nella buca rispettando l’altezza del colletto (zona di confine tra apparato radicale e fusto) che deve essere a livello del terreno (non più in alto e non più in basso).

Chiudere la buca con il terriccio di scavo, pressarlo bene intorno alle radici per eliminare eventuali sacche di aria. Lasciare intorno al fusto alla base della pianta una piccola depressione (bacino di contenimento) per fare in modo all’acqua delle annaffiature di non ruscellare via. Annaffiare abbondantemente. Una volta interrata la pianta non deve essere più spostata soprattutto se passa qualche mese.

Senecio angulatus è di rapido accrescimento e per questo motivo deve essere controllato quando si espande troppo, tende infatti a essere invadente soffocando la flora circostante. A questo proposito occorre potare la pianta dopo la fioritura per mantenerla in sagoma, anche per evitare che produca pappi che trasportano i semi nell’aria.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!