Protezioni invernali per vasi sul balcone

Quando il freddo si fa pungente, le piante in vaso più sensibili alle temperature rigide vanno sistemate nelle zone protette del terrazzo e riparate con sistemi predisposti appositamente per loro. Queste strutture si possono realizzare facilmente con pochi soldi.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 12/01/2014 Aggiornato il 12/01/2014
ramo pianta innevato

Preparare la struttura per la serra verticale

Si tratta di realizzare una piccola struttura in metallo da fissare al muro del balcone che poi deve essere ricoperta da teli di plastica o di policarbonato rigido trasparente oppure ancora da vetri. La serretta che vi proponiamo di costruire è divisa in scaffali sui quali posizionare i vasi e richiede un’accurata manutenzione per garantire le migliori condizioni alle piante ricoverate. Ogni giorno, nelle ore centrali, la “serra” domestica dovrà essere aperta e aerata affinché circoli l’aria e non si creino delle muffe dannose, soprattutto se il telo protettivo è in plastica. Anzi, in questo caso, il telo andrebbe forato in alcuni punti. Se comunque si venisse a creare un velo di muffa sulla terra di uno qualsiasi dei vasi, bisognerà lasciare l’esemplare scoperto per almeno una giornata.

Fissati al muro i binari, avendo cura di distanziarli in modo che i portavasi non si sovrappongano, si dispongono le piante che necessitano di un riparo maggiore

1. Individuato il muro più riparato a ridosso dell’abitazione, ci si procura tasselli, trapano e un numero di binari sufficiente a reggere dei portavasi. Fissati al muro i binari, avendo cura di distanziarli in modo che i portavasi non si sovrappongano, si dispongono le piante che necessitano di un riparo maggiore.

Si tira quindi un telo di nylon trasparente fissandolo al binario alto e fermandolo nella parte bassa con pietre sufficientemente pesanti da impedire che si sollevi in caso di vento

2. Si tira quindi un telo di nylon trasparente fissandolo al binario alto e fermandolo nella parte bassa con pietre sufficientemente pesanti da impedire che si sollevi in caso di vento, ma che al tempo stesso garantisca una certa morbidezza in modo che l’aria possa circolare al suo interno.

 

Teli e stuoie

Per le piante più resistenti al freddo o più voluminose che non possano essere inserite nella serra, l’ideale è creare dei ripari da sistemare o togliere con facilità: in tal modo si potranno aprire nelle giornate migliori e chiudere quando il clima dovesse essere eccessivamente rigido. Le protezioni possono essere realizzate con teli di tessuto non tessuto, nylon forati, oppure stuoie, l’importante è che non privino i vasi della luce oltre che dell’aria.

Si circoscrive il diametro del vaso in un telaio da realizzarsi con regoli di legno

1. Si circoscrive il diametro del vaso in un telaio da realizzarsi con regoli di legno. Una volta costruito il primo telaio se ne deve realizzare un altro uguale.

Si posizionano quindi i due telai ad una distanza pari all’altezza della pianta che vogliamo proteggere

2. Si posizionano quindi i due telai ad una distanza pari all’altezza della pianta che vogliamo proteggere, e si fissa intorno ad essi una stuoia di canne: la stuoia può essere fissata con del filo di ferro, o delle graffette metalliche.

Si inserisce la protezione intorno al vaso per proteggerlo dalle intemperie e dal freddo

3. Si inserisce la protezione intorno al vaso per proteggerlo dalle intemperie e dal freddo. Durante la notte, o nei giorni più freddi, la struttura può anche essere coperta con un telo appoggiato morbidamente che lasci comunque circolare l’aria al suo interno così da scongiurare la creazione di muffa.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!