Ortensie: i vivai dove comprarle e le cure di stagione

Le ortensie, genere Hydrangea, sono piante dalle fioriture generose, molto ornamentali e di grande impatto se ben distribuite nei nostri giardini. Le specie da coltivare sono più di ottanta e ognuna annovera numerose varietà. Si possono acquistare in tutti i garden center, ma se volete qualcosa di speciale, dovete rivolgervi ai vivai specializzati. Ecco dove.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 24/04/2014 Aggiornato il 24/04/2014
Ortensie: i vivai dove comprarle e le cure di stagione

La messa a dimora delle ortensie

L’ortensia è una pianta longeva, dalle radici robuste, che deve essere messa a dimora in uno spazio adeguato: dobbiamo valutare che abbia un’area libera spaziosa per svilupparsi in modo appropriato. Per interrarla si deve praticare uno scasso che abbia dimensioni minime di 50 cm x 50 x 50 fino ad arrivare, se possibile, a una buca di 80 cm x 80 x 80. Dal momento che con il tempo il terreno si compatterà abbassandosi, è consigliabile mettere a dimora la pianta lasciando il colletto a un’altezza di 4 cm dal livello del suolo: in tal modo l’ortensia non sprofonderà dopo le prime bagnature.

Il terreno acido

L’ortensia è una pianta acidofila, per cui il substrato non deve essere argilloso. Se lo fosse la terra rimossa andrà scartata e sostituita con un terreno per acidofile arricchito con abbondante cornunghia. Durante le annaffiature l’acqua andrà acidulata altrimenti con il progredire delle irrigazioni il terreno diventerà eccessivamente basico. L’apparato radicale dovrebbe sempre essere ricoperto con una pacciamatura acidogena composta da corteccia o aghi di pino. Gli aghi sono preferibili dal momento che grazie alla loro struttura creano una barriera protettiva più continuativa.

Quali acquistare?

La specie più comune: Macrophylla
H. macrophylla è la specie più diffusa, quella che meglio resiste al sole purché le bagnature siano continuative ed abbondanti. Le piante crescono con un andamento cespuglioso fino a raggiungere anche altezze di tre metri di diametro e due di altezza, fanno sfoggio di grandi foglie verde scuro e copiose infiorescenze dai colori violacei.

Le altre
Sempre nei luoghi assolati sono adatte le specie provenienti dall’Oriente H. serrata e H. paniculata dalle infiorescenze di forma allungata a piramide, il profumo intenso e i lunghi steli che le fanno ondeggiare.

H. quercifolia va preferita per la creazione di siepi: lo sviluppo verticale crea pareti enfatizzate da foglie vellutate tendenti al rosso nella pagina inferiore e dai fiori riuniti in pannocchie bianchi alla nascita e successivamente rosati e rossi.

Chi desidera un’ortensia insolita e ha uno spazio semi ombreggiato, rivolto a nord, può scegliere H. petiolaris, un’ortensia rampicante che raggiunge anche gli 8 – 10 m di altezza e regala fioriture bianco crema.

Dove comprarle? Ecco i migliori vivai

Al nord

Vivaio Anna Peyron
Già 15 anni fa il noto vivaio di Castagneto Po (To) ha dedicato uno spazio a un “ortensieto” che i visitatori possono ammirare quando sbocciano i fiori da fine maggio. L’attenzione qui è rivolta soprattutto al recupero di antiche varietà (e in alcuni casi di specie) che rischiano di scomparire o che hanno caratteristiche originali e uniche, ci spiega Saskia Peyron, figlia di Anna. Come Hydrangea hirta, originaria del Giappone, con fogliame leggero e cuoriforme e fiori di tonalità che vanno dal crema al bianco-rosato. Tel. 011 912982 – www.vivaioannapeyron.com

Vivai pozzo
Sulle colline che circondano il lago di Viverone a Cavaglià (Bl) da più di trent’anni questo vivaio è specializzato nella coltura delle ortensie che in questa zona trovano un habitat perfetto per il terreno acido e l’abbondanza di precipitazioni. Oggi la collezione conta quasi 200 tipi di Hydrangea, tra H. arborescens, aspera, macrophylla, paniculata, quercifolia e altre. Scegliendo tra i mille colori e forme, si possono trovare raffinate varietà come “Annabelle” o “Anomala” Petiolaris. Tel. 0161 96409 – www.vivaipozzo.it

Al centro

Vivaio Cipriani piante
A Velletri (Roma) sono specializzati in Hydrangea che si adattano bene a questi climi, con una buona scelta tra H. paniculata, quercifolia e ortensie francesi. Hanno selezionato in particolare piante rustiche e vigorose, a crescita rapida, più adatte per esterni e giardini. Tra le tante, H. quercifolia che può vantare diverse cultivar, ha foglie particolari e si può utilizzare anche come fiori recisi. Nei quattro ettari e mezzo dei vivai si producono anche altre piante. Tel. 06 9648251 – ciprianipiante.ss@alice.it

Vivaio giardino Tara
Attentissimo a tutte le novità, questo vivaio di Bolsena (Vt) è il paradiso per chi cerca varietà particolari, novità e ortensie premiate ai concorsi internazionali. In più raccoglie ibridi moderni particolari insieme a Hydrangee antiche da collezione. Da non perdere H. macrophylla “Elegance“ (in foto) con ricchissima fioritura che si ripete nella stagione. Molto particolari anche le ortensie “Zorro”, “Zulu” e “Choco” in cui i fiori colorati spuntano su fusti neri e la serie “Magical” che muta colore nella fioritura. Tel. 0761 799278 – http://ortensiahydrangea.it

Vivaio Borgioli Taddei
Il punto di riferimento più importante per le ortensie è sicuramente il Vivaio Borgioli Taddei (il cui nome precedente era Vivaio Paoli Borgioli) a Firenze. Nel catalogo sterminato di questo vivaio non manca certo la varietà, spaziando tra ortensie antiche e da collezione di tutti i tipi e di tutti i colori. Tantissime le ortensie provenienti da quella che si ritiene sia la “culla” originaria dell’Hydrangea macrophylla, ossia la penisola di Izu, in Giappone, dove diverse cultivar di questa specie, che qui è spontanea, si sono differenziate sviluppando caratteristiche uniche. Si tratta di ortensie facili da coltivare e bellissime, di grande vigore vegetativo (nel loro ambiente naturale raggiungono i 2,5 metri di altezza) e con foglie lucide e coriacee. Le infiorescenze lacecap hanno piccoli fiori centrali circondati da una corona di fiori vistosi. In vivaio si possono trovare diverse cultivar appartenenti a questo gruppo di ortensie, tra cui H. macrophylla “Izu no Odoriko” (“Danzatrice di Izu”) tanto bella quanto di facile manutenzione, con fioriture persistenti. Chi è alla ricerca di particolarità non vorrà perdere H. macrophylla “Ripple”, con una fioritura sferica spettacolare per dimensioni, densità di fiori sterili e colore dei sepali, che sono bianchi orlati di rosso. Tel. 055 715885 – www.pbortensie.com

Al sud

Vivaio La Ginestra
Oltre alle piante mediterranee e ai gerani, il vivaio di Piano di Sorrento (Na) dedica un’ampia parte della produzione alle ortensie. Tra queste H. macrophylla “Otaksa”, una delle prime a giungere in Europa nel diciottesimo secolo, che ornava gli agrumeti sorrentini ed è la progenitrice di tutti gli ibridi successivi. Da segnalare anche H. macrophylla “Alberta” e le quercifolia in particolare la varietà Harmony e la Snow Flake. Tel. 081 8083187 – www.vivaiolaginestra.com

All’estero

Tra i Paesi celebri per la produzione di ortensie, la Francia vanta una tradizione secolare. Tra le grandi aziende di produzione, si segnalano i vivai Minier a Beaufort-en-Vallée, fondati nel 1838. Una delle realtà produttive più importanti d’Europa che alle ortensie ha dedicato ampio spazio e una collezione curata, al punto da riservare la definizione di “ortensia” solo alle H. macrophylla. Sul sito, anche in italiano, www.pepinieres-minier.fr si possono raccogliere informazioni utili e selezionare il rivenditore autorizzato più vicino.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 3 / 5, basato su 1 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!