Le piante per rinnovare il balcone autunnale

Fine settembre-inizio ottobre è il momento giusto per rinnovare le piante in vaso sul balcone o il terrazzo scegliendo esemplari perenni che ogni anno garantiscano colore e vivacità fino all'arrivo del freddo.
Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini
Pubblicato il 15/09/2021 Aggiornato il 15/09/2021
colore in autunno sul balcone

Le piante a fioritura estiva sono ancora vive, ma hanno stanno perdendo vigore e colore. Settembre può essere il momento giusto per iniziare a rinnovare il verde sul balcone o sul terrazzo introducendo piante in grado di dare nuova verve fino all’arrivo del freddo, quando si deciderà se approntare un allestimento invernale oppure lasciarlo vuoto.

Il suggerimento è quello di utilizzare alcune piante perenni a fioritura autunnale, piante a foglia colorata e arbusti, tutti capaci di arrivare rigogliosi fino alla fine del mese di ottobre, ma che potranno durare più anni se coltivate in un contenitore capiente, oppure trasferite in piena terra in giardino. Nulla sarà da buttare.

Tra le piante fiorite suggeriamo 

Aster

L’ideale è acquistare astri a inizio fioritura e non già nel pieno splendore, preferendo piante di buon vigore, con vegetazione folta, ricche di boccioli. Una volta a casa, si mettono a dimora così:  sfilare la zolla dal vaso: se è già piena di radici bisogna procedere al cambio di contenitore per dare maggiore spazio alla pianta. Servirà sia per farla crescere sia perché la zolla non si asciughi troppo in fretta e la pianta soffra la sete. Una volta la settimana bagnare per immersione ponendo il vaso dentro a un secchio finché non smette di rilasciare acqua, fare sgrondare l’eccesso inclinandolo, e risistemarlo nel sottovaso. Preferire astri che non creino masse fiorite compatte. Per esempio Aster ‘Bleu Ligule’, a portamento eretto, con corolle fra il blu e il lavanda dai petali sottili e distanziati: leggeri ed eleganti.Aster Bleu Ligule

Anemoni giapponesi

Gli anemoni giapponesi saranno con buona probabilità i primi a fiorire e faranno da raccordo fra le fioriture classiche estive (gerani, surfinie, dipladenie, tagete, bidens, verbene) e quelle autunnali. Scegliere piante dense, dalla vegetazione forte e ben colorata, cariche di boccioli e solo ad inizio fioritura. Le varietà oggi disponibili sono davvero tante e a guidarvi nella scelta, oltre al colore, dovrà essere la loro collocazione sul balcone. Quelle più vigorose, alte 70 cm o più, vanno poste a terra e in gradi vasi perché col tempo svilupperanno un imponente massa. ‘Ruffled Swan’ appartiene alla fortunata serie originatasi da ibridazioni spontanee e poi selezionata. Pianta non rizomatosa raggiunge i 70 cm di altezza, resta compatto, e preferisce un’ombra parziale al sole pieno.Anemone Ruffled Swan

Viole

Dalla fine del mese, o quando inizieranno ad essere disponibili, procurarsi le viole per il balcone e i davanzali. Non bisogna esporle al sole diretto che è ancora troppo caldo in questa parte dell’anno. Sono da bagnare con regolarità ripulendo le piante dai fiori sciupati. Adesso scegliere violette a fiore medio grande come gli ibridi di wittrockiana per fare più scena, dai colori mixati e sgargianti. Decisamente d’impatto per l’accostamento e il contrasto di colori ‘Violet & Yellow’ di PanAmericanSeeds, più discreta ‘Raspberry Swirl’ di Benary capace di un veloce risveglio primaverile. Chi abita in zone con un clima invernale non troppo rigido potrà, più avanti, scegliere ibridi di viola cornuta capaci di fiorire con temperature più rigide delle altre viole in commercio.Viola Raspeberry swirl

Per chi vuole piante dalle foglie colorate 

Heucherella

Si tratta di un ibrido tra Heuchera e Tiarella ottenuto per la prima volta nel 1912. ‘Sweet Tea’, alta fino a 30 cm e con un diametro anche maggiore, è una varietà vigorosa, capace di un rapido accrescimento, che resta in vegetazione tutto l’anno conservando le foglie anche durante l’inverno grazie alla sua ascendenza data da H. villosa. Rustica e resistente preferisce terriccio fresco, ben drenato, ricco e organico. Le foglie palmate in forma di stella mescolano rosa, rosso, marrone e arancione in percentuale variabile e imprevista che a primavera hanno colore più deciso e uniforme, vicino al cannella. A questo punto della stagione se ancora presenti è bene recidere gli scapi fiorali secchi e ripulire i cespi dalla vegetazione secca accumulatisi alla base.Heucherella sweet tea

Senecio

Le foglie grigie, in particolare grigio argentate, spesse e tomentose sono una caratteristica che accomuna alcune specie di senecio, di stachys e di eremophila. In particolare, si consideri Senecium candicans ‘Angel Wings’ dalle foglie grandi, arrivano a essere poco meno di una mano, di forma ovale con bordo dentato, colore chiaro, setose e piacevoli al tatto per via dell’elevata tomentosità che forma un feltro biancastro. Specie semi rustica è in grado di sopportare temperature fino a –10° C se il substrato è mantenuto asciutto. Richiedono terreni con un drenaggio molto efficiente, componente sabbiosa e mai troppo fertili. Cresce bene sia al sole sia a mezz’ombra e dal secondo anno di vita, quando ha sviluppato un buon apparato radicale, mostra una maggiore resistenza al secco. Perfetto anche sul mare perché tollera il salmastro.senecium angel wings

Euforbia

Proviene dall’Australia l’euforbia ibrida Heuforbia x martinii ‘Ascot Rainbow’ che tanti premi ha vinto negli Stati Uniti. A renderla speciale è il colore del fogliame in costante divenire dalla primavera. A inizio stagione si presenta fra il verde e il grigio con evidente bordo giallo, per diventare quando in autunno le temperature scendono rosso acceso quasi fosse una vampata di fuoco. Pianta rustica, di facile coltivazione, con fogliame persistente, raggiunge altezza diametro paragonabili, circa 50 cm, con fusti ordinati e raccolti. La fioritura, interessante per la mescolanza di verde, giallo e crema, che avviene di norma nel mese di maggio, anche se in condizioni favorevoli anticipa, in autunno non è più evidente. Si coltiva sia al sole sia a mezz’ombra, sempre in terreno ben drenato.euphorbia

Arbusti a splendore autunnale

Ortensia

Hydrangea quercifolia ‘Tennessee’ è una delle ortensie con il viraggio di colore autunnale più intenso. Le foglie, grandi e lobate, da verde scuro diventano aranciate e poi rosso scure tanto da poter essere scambiate a tutta prima davvero con quelle di una quercia americana, famosa per il foliage. Arbusto vigoroso, in piena terra raggiunge i due metri di altezza, in vaso, sempre e grande e profondo, è in grado con la sua presenza importante di caratterizzare un balcone in gran parte dell’anno. Vegeta tardi, ma poi assume un aspetto ricco e foglioso, da luglio si riempie di grandi infiorescenze bianche dalla forma non sempre regolare che con l’avanzare della stagione sfumano al verde pallido, per accendersi poi dei colori autunnali. Sopporta il sole meglio delle altre ortensie, desidera terreno sempre umido ma ben drenato, si pota per contenerla al termine della fioritura.Hydrangea quercifolia Tennesse

Hebe

Il nuovo ibrido ‘Frozen Flame’ in estate può essere confuso con le altre hebe da fiore, dal fogliame sempreverde verde chiaro e dai fiori blu che siamo soliti incontrare nei garden fiorifere ed allegre. Con l’abbassarsi delle temperature però, le foglie di questa varietà da verdi con bordo bianco virano al rosso porpora tanto che è difficile a tutta prima riconoscere la pianta. Pianta recente, è caratterizzata da un habitus compatto e da un portamento ordinato e maggiormente sviluppato verso l’alto che la rendono particolarmente adatta alla coltivazione in vaso. Sia coltiva sia in pieno sole, sia a mezz’ombra e dopo la fioritura che avviene nei mesi di maggio e di giugno può essere spuntata per contenerne lo sviluppo e mantenerla ordinata. Raggiunge un’altezza di circa 60 centimetri ed un diametro di circa 80. Limitata resistenza al gelo, fino a –5°C.Hebe Frozen Flame

Viburno

Il Viburnum nudus è un grande cespuglio di altezza e larghezza comparabili, 250 cm circa, foglioso e di colore verde scuro che in autunno si colora di rosso, variando dal viola al mattone, prima di spogliarsi. Le foglie sono allungate e leggermente coriacee. A partire da settembre le bacche in modo scalare si colorano passando dal rosa al viola scuro così che i grappoli di frutti presentano più colori. Di gusto molto acido, sono comunque commestibili. I fiori che le hanno precedute a cavallo fra primavera ed estate sono piccoli, fra il bianco e il giallo, profumati, raccolti cime piatte. Originario di boschi bassi, paludi e paludi negli Stati Uniti orientali e sudorientali dal Connecticut sud alla Florida e alla Louisiana, è un arbusto poco esigente che resiste fino a –10°C.viburnum nudus

Le scelte che non ti aspetti   

Ginepro

Chi ha sempre desiderato mettere a dimora una piccola conifera provi Juniperus horizontalis, arbusto a portamento prostrato, con foglie squamose, una embricata sull’altra, che col tempo si allarga sul terreno, ma che può essere mantenuto a lungo in vaso per la crescita lenta. Originario del Nord America non teme il freddo e può resistere a lungo anche con pochissima acqua. In particolare la varietà ‘Andorra Compacta Variegata’ ha foglie con inserzioni bianco crema. Si tratta di una specie dioica: gli esemplari femminili si riconoscono per i coni blu scuro, quelli maschili dalle piccolissime pigne giallastre lunghe che non raggiungono il mezzo centimetro di lunghezza. Raggiunge un’altezza di circa 40 centimetri e le punte dei rami crescono inizialmente verso l’alto conferendo un aspetto piumoso al cespuglio.Juniperus squamata

Il cavolo cinese

Una volta considerati una stranezza, oggi anche i cavoli cinesi hanno un valore ornamentale da scoprire e valorizzare. Le foglie delle varietà scure del pak choi, Brassica rapa sub. chinensis, sono perfette per porre in risalto quelle di colore grigio e le fioriture chiare. Pianta facilissima da coltivare può essere trattata come un normale cavolo invernale. Rustico, abbastanza resistente al freddo, adattabile alla coltivazione in vaso, cresce bene senza grandi cure, basta bagnarlo con regolarità. Cresce con forza fino a raggiungere il peso di un chilogrammo. Quando avranno raggiunto dimensioni troppo grandi potranno essere tolti dal vaso e cucinati per la nostra tavola.Pach-Choy

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4 / 5, basato su 3 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!